Per Sole Donne di Veronica Pivetti è una lunga e spassosa chiacchierata tra amiche che racconta senza filtri sogni e desideri delle donne che hanno superato gli ‘anta’


Per Sole Donne di Veronica Pivetti è un libro senza peli sulla lingua. Una full immersion in quelle lunghe e spassose chiacchierate fra amiche su sesso, amore, uomini, e dintorni che tutte le donne considerano un rito irrinunciabile di quando in quando o anche spesso.

Così può essere raccontato in sintesi Per Sole Donne di Veronica Pivetti che, d’altronde, già dal titolo manifesta la sua natura di racconto tutto al femminile.

Leggendo la storia di Adelaide e delle sue quattro amiche vi ritroverete infatti immersi nelle idee, la sensazioni e sopratutto i desideri di un gruppo di donne che gli anta li hanno superati da tempo e si trovano in zona menopausa ma non per questo sono meno interessate alla vita, al sesso e alle relazioni. Le eroine del libro della Pivetti rientrano infatti in quella fascia di età in cui le donne per molto tempo, nell’immaginario collettivo, hanno smesso di poter sperare al ruolo di protagoniste. Nei film come nei libri o nella musica, scavando nei ricordi, si fa fatica a ritrovare una protagonista ultracinquantenne. Dunque il primo merito di Veronica Pivetti è quello di mettere al centro della storia questo particolare momento della vita femminile, raccontando in modo sincero e diretto tanti aspetti intimi della femminilità di ‘mezza età’ : dalla fatica di mantenere un bel corpo ancora nel suo peso forma, ai disagi fisici della menopausa, dalla grande voglia, per molte, di rimettersi in gioco ed avventurarsi in territori ancora inesplorati, anche sessualmente, al grande cruccio di tenute donne di tutte le età: il rapporto con gli uomini con i vantaggi e gli svantaggi che una più lunga esperienza in fatto di relazioni si porta dietro.

Tutto questo mondo emotivo, variegato e dinamico viene raccontato attraverso il continuo confronto tra amiche e attraverso dialoghi realistici che più realistici non si può in una precisa e dichiarata intenzione di liberare anche le parole delle donne che, se nella realtà sono ormai liberate, sul piano mediatico rimangono ancora coperte di una certa pudicizia che la Pivetti, semplicemente, scardina, riportando quelli che potrebbero essere realisticamente i discorsi su sesso e uomini di cinque amiche ormai navigate nella acque della vita. Divertente, brillante, scorrevole.

Rispondi