Home Interviste Rebecca Spitzmiller: “#BellaRoma: la grande festa di Retake, per riprenderci la città”

Rebecca Spitzmiller: “#BellaRoma: la grande festa di Retake, per riprenderci la città”

304
0

#BellaRoma è il grande evento di Retake Roma, che si terrà domenica 31 marzo con 4 eventi paralleli in città. Ce lo siamo fatte raccontare dalla fondatrice, Rebecca Spitzmiller

E’ un miracolo civico quello di Retake Roma, il movimento spontaneo di cittadini, nato dall’iniziativa di una donna stufa di veder crescere il degrado del suo quartiere, e che in pochi anni si è allargato a macchia d’olio in città, e andando anche molto oltre il raccordo anulare.

Un’onda che continua ad attrarre attenzione e partecipazione, e cresce sempre di più.

Quest’onda di bellezza e positività si abbatterà su Roma domenica 31 marzo dalle ore 9 con il più grande evento Retake finora mai realizzato: #BellaRoma, uno tsunami di partecipazione, cura, interesse per il proprio territorio con 4 eventi in parallelo di riqualificazione urbana, con la partecipazione di oltre 50 associazioni e un programma di attività che spazia da azioni di rinnovo urbano e interventi di rimozione dei rifiuti abbandonati a giochi formativi sull’ambiente, visite guidate, laboratori e performance artistiche.

I 4 luoghi dell’evento saranno Colle Oppio (I Municipio), Largo Fratelli Lumiere (III Municipio), Piazza Ragusa (VII Municipio), il Canale dei Pescatori a Ostia (X Municipio). Ad ognuno sarà abbinato un elemento naturale (rispettivamente Terra, Fuoco, Aria, Acqua), una dimensione della vivibilità della città (spazi verdi, piazze, arte urbana, accesso al mare) e un target del goal n. 11 (città e comunità sostenibili) dei Sustainable Development Goals (SDG) promossi dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell’ONU.

Non l’avrebbe mai detto forse, Rebecca Spitzmiller, quella mattina del 2009 quando, stufa di vedere il suo palazzo sporco, con tutto il suo pragmatismo americano, si tirò su le maniche e iniziò a pulirlo, con il figlio. E’ da questo piccolo gesto che nasce una realtà che oggi vanta 85 gruppi nei vari quartieri di Roma, e organizza circa 500 eventi l’anno, lottando instancabilmente contro il degrado e per la valorizzazione dei beni pubblici.

“Si, mi piace pensare a Retake Roma, come a un ‘miracolo civico’, perché è qualcosa che rinforza la fede nell’umanità e nella possibilità di sperare un miglioramento.”

Rebecca Spitzmiller, statunitense, professoressa di diritto comparato all’ Università Roma Tre, nominata Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana “per il suo coinvolgente impegno nella lotta contro il degrado urbano e nella difesa dei beni comuni”, è  la fondatrice del movimento e ci racconta così, il mondo Retake:

“E’ partito tutto dalla mia frustrazione che cresceva vedendo aumentare il degrado del mio quartiere. A un certo punto ho semplicemente deciso di reagire, prima che fosse troppo tardi. E’ importante attivarsi prima possibile quando si capisce che c’è un problema, altrimenti il problema aumenta e diventa insormontabile. Anche con il degrado è così: se lasci andare l’ambiente in cui vivi, la sporcizia, la bruttezza, la mancanza di rispetto, poi ti inghiottirà. Io ho iniziato da quello che mi stava più a cuore in quel momento: il palazzo in cui vivo. In pochi giorni, con mio figlio, siamo riusciti a ripulirlo. Poi si sono unite altre donne del quartiere perché, diciamolo, questo atto iniziale è stato un atto molto femminile e cioè un atto coraggioso, gratuito, generoso, pieno di perseveranza, pazienza e determinazione a combattere contro una situazione che ritenevamo sbagliata e ingiusta. Abbiamo organizzato un primo evento nel marzo del 2010 per riprenderci Villa Borghese, che ha attirato l’ attenzione dei media, e poi di tanti cittadini. Da quel momento abbiamo iniziato a crescere anche grazie a Facebook, e oggi siamo una realtà che conta 85 gruppi sparsi in tutti i quartieri di Roma, una sorta di patchwork (una metafora che richiama non a caso un’usanza femminile), che stiamo completando tutti insieme, e ci siamo allargati anche a 40 altre città italiane”.

Numeri grandi per un’idea semplice, ma che ha la forza di coinvolgere tante persone. Qual è il segreto?

