premio braille

 In occasione della Giornata europea della Disabilità, si terrà la XXV edizione del Premio Louis Braille promosso dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti (UICI). L’appuntamento è per venerdì 3 dicembre al Teatro Ghione di Roma, per una grande serata di solidarietà e spettacolo che racconterà il mondo delle persone con disabilità visiva, celebrando personalità e organizzazioni che si sono contraddistinte per aver dato un contributo decisivo per migliorarne la qualità della vita, l’autonomia e l’integrazione.

Premio Braille, il 3 dicembre al Teatro Ghione di Roma

Il Premio Louis Braille è infatti il massimo riconoscimento nazionale in questo campo. Ideato e istituito 25 anni fa dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti. Ha l’obiettivo di rendere omaggio a quanti si impegnano in favore della disabilità visiva. Una realtà che conta oggi in Italia oltre 360 mila ciechi a cui si aggiungono un milione e mezzo di ipovedenti. La premiazione rappresenta quindi un’occasione di festa, ma anche un momento di dialogo con il Paese, i cittadini, il mondo della politica e delle istituzioni. Per riflettere sulle principali criticità che coinvolgono queste persone.

Il fil rouge scelto quest’anno unirà i valori della solidarietà con quelli dello sport. Due mondi che UICI ha visto particolarmente protagonisti nell’anno della ripresa dalla pandemia.

Da un lato, l’evento intende accendere i riflettori sui piccoli e grandi eroi del quotidiano. Persone che hanno continuato, anche durante i molti mesi di emergenza collettiva, ad impegnarsi per alleviare le condizioni di specifico svantaggio ed emarginazione in cui si sono trovate le persone con disabilità. Dall’altro, si vuole enfatizzare la forza dello sport per le sue valenze educative al rispetto delle regole, al sacrificio, all’integrazione. Con uno sguardo particolare anche alle discipline paralimpiche, che quest’anno hanno registrato il medagliere più ricco di sempre ai Giochi di Tokio 2020, attraverso testimonianze che racconteranno come il limite diventa opportunità, voglia di riscatto, esempio di cittadinanza collettiva e superamento del pregiudizio.

Gli ospiti e il programma della serata

Particolarmente ricco il programma dell’evento patrocinato dalla Regione Lazio e dal Comune di Roma. Saranno presenti, tra gli altri: i cantanti Antonello Venditti e Roby Facchinetti, il pianista e compositore non vedente Franco De Feo e sua figlia Deail jazzista non vedente Massimo Tagliatala comica Emanuela Aureli, il Presidente Nazionale del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli, la Vice Presidente Vicaria Coni, Silvia Salis e le atlete dei Giochi Paralimpici Tokyo 2020 Anna Barbaro, non vedente campionessa di paratriathlon Matilde Lauria, judoka sordocieca, la marciatrice oro olimpico a Tokio Antonella Palmisano. Presenterà la serata la giornalista e conduttrice RAI Laura Chimenti.

 L’evento, trasmesso in differita da RAI Uno la sera dell’11 dicembre, è a ingresso libero fino a esaurimento posti, con ritiro dei biglietti in loco a partire dalle 19:30 e ingresso dalle ore 20.

E’ consigliata la prenotazione telefonando allo 06/69988417-421.

 L’ingresso al teatro sarà reso accessibile grazie al posizionamento del percorso tattilo-plantare LVE offerto dalla Società JKJ.

Rispondi