omicidio pasolini

Scrittore, saggista, poeta, regista, sceneggiatore, pittore. Pier Paolo Pasolini è stato tutto questo e anche un intellettuale a tutto tondo la cui prematura e tragica scomparsa, quasi cinquant’anni fa, non impedisce che le sue idee e la sua visione delle cose siano ancora pienamente di attualità nel dibattito pubblico italiano.

Alla sua figura e alla sua profetica modernità, Roma Capitale ha voluto dedicare, in occasione del centenario della sua nascita, avvenuta a Bologna il 5 marzo del 1922, PPP100 – Roma Racconta Pasolini, un ricco calendario di decine di iniziative culturali – tra proiezioni, incontri, mostre, spettacoli teatrali e molto altro – che si snoderà lungo l’intero anno e che sarà realizzato grazie alla collaborazione delle principali istituzioni culturali cittadine.

Vediamo gli eventi principali del programma PPP100 – Roma Racconta Pasolini

Roma Racconta Pasolini, tra libri, cinema, teatro, mostre, visite guidate e tanto altro

PROIEZIONI

Sarà la Casa del Cinema a fare da apripista al programma del Centenario, con una programmazione dedicata all’approfondimento del cineasta. Si comincerà con Pasolini EXTRA, una rassegna realizzata in collaborazione con CSC – Cineteca Nazionale che per cinque giorni, dal 9 al 13 marzo, porterà sullo schermo film, documentari, cortometraggi dedicati al Pasolini documentarista, sceneggiatore e regista. Le proiezioni saranno accompagnate da incontri con personalità del mondo del cinema come David Grieco Abel Ferrara Aurelio Grimaldi. Oltre a presentazioni editoriali.

Al termine dell’anno pasoliniano, poi sempre a Casa del Cinema, verrà proiettato l’intero corpus di opere del regista in copie restaurate 35mm disponibili grazie alla collaborazione con Cinecittà.

L’indagine sul Pasolini regista continuerà poi nei mesi successivi anche grazie al contributo della Fondazione Cinema per Roma che, prima di riservargli una sezione speciale della prossima edizione della Festa del Cinema, proporrà in primavera la proiezione del documentario Il giovane corsaro. Pasolini da Bologna, mentre all’inizio dell’estate sarà dedicata a Pasolini una sezione speciale del Video Essay Film Festival.

INCONTRI – ALFABETO PASOLINI

Si propone di ripercorrere l’immaginario pasoliniano, invece, il progetto Alfabeto Pasolini, realizzato dall’Istituzione Sistema Biblioteche Centri Culturali in collaborazione con l’Associazione Culturale Doppiozero. In calendario, a partire dal prossimo 5 marzo, 20 incontri diffusi in altrettante Biblioteche di Roma Capitale, tenuti insieme da un filo conduttore. La scelta di parole chiave – Amici, Arte, Cinema, Corsaro, Critica, Friuli, Grecia, Manierismo, Morte/Trasfigurazione, Omosessualità, Padre/Madre, Periferie/Mondo, Petrolio, Poesia, Politica, Roma, Romanzi, Sacro, Teatro, Televisione – attraverso le quali si racconterà la complessità dell’attività letteraria, teatrale e cinematografica di Pasolini. Abbracciando i molteplici aspetti della sua opera e della sua biografia.

A questo alfabeto pasoliniano contribuiranno le voci di scrittori ed esperti.

CENTENARIO DI PASOLINI A ROMA: LE MOSTRE

Oltre alle proiezioni, Casa del Cinema proporrà dal 15 marzo al 15 aprile una mostra fotografica dal titolo Gli Orienti di Pier Paolo Pasolini. Il fiore delle mille e una notte. Viaggio fotografico di Roberto Villa nel cinema pasoliniano.

Molte altre, poi, le esposizioni previste nell’anno pasoliniano nei musei della città. La prima, Pasolini Pittore, organizzata dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, e visibile dal 14 ottobre alla Galleria d’Arte Moderna di via Crispi, si concentra sull’attività pittorica dell’artista contestualizzandola nell’ambito della storia dell’arte del Novecento. Sempre a metà ottobre prenderà il via anche il grande progetto espositivo Pier Paolo Pasolini. TUTTO È SANTO articolato nelle sedi museali di PalaexpoGallerie Nazionali di Arte Antica e MAXXI; il progetto segue tre direttrici di approfondimento autonome – specifiche per ogni sede ma concepite per potersi integrare – sulla produzione pasoliniana, sull’influenza culturale che ha esercitato e sullo sguardo di chi la osserva dal XXI secolo.

SPETTACOLI TEATRALI

Nel quadro delle proposte culturali del Centenario Pasoliniano non possono mancare poi spettacoli teatrali e approfondimenti dedicati al rapporto dello scrittore con la rappresentazione dal vivo. Come ad esempio quello proposto in autunno dal Teatro dell’Opera di Roma Maria Callas e Pier Paolo Pasolini – che racconterà lo speciale rapporto tra l’intellettuale e la cantante lirica greca. O i quattro giorni di Omaggio di Giorgio Barberio Corsetti all’inizio dell’estate al Teatro India.

E poi ancora, lo spettacolo dedicato al rapporto tra Pasolini e il calcio, L’ala destra del Dio di cuoio, in programma al Teatro Biblioteca Quarticciolo. La Divina Mimesis , rappresentazione tratta dall’opera incompiuta di Pasolini, in scena a giugno nell’arena estiva del Teatro Tor Bella Monaca.

Sempre a giugno, a cura del Teatro Villa Pamphilj, l’evento Che cosa sono le nuvole, Pasolini a Monteverde, di Andrea Satta, che si snoda anche attraverso i luoghi abitati dall’artista tra il 1954 e il 1963.

Il Teatro del Lido e il gruppo di lavoro “Pasolini 100” realizzeranno nell’arco dell’anno diverse iniziative: dagli spettacoli Who is me…la partita non giocata e Intervista impossibile a Pier Paolo Pasolini, conNestor Saied e Alfredo Traversa, al ciclo di eventi nell’ambito del Festival Agorà; dalla proiezione del docu-film Fermata Pasolini di Alfredo Traversa, alla mostra di locandine e manifesti dei film pasoliniani .

A tutte queste iniziative si aggiungeranno poi quelle che verranno realizzate grazie alla sezione speciale del nuovo avviso pubblico “Estate Romana 2022 – Riaccendiamo la Città, Insieme”. D edicata specificamente alla selezione di attività culturali da svolgersi, nel quadro delle celebrazioni del Centenario Pasoliniano, tra il 21 giugno e il 2 novembre prossimi.

Per il programma completo e maggiori informazioni si può consultare il sito www.culture.roma.it/pasolini100roma.

Rispondi