L'Avversario: Marco Tardelli e Roberto Mancini

Torna il programma che racconta le storie dei grandi nomi dello sport, questa sera Marco Tardelli intervista Roberto Mancini

 Due enromi nomi del calcio italiano a confronto, uno a fare domanda, l’altro a raccontare la sua carriera stellare .Nel secondo episodio de L’Avversario in onda stasera in tv, lunedì 12 giugno in seconda serata su Rai Tre, Marco Tardelli racconta la storia di Roberto Mancini, campione indimenticato sul campo e allenatore dell’ultima nazionale italiana capace di portare a casa un importante trofeo, gli Europei.

Il nuovo format di  Stand by me, racconta ogni lunedì sera la vita di grandi campioni dello sport, svelando tutto quello che c’è dietro i grandi trionfi sportivi: gli innumerevoli ostacoli e avversità che hanno dovuto superare, sia in campo che fuori, nel loro cammino verso il successo.

L’Avversario, intervista a Roberto Mancini: anticipazioni

Ecco le anticipazioni della puntata da 45 minuti di questa sera de L’Avversario. Marco Tardelli nella veste di conduttore intervista Roberto Mancini partendo dalle origini quando il “Mancio”, appena diciannovenne, viene convocato per la prima volta in Nazionale in occasione di una tournée in America, ma ne viene subito escluso dal CT Enzo Bearzot dopo essere uscito, a fine partita, con alcuni compagni di squadra, tra cui lo stesso Marco Tardelli. Non andrà meglio negli anni successivi, tanto che nonostante il talento calcistico puro e la personalità dirompente, Roberto Mancini non toccherà mai una palla in un Mondiale di calcio né, da CT della nazionale, riuscirà a parteciparvi.

I Mondiali sono dunque, nella sua carriera sfolgorante, quasi uno scherzo che il destino continua a mettergli davanti e sono lo spunto per ripercorrere le pagine più belle della sua storia: dai molti trofei vinti prima con La Sampdoria e poi con Lazio al rapporto con l’amico di una vita Gianluca Vialli, qui rievocato con un ricordo molto intimo.

Un avvincente racconto dello sport fatto da chi lo sport lo ha vissuto e praticato da campione, che si arricchisce di preziose immagini e filmati di repertorio, come quelle delle partite di Mancini con la Sampdoria nel campionato del 1990/91 quando vinse lo scudetto, una delle ultime grandi imprese del calcio italiano, oppure quelle del Mancini CT della Nazionale che ha guidato gli Azzurri verso la vittoria di uno storico Europeo nel 2020.

RispondiAnnulla risposta