zona bianca 14 giugno

Finalmente è arrivato il giorno in cui ci sentiamo tutti più ottimisti pensando al futuro. Da lunedì 14 giugno, due italiani su tre si ritrovano in zona bianca, ovvero la zona considerata di minimo rischio relativamente alla diffusione del virus.

Uno status in cui le restrizioni vigenti e con cui conviviamo da un anno e mezzo si allentano enormemente e arrivano nuove regole che sembrano essere il ponte per il pieno ritorno alla normalità.

Zona bianca grazie ai dati confortanti

Un traguardo raggiunto grazie ai dati, finalmente confortanti, e alla campagna vaccinale che ormai ha raggiunto una buona fatta della popolazione, soprattutto in alcuni territori.

Nel Lazio per esempio, ieri, dallo scorso settembre si è segnato lo zero nella casella del bollettino che indica il numero dei morti per Covid. E in picchiata sono anche i numeri dei nuovi positivi e dei ricoveri.

Insomma, tutto è pronto per la ripartenza. Sebbene, anche l’anno scorso abbiamo assistito a un ottimismo e a un’liberi tutti’ che si è poi rivelato scriteriato, quest’anno, l’ottimismo è fondato sulla diffusione dei vaccini e sembra dunque, più fondato.

Da oggi quindi, due terzi degli italiani sperimenteranno una sorta di ritorno alla normalità precovid. Anche se non  si tratta ancora di un ‘liberi tutti’ perchè rimangono in vigore le misure di sicurezza basilari.

Zona bianca: le nuove regole

La zona bianca è il regime previsto per i territori considerati a rischio di contagio basso ed è il regime che più si avvicina a un deciso ritorno alla normalità. Da oggi salteranno quindi molte restrizioni con cui abbiamo dovuto convivere, ma non tutte. Vediamole nel dettaglio.

Coprifuoco

Addio al coprifuoco. Da questa sera, nelle regioni a zona gialla si potrà tranquillamente godersi una serata senza la ‘sindrome di Cenerentola’. Niente più occhio all’orologio per essere sicuri di rientrare nella propria abitazione nell’orario previsto dalle norme vigenti.

Visite a Parenti e Amici

Nessun limite per le visite a parenti e amici in zona bianca. Possibili in qualsiasi orario e in qualsiasi numero di partecipanti

Bar e Ristoranti

Se già da un paio di settimane era stata data la possibilità di consumare un caffè al bancone, dunque all’interno dei bar, con la zona bianca si torna a poter sedersi ai tavoli al chiuso dei ristoranti.

Il limite imposto per pranzare o cenare nelle sale interne è quello di sei conviventi, mentre all’esterno via libera alle tavolate.

Discoteche

Anche le discoteche riaprono, ma rimane per ora il divieto di ballare. I locali potranno rimanere aperti e si potrà andare per mangiare, bere o ascoltare musica.

Piscine, terme, parchi tematici, fiere

In zona bianca possono riaprire tutte le attività. Piscine al coperto, terme, parchi tematici, centri culturali e fiere riaprono.

Nelle piscine al coperto, palestre e terme sarà anche possibile fare la doccia sul posto, cosa finora vietata.

Restrizioni ancora vigenti in zona bianca

La zona bianca non è comunque ancora un liberi tutti.

Rimangono fermissime le regole basilari del distanziamento sociale.

Ancora in vigore quindi l’obbligo di indossare la mascherina e il divieto di assembramento.

Rispondi