Home News Sudan: stop alle mutilazioni genitali femminili

Sudan: stop alle mutilazioni genitali femminili

1138
0

Oggi per “Oltre Raccordo” andiamo in Africa e vi raccontiamo di un’importante misura del governo sudanese che ha deciso di mettere al bando la barbarie delle mutilazioni genitali femminili

Una grande vittoria contro una barbarie che affligge molte donne in diversi paesi del mondo. Il Sudan ha finalmente reso illegali le mutilazioni genitali femminili.

Il nuovo governo del Sudan ha messo al bando la feroce pratica, i cui ancora oggi sono vittime tante bambine e ragazze.

Le Nazioni Unite stimano che quasi nove donne sudanesi su 10 sono state sottoposte alla forma più invasiva delle mutilazioni genitali femminili, che comporta la rimozione parziale o totale dei genitali femminili esterni e porta a problemi di salute e sessuali che possono essere fatali.

Ora, chiunque in Sudan esegua le mutilazioni rischia una pena detentiva di tre anni e una multa in virtù di un emendamento al codice penale del Sudan approvato la scorsa settimana dal governo di transizione del paese.

“Questo è un grande passo per il Sudan e il suo nuovo governo”, ha affermato Nimco Ali della Five Foundation, un’organizzazione che si batte per la fine delle mutilazioni genitali a livello globale. “L’Africa non può prosperare se non si prende cura di ragazze e donne.”

RispondiAnnulla risposta