paola cortellesi

Attrice, sceneggiatrice, comica, ora regista e anche grande cantante. Sono tanti i volti e i talenti di Paola Cortellesi, grazie ai quali si è creata una grande carriera.

Nata il 24 novembre 1973 a Roma, Paola Cortellesi ha scalato le vette del mondo dello spettacolo italiano grazie al suo carisma, alla sua versatilità e al suo talento innato. Ha lavorato anche come doppiatrice nel fim Disney Pixar Cars 2, con Alessandro Siani e Sabrina Ferilli. 

Paola Cortellesi i film e la carriera di un’artista eclettica

La carriera di Paola Cortellesi inizia già da bambina, quando è protagonista, a soli 13 anni, della trasmissione Indietro tutta!. Qui cui canta, in playback, la canzone Cacao Meravigliao. Amante della recitazione, inizia a studiare presso il Teatro Blu di Roma, vera fucina di attori. Dopo qualche esperienza in radio con Enrico Vaime, sbarca in tv nella trasmissione Macao, condotta da Alba Parietti, dove interpreta il personaggio di un’argentina.

La sua abilità nel cabaret le ha aperto le porte del successo. La vera fama però arriva con la Gialappa’s band, trio comico con cui l’attrice comincia a sperimentare la sua vena satirica. Nel 2000 è in Mai dire Goal, dove imita alcune cantanti famose e mostra la sua verve comica. Lo stesso anno debutta nel film cinematografico “Chiedimi se sono felice“, con Aldo, Giovanni e Giacomo. Tra i suoi film più famosi ricordiamo “Maschi contro femmine”, “Nessuno mi può giudicare”, “Come un gatto in tangenziale” e “Scusate se esisto!”. E diverse sono anche le esperienze nella fiction che l’hanno vista protagonista, come nella serie tv che raccontava la vita di Maria Montessori.

Nel 2004 presenta il cinquantaquattresimo Festival di Sanremo con Simona Ventura, Gene Gnocchi e Maurizio Crozza. Nel 2007 arriva una nuova sfida, un ruolo drammatico nella miniserie televisiva Maria Montessori – Una vita per i bambini (regia di Gianluca Maria Tavarelli), che le ha fatto vincere il Maximo Award alla Roma Fiction Fest.  

Nel 2011 conduce il programma comico Zelig con Claudio Bisio su Canale 5. Lo stesso anno recita nella commedia “Nessuno mi può giudicare”, dove interpreta il ruolo di una donna che si ritrova piena di debiti e decide di diventare una escort. Questa interpretazione le fa vincere il David di Donatello come miglior attrice protagonista 2011. La pellicola “Come un gatto in tangenziale” le farà invece vincere il Nastro d’argento alla migliore attrice in un film commedia, il Globo d’oro alla miglior attrice e il Ciak d’oro per la migliore attrice protagonista. Paola Cortellesi è anche la vincitrice del premio “Scarnicci e Tarabusi – Il troncio” (2006) assegnato ogni due anni al miglior comico dell’anno. Il suo primo film da regista è “C’è ancora domani”.

Paola Cortellesi, vita privata: marito, figlia

Nata a Roma, cresciuta a Massimina, ora da molti anni residente a Monteverde, Paola Cortellesi ha un rapporto molto stretto con la sua città che le ha anche riconosciuto la massima onoreficienza con la consegna in Campidoglio della Lupa Capitolina, dalle mani del sindaco Roberto Gualtieri.

Quando si tratta della sua vita privata, Paola Cortellesi è una persona estremamente riservata. Ha cercato di mantenere un profilo basso e di proteggere la sua sfera personale da intrusioni e speculazioni mediatiche. Il poco che sappiamo è che da oltre dieci anni è felicemente sposata con il regista Riccardo Milani, dopo circa 9 anni di fidanzamento. La coppia ha una figlia, nata nel 2013, di nome Laura. Suo marito è un personaggio noto nello spettacolo, dato che è un regista e uno sceneggiatore. E in effetti, i due si sono conosciuti proprio sul set del film Il posto dell’anima.

Rispondi