Home Mamma A Roma Scuola: guida all’inserimento (senza stress)

Scuola: guida all’inserimento (senza stress)

322
0
inserimento asilo

A settembre per le famiglie con bambini in età da asilo e materna arriva un nuovo impegno, quello del periodo di inserimento. Ecco come affrontarlo senza stress

Con Settembre per le famiglie con bambini in età da asilo e materna arriva l’incubo chiamato inserimento.
Il conto alla rovescia è terminato, la campanella suona e con l’apertura delle scuole i genitori di bambini attorno ai tre anni si trovano ad affrontare una fase del tutto nuova della loro crescita personale e
familiare.
Ecco allora che i primi giorni di scuola e la fase del cosiddetto inserimento, diventano un’occasione di crescita non solo per i piccoli ma anche per i genitori alle prese con la prima vera esperienza di distacco.
L’inserimento coinvolge infatti l’intera famiglia che, insieme agli educatori e al personale scolastico, avrà il compito di mediare e favorire un ambiente il più possibile accogliente per i bambini alle prese con
nuove regole, abitudini e attività da condividere con persone sconosciute.
Al bambino durante l’inserimento va poi concesso un ruolo attivo nell’esplorazione del nuovo ambiente. Per farlo servono
tempo, gradualità ma soprattutto fiducia nell’innato potenziale all’adattamento dei piccoli.
Si va quindi incontro ad una nuova, necessaria fase di crescita che traghetta i piccoli verso una maggiore autonomia, ma mette in gioco anche molte emozioni, spesso contrastanti fra loro.
Da un lato l’orgoglio dei genitori e l’entusiasmo e la curiosità dei piccoli dall’altro l’incognita di ciò che li attende e la difficoltà di affidare i propri figli a qualcuno che non conosciamo, i sensi di colpa, la gelosia.
E allora come gestire al meglio la fase di inserimento al nido o alla scuola materna e renderla un’esperienza positiva per genitori e figli?
Cosa fare e cosa evitare per non influenzare negativamente la fase di inserimento?
Ecco i consigli di Tuacitymag.

Guida all’Insermento: Procedere con gradualità

Ogni bambino ed ogni famiglia hanno i loro tempi di inserimento. Non esiste un periodo standard,procedere con gradualità è fondamentale.
Di comune accordo con gli insegnanti, mano che il bambino sarà in grado di aumentare le ore di frequenza, la presenza dei genitori si ridurrà gradualmente.
Anche se il bambino piange, evitare di andare via di nascosto e non dilatare all’infinito il momento del distacco. Meglio salutare con un sorriso il piccolo, spiegando che presto si tornerà a prenderlo.

Gudia all’inserimento: Parola chiave: Fiducia

La scuola non è solo apprendimento ma una palestra di vita che sviluppa le capacità di comunicare le proprie emozioni, gestire i conflitti e trovare autonomamente la soluzione ai problemi.
Per farlo, in una fase delicata come quella dell’inserimento, la collaborazione tra insegnanti e genitori è fondamentale. Come lo è anche l’applicazione di strategie comuni commisurate alle caratteristiche
individuali del piccolo, in grado di accompagnarlo coerentemente verso questa nuova tappa della crescita.
Un approccio sereno e collaborativo tra struttura e genitori, scambiando magari due chiacchiere in presenza del bimbo, lo aiuterà ad avere fiducia nei confronti delle sue nuove figure di riferimento.
Se necessario, si può lasciare al bambino un oggetto familiare, come un piccolo gioco, in grado di rassicurarlo nel nuovo contesto.
Se possibile, evitare ritardi nell’orario di uscita e, soprattutto nella fase di inserimento, evitare cambi di programma di cui il bambino non è a conoscenza.

Rispondi