GLOBE THEATRE gigi proietti

Alberto Angela e Ulisse Il piacere della scoperta fanno tappa al Globe Theatre di Roma. Il teatro elisabettiano nel cuore di Villa Borghese, fortemente voluto e per anni diretto da Gigi Proietti accoglie la troupe della Rai per raccontare una storia lontana e vicina.

Alberto Angela racconta infatti Enrico VIII e la sua epoca. L’epoca in cui William Sheakspeare scriveva le sue opere e le metteva in scena nel Globe Theatre. Il teatro romano è ricostruito esattamente sul modello di quello inglese. Il cartellone, scelto dal compianto Gigi Proietti si sviluppava ogni estate attraverso la proposta dei grandi classici del Bardo, in genere 3 tragedie e due commedie. La stagione è solo estiva perché il Globe Theatre di Roma, come l’originale è costruito interamente in legno e ha il tetto scoperto.

Nella puntata odierna di Ulisse dunque, per raccontare Enrico VIII e le sue moglie, Alberto Angela ha scelto il Globe Theatre, dove saranno ambientate alcune delle scene della sua sempre affascinante narrazione.

Globe Theatre: un teatro amatissimo

Gli autori hanno voluto così, oltre a sfruttare una scenografia perfetta per il loro racconto storico, anche omaggiare il grande Gigi Proietti che di quel progetto era innamorato e orgoglioso. E non poteva essere altrimenti. Il Globe Theatre è infatti un luogo davvero sui generis che ha saputo con la sua originalità e con la forza dei classici ritagliarsi un posto particolarissimo e intoccabile nel cuore dei romani. Soprattutto giovani, che hanno fatto il successo di un’impresa in cui all’inizio in pochi credevano. Chi ci ha creduto da subito però è stato Gigi Proietti. Direttore artistico e anima pulsante del teatro che ci ha regalato, anche in questa veste emozioni e conoscenza. 

Tra le scene di Ulisse riprese nel Globe Theatre ci saranno quelle con protagonista la figlia di Gigi, Carlotta Proietti che tante volte è stata protagonista degli allestimenti estivi. L’attrice figlia d’arte vestirà infatti i panni di Caterina D’Aragona nella narrazione di Alberto Angela.

Rispondi