Stai portando avanti la gravidanza o hai vissuto un parto difficile che ti ha lasciato degli strascichi da affrontare con uno specialista, ma non hai mai fatto una visita da un proctologo? Conosci un buon proctologo a Milano a cui affidarti?  Se la risposta è no, dovresti riflettere su quanto invece sia importante trovare uno specialista di fiducia a cui rivolgerti per risolvere situazioni che spesso si verificano in gravidanza o dopo la nascita del tuo bambino.

In questo articolo parliamo di patologie in cui incorrono molte donne incinte e neomamme, che spesso non sanno a chi rivolgersi per affrontare quei problemi che, se trascurati possono solo aggravarsi.

Uno dei disagi più frequenti sperimentato da una grande percentuale delle donne in gravidanza sono le emorroidi.

Eh sì, non c’è da nascondersi, perché in molte ci passano. Il problema va affrontato a diversi livelli, ma di certo la prima cosa da fare è rivolgersi a un bravo proctologo.

Sarà la visita specialistica a stabilire quale possa essere, caso per caso, il miglior trattamento per risolvere la situazione. Anche considerando il fatto che diversi farmaci usati in genere per trattare le emorroidi potrebbero non essere adatti per donne in gravidanza o in allattamento.

Ci sono comunque diversi livelli di intervento. Alcuni benefici possono arrivare per esempio, già con un cambiamento della dieta. Aumentare il consumo di fibre e acqua può essere una prima strategia da seguire. Particolare attenzione va poi dedicata all’igiene intima, scegliendo prodotti meno aggressivi che non concorrano ad irritare.

Di certo il proctologo potrà consigliarvi pomate e gel che, nella maggior parte dei casi, potranno essere l’arma decisiva per liberarvi del disturbo.

Se questi non sono sufficienti lo specialista vi consiglierà un intervento chirurgico per risolvere i casi più difficili.

Se il problema questo problema è molto diffuso in gravidanza, altri problemi che riguardano la zona anale possono essere legati al parto naturale.

Uno, non certo raro, è quello dell’incontinenza nel periodo immediatamente successivo al parto. Questo problema  può essere causato da un feto superiore ai 3 kg, ma anche a strumenti usati durante il parto, come forcipe e ventosa. O ancora, se il parto avviene troppo velocemente e i muscoli non hanno abbastanza tempo per dilatarsi e adattarsi al passaggio del nascituro . Tutto questo può lesionare i muscoli e creare un problema di incontinenza.

Anche in questo caso è consigliabile rivolgersi subito a un proctologo che saprà assistervi per rimediare e far tornare il vostro corpo al suo funzionamento corretto.

RispondiAnnulla risposta