In arrivo a Roma una vera grappa d’autore. Stiamo parlando di Sgrappa, la grappa di Maurizio Cattelan. Un distillato frutto di un’intuizione dell’artista insieme agli amici Paolo Dalla Mora e Charley Vezza,che si presenta a Roma, da giovedì 1 luglio a sabato 3 luglio 2021 con SGRAPPA E VIA!, il suo primo pop-up bar in piazza Pasquino 69.

Un modo per scoprire l’ironica drink list del brand attraverso un’esperienza che rompe le regole come solo Sgrappa sa fare.

Dopo la prima incursione a Milano, sarà così possibile scoprire nel cuore di Roma i cocktail Sgrappa Sour, Sgrappa Tonic e F*** on the beach, ordinando attraverso una piccola e curiosa apertura: i cocktail sbucheranno dall’inaspettato arco in marmo nelle mura che affacciano su Piazza di Pasquino, sorprendendo così il pubblico con ironia.

Il pop-up bar SGRAPPA E VIA!, con un format che punta a mettere al centro dell’esperienza la grappa – acquavite dalla storia ultracentenaria – nella sua essenzialità, conferma la volontà di rilanciare l’immagine di un prodotto, che può essere considerato lo “spirito” italiano per eccellenza, in una nuova chiave, contemporanea e cosmopolita.
Se la qualità del nostro Paese è infatti protagonista indiscussa dell’aperitivo e della tavola a livello internazionale, nella miscelazione manca un prodotto di riferimento del Made in Italy che possa dare continuità, anche nel dopo-cena, a quel senso di appartenenza.

La Sgrappa di Maurizio Cattelan: grappa d’autore miscelabile

“Sgrappa per me è una ‘scusa’ per ricordare mio padre”, racconta Maurizio Cattelan. “Amava bere grappa e la produceva per sé in casa. Prendeva una pentola a pressione – l’unica che avevamo, per cui in quei giorni con mia madre e mia sorella sapevamo che avremmo mangiato la metà –, e ci inondava con questo odore fortissimo. Negli anni ho iniziato a berla anche io, ma non la sua, che era davvero tremenda. Sgrappa è un modo per ricordarlo, ma in fondo anche una sfida per migliorare quella sua grappa imbevibile. Penso di esserci riuscito con Paolo e Charley, se lui fosse ancora in giro, Sgrappa non gli piacerebbe affatto”.

La Sgrappa di Maurizio Cattelan, prodotta artigianalmente in Piemonte, è una grappa dallo spirito forte, ma solo all’apparenza. Le vinacce da uve rosse, umide e ricche di profumi, vengono lavorate con piccoli alambicchi discontinui in rame a getto di vapore, per ottenere la flemma, che poi viene passata in una moderna colonna di rettifica per ottenere la massima pulizia al naso.
Nel bicchiere si ritrovano ricordi di frutta e fiori bianchi, ma il finale è schietto, dove emerge delicatamente la materia prima, le bucce dell’uva.
Al palato questa grappa conferma la sua natura, con un’ottima corrispondenza dei profumi, ed un finale elegante di uva passa. Dal gusto pulito e leggero, invita ad un secondo sorso, quasi necessario per apprezzare in pieno le sue caratteristiche.

Sgrappa: nata da una sfida tra amici

“Sgrappa è nata come una sfida tra amici. Una sera eravamo a casa io, Paolo e Maurizio e arriviamo al tipico momento ‘Dai, un ultimo cocktail’, ma era finito tutto. Era rimasta solo una bottiglia di grappa, uno di quei classici regali indesiderati. ‘E se la misceliamo con la tonica?’”, racconta sorridendo Charley Vezza, Global Creative Orchestrator del brand di design Gufram. “Ovviamente quell’ultimo cocktail non era per niente l’ultimo. E per niente buono! Però l’idea di farci una grappa tutta nostra, buona da miscelare, ce la siamo ricordata stranamente anche il giorno dopo. Oltre al gusto, abbiamo rinnovato anche il design della bottiglia ispirandoci al vecchio fiasco di vino. Così un fiasco è diventato un oggetto iconico”.

Adatta a tutte le esigenze, Sgrappa è una grappa moderna, versatile, che può essere consumata liscia, in buona compagnia, ma raggiunge la sua massima espressione miscelata con acqua tonica o succo di pompelmo rosa, come indicano le nuove tendenze di questo distillato.
Una grappa che permette di assaporare pienamente il vero spirito italiano, con una drink strategy ironica che richiama alcune delle ricette più conosciute e tradizionali nel mondo della mixologia: Sgrappa al Salto, Sgrappa Tonic e Sgrappa Sour – evocazione dei più grandi classici –, ma anche una reinterpretazione del digestivo fine pasto come lo Sgrappino, e gli originali long drink F* You, F* You Too e F*** on the Beach, sottile richiamo al “dito medio” della bottiglia e messaggio indelebile anche nell’aperitivo.

“Abbiamo voluto dare origine a un distillato con una forte attitudine alla miscelazione, dall’identità morbida, apprezzabile anche dai palati più gentili”, afferma Paolo Dalla Mora, già imprenditore nel mondo degli spirits con il gin ENGINE. “L’utilizzo della grappa nei cocktail è ancora poco esplorato, ma con un grande potenziale che supera i classici canoni di consumo. Per questo il carattere imprevedibile di Sgrappa contamina anche la nostra drink strategy, ironica e fuori dalle regole”.

La Bottiglia

Lo spirito di Sgrappa emerge con humour dirompente anche nel design della bottiglia: Cattelan la contamina inaspettatamente con la sua cifra visionaria inserendo all’interno un incontrovertibile e ironico gesto artistico. È la sua firma – in un’inedita trasparenza –, ma anche una dichiarazione dell’identità del prodotto, fuori dagli schemi e un po’ ribelle.

“Nella bottiglia c’è un messaggio, che può funzionare per tutti, per chi ami, ma in fondo anche per chi ti sta un po’ sulle palle”, afferma Maurizio Cattelan. “È il regalo perfetto da fare e quello che forse non vorresti mai ricevere”.

Sgrappa, distribuita in Italia in esclusiva da Velier – dal 1947 specializzata nell’importazione e nella distribuzione di liquori e distillati –, è presente nei migliori cocktail bar ed enoteche italiane, ed è acquistabile online su www.sgrappa.com.

Da giovedì 1 a sabato 3 luglio 2021

Dalle ore 18.00 alle ore 24.00

Piazza di Pasquino 69, Roma

Servizio esclusivamente d’asporto

Rispondi