Nasce la prima biblioteca condivisa di quartiere di Torpignattara che, dal 9 ottobre, sarà attiva al Teatro Studio Uno

Al suo terzo anno di attività “LaRocca Fortezza Culturale”, libreriaoasi artistica, luogo di incontro e condivisione di Tor Pignattara,inaugura mercoledì 9 ottobre dalle 18.00 la prima Biblioteca Condivisa di Quartiere, creata grazie alla partecipazione e alle donazioni dei libri da parte dei cittadini. Una raccolta preziosa svolta nell’arco dei tre anni di attività de LaRocca in collaborazione con il Teatro Studio Uno che ospiterà la Biblioteca, composta da più di 2000 volumi che potranno essere consultati o presi in prestito.

L’inaugurazione della Biblioteca Condivisa vuole essere una festa con e per il quartiere, in cui si potranno donare altri libri per accrescere la proposta culturale dei volumi in condivisione. In contemporanea sarà inaugurata la stagione 2019-20 “Direzioni Ostinate Percorsi nel Contemporaneo” del Teatro Studio Uno con cui La Rocca Fortezza Culturale lavora e collabora da sempre per creare una rete solida di relazioni sociali e culturali necessarie per rendere la nostra città un luogo più accogliente ed inclusivo.

Letture e musica dal vivo animeranno l’evento mercoledì 9 ottobre dalle 18:00 realizzato nei luoghi simbolo della resilienza culturale di Tor PignattaraTeatro Studio Uno e LaRocca Fortezza Culturaledue presidi resistenti della periferia est di Roma che nonostante le difficoltà cercano di essere una realtà artistica vitale, colorata e partecipata dove la comunità si riunisce grazie alla cultura

400 spettacoli, 50 residenze, 10 produzioni: 10 anni di fortezza culturale in una delle periferie più complesse di Roma. 10 anni di sperimentazioni, contemporaneità e nuove drammaturgie che con una direzione artistica “partita dal basso” è riuscita a coinvolgere l’intero quartiere, chiamando nomi poi “eletti” nel teatro istituzionale e pluripremiati.

Fino ad arrivare alla fondazione 3 anni fa di LaRocca Fortezza Culturale, una libreria condivisa aperta al quartiere che, insieme al teatro, ha dato vita in Via Carlo della Rocca a un vero e proprio virtuoso polo culturale in periferia. Un percorso e un progetto in grado di raccontare una fetta di città, la sua rinascita e la possibile convivenza tra arte e periferia, contemporaneo e popolare.

Il Teatro Studio Uno, diretto da Alessandro Di Somma ed Eleonora Turco, che nell’arco di dieci anni di attività hanno trasformato un piccolo spazio nel cuore di Tor Pignattara in un presidio culturale vivo e attivo, è un luogo d’incontro, condivisione e scambio,  punto di riferimento delle compagnie emergenti romane e non solo, dove sperimentare e confrontarsi ricercando un linguaggio nuovo per la scena e per l’arte che possa essere fruibile e condivisibile. 

Anche per questo nuovo ciclo il Teatro Studio Uno cerca di essere una casa dell’arte dove  coltivare rapporticollaborazioni e partnership che si trasformano in veri e propri sodalizi per un viaggio condiviso verso un unico fine: la valorizzazione della cultura. Relazioni che si estendono in ogni stagione dando vita ad importanti sinergie con altri spazi e realtà del territorio come quella con il Teatro Biblioteca Quarticciolo nata con il progetto “Associazioni in comune” e consolidata con il sostegno alla rassegna “Pillole #Tuttoin12minuti” da cui è stato selezionato “Cervus” produzione TS1 e Lumik Teatro. 

“Direzioni Ostinate: percorsi nel contemporaneo” è un viaggio coraggioso intrapreso passo dopo passo, curva dopo curva insieme agli artisti che nel Teatro Studio Uno ritrovano un rifugio protetto ed ospitale dove fermarsi per far nascere le proprie idee: sperimentare intuizioni con lavori embrionali, piantare semi di spettacolo, trovare l’humus adatto per sviluppare progetti. Tutto attraverso percorsi di Ricerca Permanente, Residenze e Laboratori, affiancati da un’offerta formativa per adulti e bambini del territorio capace di animare anche quest’anno la stagione culturale del teatro, Casa Romana Indipendente nel cuore di Tor Pignattara.

Info: www.teatrostudiouno.com– info.teatrostudiouno@gmail.com

Rispondi