ritardo ciclo
Foto: Pexels

Ciclo in ritardo, qual è il primo pensiero che vi viene in mente?

Sicuramente in molte risponderete: la gravidanza. Eppure sono diversi i motivi per i quali le mestruazioni possono tardare (o arrivare in anticipo). Le cause di un ciclo irregolare possono essere diverse, ed è bene conoscerle per non allarmarsi, e per fare, eventualmente i dovuti controlli.

A spiegarcelo è la dottoressa Emanuela Farris, ginecologa e consulente di Intimina, il marchio per la salute intima femminile, che ci ha fornito questo vademecum sul ciclo ‘ballerino’.

Il ciclo mestruale non dura 28 giorni per tutte

Per capire di più sulle cause del ritardo del ciclo, bisogna letteralmente partire dalle ‘basi’, ovvero quanto dura in media il ciclo mestruale? E quindi quanto dura troppo? Quando troppo poco?

Di base, quello che comunemente si crede è che la durata ‘standard’ del ciclo sia di 28 giorni, ovvero quattro settimane.

Ma il punto è che non esiste uno standard così preciso, e se di standard si può parlare, questo ha un’ampiezza molto diversa.

Il ciclo mestruale dura in media dai 21 ai 35 giorni, quindi con differenze, anche notevoli, tra donna e donna.

Questa è una prima informazione utile da tenere bene in mente. Ritardi o anticipi, rispetto alla nostra personale ‘lunghezza’ del ciclo, sono condizionati da diversi fattori.

Vediamo quali sono i più frequenti con le indicazioni della dottoressa Farris per Intimina.

Ritardo del ciclo: le cause più comuni

Se escludiamo la gravidanza, che è ormai molto semplice da scoprire grazie agli appositi test veloci, possiamo ridurre le più comuni cause del ritardo del ciclo a una lista di sei motivi.

Vediamoli insieme.

Stress

Non c’è dubbio che lo stress sia nemico del nostro corpo e della nostra salute in molte forme. E un periodo particolarmente impegnativo e di sovraccarico nervoso può influire anche sulla regolarità delle mestruazioni.

 “Questo succede perché durante i periodi di stress, l’ equilibrio ormonale cambia e il ciclo diventa irregolare. Stiamo parlando di uno stress importante.” Spiega la dottoressa Farris. “I cambiamenti legati allo stress potrebbero essere diversi, non solo il ciclo in ritardo. Lo stress può provocare flussi più abbondanti, più dolore durante le mestruazioni, e altre sensazioni spiacevoli. Se si individua la causa di questi cambiamenti in un forte stress, bisogna iniziare a lavorarci per migliorare la situazione.

Tra i rimedi per minimizzare gli effetti negativi dello stress c’è la meditazione, il movimento o qualsiasi altra cosa che ti aiuti rilassarsi. Questo aiuterà il corpo a bilanciare i livelli di cortisolo e avvicinerà il ciclo almeno un po’ alla sua regolarità”.

 

Ovaio policistico

Le mestruazioni irregolari sono tra i sintomi più frequenti di chi soffre di sindrome dell’ovaio policistico.

“Non necessariamente un ciclo irregolare è legato alla presenza di ovaio policistico. In ogni caso questa è una delle possibili cause del ciclo in ritardo, e in presenza di altri sintomi, come l’irsutismo, conviene approfondire attraverso una visita ginecologica”.

Premenopausa

La premenopausa è un periodo di cambiamento che può iniziare anche fino a 10 anni prima della menopausa vera e propria.

“I cicli irregolari (in anticipo o in ritardo) possono capitare in qualunque momento della vita fertile di una donna. Non basta avere le mestruazioni in ritardo (o saltarle) una volta per fare una diagnosi di pre menopausa” spiega la dottoressa Farris. “Se questa situazione diventa frequente però, anche in questo caso converrà parlare con il medico”.

Oscillazioni di peso

Il ritardo nel ciclo, può essere conseguenza di un dimagrimento troppo veloce o di un aumento di peso?

Anche se non ci avete mai pensato, la risposta è sì.

A volte un’eccessiva perdita o aumento di peso può portare a cambiamenti ormonali e gli squilibri ormonali portano a cambiamenti del ciclo.

“La cosa importante qui è mantenere una dieta sana ed equilibrata, esercitarsi regolarmente e prendersi cura del proprio corpo nel suo insieme. Idealmente, non dovrebbero esserci fluttuazioni di peso significative (in aumento o in diminuzione) in un breve periodo. Questi cambiamenti  dovrebbero avvenire durante un periodo più lungo, dando al corpo il tempo necessario per adattarsi”.

Pillola Anticoncezionale

La pillola dovrebbe rendere le mestruazioni più puntuali, ma il corpo potrebbe aver bisogno di tempo per adattarsi a una nuova impostazione ormonale. Ed è questo il possibile legame tra pillola anticoncezionale e cambiamenti del ciclo.

“Sebbene normale, questo può essere fonte di angoscia. La cosa migliore da fare in questo tipo di situazione è dare un po’ di tempo al proprio corpo.”.

Malattie Croniche

Alcune malattie croniche avere come conseguenza cicli mestruali irregolari.

“Succede perché nella maggior parte delle condizioni croniche (diabete, malattie della tiroide, malattie infiammatorie intestinali, etc.) c’è un’infiammazione nel corpo che porta a cambiamenti e squilibri ormonali.” Spiega la dottoressa Farris. “La cosa più importante è tenere sotto controllo la malattia cronica effettuando regolarmente i controlli”.

Rispondi