Home Oltre Raccordo: Storie di donne dal mondo Oltre Raccordo: Storie di donne dal mondo

Oltre Raccordo: Storie di donne dal mondo

93
0
storie di donne dal mondo

Oltre Raccordo è il blog di TuaCityMag che ogni settimana vi racconta storie di donne dal mondo.

Per le storie di donne dal mondo di Oltre Raccordo, questa settimana vi portiamo in Indonesia, in Slovacchia e in Svezia

LA SULTANA

Questa è la storia di una prima volta di una donna, ma è ancor di più la storia di una prima volta di un uomo, un uomo potente come può esserlo un sultano.Il decimo Sultano di Yogyakarta Hamengkubuwono X, ha mandato le sue 5 figlie a studiare all’estero, le ha cresciute indipendenti e consapevoli. E ora, per spezzare una tradizione di maschilismo e il clima sempre più integralista che si respira in Indonesia ha fatto un ultimo decisivo passo, sfidando la tradizione e le ire dei maschi di famiglia. Il sultano, 72 anni, primogenito di 21 fratellastri, che è stato il primo della sua famiglia a prendere in moglie una sola donna, ha scelto il suo erede al trono: sua figlia, la principessa Mangkubumi, prossima Sultana, prima donna a ricevere tale onore e responsabilità.

L’AVVOCATA CHE PORTA ARIA NUOVA IN EUROPA ORIENTALE

È la prima donna presidente della Slovacchia: Zuzana Caputova, avvocata, 45 anni, è stata eletta con il 58,4% dei voti al ballottaggio. Si è sempre battuta per i diritti civili e le battaglie ecologiche. Lo slogan della corsa presidenziale di Caputova, significa: « Affrontiamo il male, possiamo farlo insieme». In pochi mesi Zuzana è passata dall’essere una sconosciuta outsider a presidente. Madre di due figlie adolescenti, rappresenta un’onda nuova in Est Europa dove soffiano venti di chiusura e xenofobia.

GRETA E LA GIORNATA SULL’AUTISMO


“Ho avuto la mia bella dose di depressione, ansia e alienazione, ma senza la mia diagnosi non avrei mai iniziato gli scioperi, perché sarei stata come tutti gli altri. La nostra società ha bisogno di cambiare e abbiamo bisogno di persone che pensino fuori dagli schemi, di prenderci cura l’uno dell’altro e di abbracciare le nostre differenze.No, l’autismo non è un dono. Per molti è una lotta infinita contro le scuole, i posti di lavoro e il bullismo. Ma sotto alcuni aspetti, può essere un superpotere”. Sono le parole, scritte in occasione della giornata sull’Autismo, sul su profilo Facebook da Greta Thunberg. La ragazzina che tutto il mondo ha imparato a conoscere per le sue battaglie ecologiste, è affetta dalla Sindrome di Asperger, eppure in pochi mesi ha fatto un discorso memorabile ai potenti della terra, ha lanciato un movimento globale (fridays for future) ed è diventata un modello per tanti coetanei.

Rispondi