Torino

State pensando di approfittare degli ultimi giorni di vacanza per una visita a una città d’arte ricca di storia e bellezza come Torino? Allora, venite con noi, perchè oggi andiamo proprio alla scoperta della città Sabauda. A farci da guida c’è Elena Laviano, torinese d.o.c.

Elena, raccontaci qualcosa di Torino, cosa lo rende speciale? Perché dovremmo venire a scoprirlo quest’estate?

Torino è una città che si è riscattata dalla sua fama di città industriale solo da pochi anni. È una città che dietro l’aspetto sobrio e austero nasconde veri e propri capolavori, nonché una storia affascinante. Inoltre offre ai propri visitatori eccellenze enogastronomiche che bisogna assolutamente provare! Ecco perché non bisogna assolutamente perdersi una visita a Torino.

 
Quali sono le cose da vedere assolutamente?

Sicuramente il circuito delle Residenze Sabaude, una vera e propria corona di delizie concepita per la corte torinese. Si parte da Palazzo Reale, proseguendo per Palazzo Madama, il Castello di Rivoli, la Palazzina di Caccia di Stupinigi, la Reggia di Venaria Reale, il Castello Ducale di Agliè… Imperdibili il Museo Egizio e il Museo del cinema

Per un tour della città suggerirei di seguire la storia degli ampliamenti architettonici effettuati da metà 500 in avanti. Partendo da Piazza Castello visitare i quartieri dell’antica città romana intorno a Via Garibaldi, per poi proseguire in Piazza San Carlo e Via Maria Vittoria (in cui si possono ammirare i lussuosi palazzi seicenteschi costruiti durante il secondo ampliamento cittadino voluto dalla prima Madame Reale, Maria Cristina di Francia), Piazza Vittorio e Via Po. 


I piatti o i prodotti tipici da assaggiare se veniamo in vacanza da quelle parti?

Non si può assolutamente ripartire dal Piemonte senza aver assaggiato i tipici agnolotti del plin con sugo di arrosto, il bollito misto alla piemontese e la mitica bagna caoda! Il tutto ovviamente accompagnato da uno dei nostri buonissimi vini… E per terminare una panna cotta o un bonet (budino al cioccolato ed amaretti). 

Le esperienze più belle da fare?

Suggerirei una gita fin sulla collina di Superga utilizzando la dentera, trenino a cremagliera che parte dalla Borgata Sassi e risale tutta la collina fino alla grandiosa basilica concepita da Filippo Juvarra per celebrare la vittoria sui Francesi del 1706. Dalla collina nelle giornate limpide la vista spazia fino alle montagne. 


Qual è in assoluto il tuo posto del cuore e perché è il tuo luogo preferito?

Il mio posto del cuore è la Palazzina di Caccia di Stupinigi, situata alle porte della città. È il mio luogo preferito in quanto sono un’appassionata di arte barocca, e la palazzina rappresenta sicuramente uno dei vertici dello stile barocco e rococò in Italia. 

Un posto davvero poco conosciuto di Torino che merita una visita, e perché?

Suggerirei una visita alla Frazione Vru nel comune di Cantoira in Val Grande di Lanzo. Si tratta di una tipica borgata di montagna che è stata amorevolmente restaurata dalsSig. Francesco Berta (Cichin), che ha anche costruito un presepe meccanico unico nel suo genere. È un luogo assolutamente poco turistico ma molto suggestivo. 

Rispondi