raoul bova terence hill don matteo
Foto: Fabio Iovino/Ufficio Stampa RAI

Ormai è ufficiale: Raoul Bova sostituirà Terence Hill come protagonista di Don Matteo.

Per una delle fiction RAI più longeve e amate di sempre è arrivato il momento del passaggio di testimone.

Una staffetta anticipata da molti rumors. E’ bastato che arrivasse nelle redazioni il comunicato di inizio delle riprese della nuova serie di Don Matteo in quel di Gubbio e dell’annuncio di una new entry del calibro di Raoul Bova al fianco di Terence Hill per scatenare ipotesi e illazioni.

Due pezzi da novanta della fiction italica, entrambi nel ruolo di preti, come avrebbero convissuto nello sviluppo narrativo della serie?

Era evidente che qualcosa stesse bollendo in pentola ed è stato immediatamente chiaro che quel qualcosa potesse essere solo un avvicendamento tra vecchia e nuova generazione di preti detective.

Raoul Bova e Terence Hill: le dichiarazioni su Don Matteo

Dopo qualche giorno in cui le voci si sono rincorse sono stati proprio i due protagonisti della vicenda, Raoul Bova e Terence Hill, direttamente dal set di Don Matteo a vuotare il sacco e a rivelare la verità.

Ebbene sì, Raoul Bova entra di gran carriera nel cast della fiction per rimanerci da protagonista, mentre Terence Hill dopo tanti anni a salire e scendere in bicicletta i vicoli di Gubbio per risolvere misteri, saluterà i fan in questa nuova stagione della fiction.

“Non è prevista una puntata incentrata sull’uscita di scena di Don Matteo. Non ci saranno lacrime e abbracci”anticipa Terence Hill nell’intervista doppia rilasciata con Raoul Bova al Corriere della Sera direttamente dal set umbro.

E’ proprio in questa occasione che le voci vengono confermate e che viene confermato quello che in molti avevano già capito: Raoul Bova sarà il successore di Terence Hill nei cuori dei tanti fan di Don Matteo.

Certo, dopo venti anni sarà per tutti difficile digerire un’uscita di scena così clamorosa, ma è stato proprio il protagonista a scegliere di cedere il testimone al collega più giovane.

Alla veneranda età di 92 anni infatti, l’attore ha confessato di volersi prendere un po’ di tempo per sé e per la famiglia. Un desiderio comprensibile che rende la rinuncia a un personaggio così longevo e amato una scelta consapevole.

“Avevo voglia di dedicare più tempo alla mia vita privata. Ora voglio fare un lungo viaggio con la famiglia in America e, nel prossimo maggio, voglio finalmente fare il Cammino di Santiago de Compostela”.

Raoul Bova e Terence Hill, sintonia e stima reciproca tra il vecchio e il nuovo Don Matteo

Per il suo successore,’Don Matteo’ ha solo parole di lode. “Sono orgoglioso della scelta fatta per il mio successore”, dice nella stessa intervista già citata. E racconta di ammirare l’entusiasmo del collega più giovane e di aver scoperto di avere con lui molte cose in comune, a iniziare dalla passione per il nuoto, di cui entrambi sono stati campioni in età giovanile.

Raoul Bova, da parte sua, entra in punta di piedi ma dalla porta principale in una fiction che è una pietra miliare delle produzioni di Rai Uno.

Il suo don Massimo porterà nella storia un approccio diverso e anche la possibilità di affrontare argomenti diversi. Pur mantenendo gli episodi, la classica struttura del giallo da risolvere.

Si dice fervente ammiratore del collega più anziano sin da quando durante l’infanzia era un appassionato fan della coppia artistica formata con Bud Spencer. E dice di essere pronto a farsi trascinare dall’energia di una fiction che il pubblico segue e ama da vent’anni.

Vedremo se il più giovane prete ‘francescano’ riuscirà ad entrare nei cuori degli spettatori come l’acuto parroco investigatore.

Rispondi