Patrizia Reggiani: la ex lady Gucci manipolata per l'eredità, l'inchiesta
Patrizia Reggiani: la ex lady Gucci manipolata per l'eredità materna, l'inchiesta

Patrizia Reggiani ancora alla ribalta delle cronache, ma questa volta la ex lady Gucci, mandante dell’omicidio del marito, sarebbe la vittima. Cosa è successo

Sembrano non finire mai le vicende giudiziarie che mandano alla ribalta delle cronache, periodicamente, Patrizia Reggiani, ex lady Gucci. La notizia che la vede protagonista in questi giorni è quella che riguarda la sua eredità materna. Sarebbe stata vittima di un raggiro ben architettato Patrizia Reggiani, già condannata a 26 anni come mandante dellomicidio dell’ex marito Maurizio Gucci. A fare luce sulla manipolazione che avrebbe deviato l’ingentissimo patrimonio della madre dell’ex Lady Gucci verso le tasche di Loredana Canò e altri tre complici è la Procura di Milano.

Patrizia Gucci incontra Loredana Canò nel periodo in cui sconta la sua pena per l’omicidio Gucci nel carcere di San Vittore. La donna è la sua compagna di cella e stringe subito con lei un rapporto strettissimo, quasi simbiotico. D’altronde la Reggiani non era forse pronta a confrontarsi con un ambiente così distante da quello frequentato per quasi tutta la sua vita, ed è facile immaginare la posizione di fragilità psicologica in cui poteva trovarsi in quei frangenti. Proprio di questo avrebbe approfittato la sua compagna di cella che, una volta uscite entrambe dal carcere, ha continuato ad essere una figura fissa nella vita della Reggiani addirittura piazzandosi a casa sua, rispondendo alle sue chiamate e mail. Tutto passava, pare, attraverso il suo filtro.

Patrizia Reggiani, l’eredità a rischio: 100 appartamenti e 20 milioni di euro

Sarebbe stata Loredana Canò anche a convincere Patrizia Reggiani a fare guerra alle due figlie, Azzurra ed Allegra Gucci. Il vero fine della Canò sarebbe stato mettere le mani sull’ingente patrimonio della madre della ex lady Gucci, di cui facevano parte, tra le altre proprietà, almeno un centinaio di appartamenti a Milano oltre a circa 20 milioni di euro.

Con le accuse, a vario titolo di circonvenzione d’incapace, peculato, furto di oggetti preziosi e induzione indebita, sono stati rinviati a processo la stessa Loredana Canò, il consulente finanziario della madre della Reggiani, presentatole da Canò, Marco Chiesa, e i commercialisti Mario Wiel Marin e Marco Moroni.

Rispondi