“Il Retake fa bene alla città, ma è anche una cosa che dà soddisfazione a chi lo fa. E così abbiamo scoperto che in tanti hanno una gran voglia di fare la loro parte per prendersi cura del loro quartiere. Il Retake fa bene ma è anche divertente e crea comunità. Quando partecipi a un Retake provi la felicità di aver contribuito a migliorare la tua città, e nel frattempo fai nuove amicizie, passi un pò di tempo all’aria aperta, e probabilmente ti diverti e alla fine sei orgoglioso di quello che hai fatto. E’ un’attività che ti fa sentire vivo, utile e con cui hai reso più bella Roma. Cosa c’è di meglio?”

Cosa risponde a chi dice che però, pagando le tasse per questi servizi, a pulire i quartieri, dovrebbero pensarci le Istituzioni?

“Il punto è che ognuno deve fare la propria parte. Bisogna smetterla di lamentarsi e basta, perché non porta a niente. Ognuno di noi deve cominciare a cambiare se stesso per migliorare poi il resto.E noi siamo l’esempio di quanta voglia di fare abbiano le persone per migliorare le cose. Poi certo, ognuno deve fare il suo. Il motto di Retake è “Wake Up”!, “Svegliamoci” prima di tutto noi e, con la nostra attività, la nostra partecipazione, il nostro interesse, diamo anche la sveglia alle istituzioni!”

“Retake”, vuol dire “riprendiamoci la città”, iniziando a pulirla, per poi continuare a prendersene cura. Lo slogan dei Retakers è “Wake up” ovvero:“Sveglia!”, che poi porta ai concetti di “Grow up”, cioè “prendersi la responsabilità” del proprio territorio e infine di”Wise up”, cioè “diventa saggio” nell’usarlo e nel gestirlo.

Idee chiare e semplici per migliorare la città, ma ci voleva il pragmatismo di un’americana per portarle a Roma?

“Me lo dicono tutti: ‘ci voleva un’americana che ci pensasse?!’. Non lo so, di certo io ho una prospettiva esterna differente, e anche una cultura impregnata di senso civico. Per tutti gli anni della mia crescita, negli Stati Uniti, è stata portata avanti una costante campagna di sensibilizzazione sul decoro e il rispetto dei beni pubblici, che veramente mi ha formato. In uno degli spot usati da questa campagna c’era una bambina, all’epoca una mia coetanea, che rimproverava il padre, facendolo vergognare quando buttava una carta per terra. Ecco, la voce innocente di quella bambina era la voce che ridava l’orgoglio a chi si prendeva la responsabilità di tenere puliti e di curare gli spazi di tutti. Se ci penso, a distanza di tanti anni, oggi c’è un’altra bambina che sta facendo vergognare gli adulti e li sta invitando a riprendersi le loro responsabilità e a tornare ad essere orgogliosi della loro terra, Greta Thunberg.”

Prendersi le proprie responsabilità e tornare a poter essere orgogliosi di Roma,la cui immagine non brilla al momento, è un altro miracolo di Retake?

“Come si fa a non essere orgogliosi di questa città? A non trattarla con il rispetto che merita? Sembra che voi non vi rendiate conto che questa è la Città d’Arte per eccellenza, uno scrigno di tesori di infinita bellezza, che vanno curati perché sono patrimonio di tutta l’umanità. Ma è più facile essere negativi che prendersi le proprie responsabilità. Bisogna reagire invece, e fare!”

Quindi, per i romani che vogliono rimboccarsi le maniche e fare: come possono entrare nel mondo Retake?

Possono iscriversi ai gruppi Facebook del loro quartiere: troveranno senz’altro un evento interessante, con tutte le relative indicazioni. A marzo, per darvi un’idea, ne abbiamo organizzati 80! Venite con scarpe e vestiti comodi, voglia di fare, e positività e vedrete che, una volta che avrete provato, diventerà un appuntamento fisso.

Intanto, l’appuntamento per tutti è con #BellaRoma, domenica 31 marzo dalle 9, con una giornata all’insegna del Retake, della sostenibilità, della partecipazione, ma anche della cultura e della socialità. Come detto, gli appuntamenti sono 4: Colle Oppio (I Municipio), Largo Fratelli Lumiere (III Municipio), Piazza Ragusa (VII Municipio), il Canale dei Pescatori a Ostia (X Municipio). Tutte le info le trovate sull’evento Facebook (qui) e sul sito: qui.

retake roma

Rispondi