Home #STASERAROMA Notti d’estate: cosa fare a Roma stasera 28 giugno

Notti d’estate: cosa fare a Roma stasera 28 giugno

258
1

Cosa fare a Roma stasera, 28 giugno? Qualche consiglio su TuacityMag

Sono tantissimi ogni sera, gli appuntamenti dell’Estate Romana, vediamo insieme cosa fare a Roma stasera 28 giugno

A Villa Ada, per la rassegna Roma Incontra il Mondo, stasera in programma il concerto de L’Orchestraccia. Alle 21, 15€+ d.p.

A Palazzo Barberini, a partire dalle ore 19.30, si svolgerà una serata dedicata alla performance al femminile dagli anni Settanta a oggi.

Ne parleranno, con Greta Boldorini, Tomaso Binga e Donatella Vici. Oltre ai contributi video sul lavoro di Tomaso Binga, Silvia Giambrone e Donatella Vici, le artiste Tomaso Binga e Donatella Vici eseguiranno delle performance dal vivo.l lavoro di Donatella Vici sarà accompagnato dalle composizioni musicali del Maestro Mauro Bagella. Introduce Daniela Vasta (Sovrintendenza Capitolina). Ingresso Gratuito.

Per la rassegna Le Vie del Ponte, che si svolge tutte le sere tra le strade e i vicoli del rione all’ombra di Castel Sant’Angelo, stasera prende il via la prima edizione di CLASSIC NOTES, una serie di preziosi concerti a cura delConservatorio di Santa Cecilia e che vedrà protagonisti i suoi musicisti.

Si comincia in piazza dell’Orologio alle 17.30 con “I Violoncelli”, quartetto di violoncelli, flauti e ottoni formato da Luis Batista, Giulia Deda, Angelica Simeoni e Simone Ruggero, in un programma che spazia da Scott Joplin e Nino Rota ai Metallica e Michael Jackson. A seguire alle 19.30 “I Flauti”: protagonista l’ensemble Alchimie Sonore in un concerto che mescola brani originali (alcuni dei quali premiati a concorsi nazionali ed internazionali) a trascrizioni dal repertorio classico, jazz e rock.

In Largo Tassoni invece alle 18.30 arrivano “Gli Ottoni”, undici elementi che propongono un programma che spazia dal Rinascimento al Novecento.

A seguire, alle 20.30, il recital All’Osteria del Frascatano: quattro voci e una fisarmonica (quella del pluripremiato Riccardo Taddei) che riportano a tempi e costumi di una Città antica ma sempre attuale attraverso documentazioni storiche, poesie del Belli, di Pascarella e di Trilussa, canzoni tradizionali e suggestioni dai grandi Maestri di Romanità come Luigi Magni e Fiorenzo Fiorentini. Gli autori Walter Croce e Antonio Ferraro hanno costruito un affascinante percorso che fa ritrovare il senso e il grande respiro della Città Eterna, attraversata da un’ironia che rende leggeri anche i momenti più drammatici della sua storia.

A Letture d’Estate nei Giardini di Castel Sant’Angelo, alle 20 appuntamento con l’attore, scrittore e conduttore Fabio Canino che parlerà del suo ultimo libro “Le parole che mancano al cuore” (Sem edizioni). Gratis

Cinema in piazza, la rassegna curata dai ragazzi del Cinema Amercia, stasera propone quattro titoli, nelle sue tre diverse location.

A piazza San Cosimato , a partire dalle 19.30 in programma la consegna Premio Talento&Tenacia: Matteo Memè presenta Il Nido Di Vespe di Matteo Memè (2019, 11 min); I FRATELLI D’INNOCENZO, A. CARPENZANO, M. OLIVETTI, M. DE ROSSI, G. DE PLANO e M. SPOLETINI presentano LA TERRA DELL’ABBASTANZA deiFratelli D’Innocenzo (2018, 95 min)

Al Casale della Cervelletta invece, stasera proiezione di PRINCESS MONONOKE di Hayao Miyazaki (1997, 133 min)

Al Porto Turistico di Ostia, è in programma un altro film d’animazione, questa volta made in Italy: La Gabbianella e il Gatto di Enzo D’Alò.

1 COMMENT

  1. “ROMA SHARDANA”
    (Leggendo a Verità nel marmoreo Documento:”ARA PACIS”) Progetti, Testi, Musiche, Chanzonnier:
    Ettore De Gasperin De San Pierre De Orange(1400)Franco,Savoiardo,Spagnolo,CorsoSardo
    Te scrivo ha presente Roma cara, che un muchio de fatica sei costata, grande cità Nuragica sei nata, dagli
    Etruschi e dai Latini celebrata, che sono li discendenti dei Shardana e per quanto si oposero i Sabini, la
    capitale della Sardegna Cagliari sdopiata che n’altra capitale era obligata, perché oltre che del mare anche
    de tera, er Mono conquistasero con a guera, e a grane civiltà difondere e insegnare, ha chi non ha
    conosceva in terra e in mare, e di trentamila ani de storia vera a racontà!!!
    Te ho fato er vestito de sarto namorato
    privo de ovieze de truchi e de banalità
    perché fose un monito a tuti indirizato
    a chi ha voluto fa crede de te tanto ama
    che de cent’ani fano e promese der fato
    che er paese ce voiono fa crede de cambià
    Che diì de que menzogne pe ce portà a votà
    e li manifesti che sembreno de chiesa santità
    dicèno ar Mono intero de te tanto amirà
    sveiate Roma che c’è hano fato adurmentà
    questo popolo che divini li s’han’ha pensà
    l’Opio de stato c’han dato pe noi anestetizà
    I’ano a girà èr Mono a piar quatrìnì
    dentro Bighe de fero co sirene è burini
    caroze straniere de moderni veturini
    de fero smalto blindati de pele li cuscini
    Dischi Volanti è pe vie vono o impaza
    così le ali he cità no stano ha tutelà
    ignoreno che der Mono a capitale tu està
    è questo co a cultura se po comanà
    Sveia l’Italia che er tempo de te organizà
    è se ce pensi bene e te meti a ragionà
    der turismo fose stati ha aministrà boni
    questo magico paese avrebe potuto volà
    coe venti capitali de si singolari regioni
    pe peculiarità nazioni se poseno chiamà
    Pe a gente onesta e campane stan n’ a sonà
    ar Mono non quante e tue ma tante ha chiamà
    l’Isola ecezionale Continente de sempe stà
    è campane de e pecore che ha Sardegna ha
    per la Grande Madre e per te ha da sona
    ne li grandi monumenti Nuragici de l’eternità
    Così de politica te han fato ha capitale
    e quei de tuta ltalia ce vengono a magna
    pensa che der lavoro non sei la capitale
    perché solo er primato de Milano sta arivà,
    che de fabriche fasule pure nel mare
    pe li contributì de te l’inciuci ano fato fa
    cosi “Roma ladrona” t’hano fato a diventà
    queli che I’Italia hano fato inquinà
    Pur se te manca er mare tu ha si divina
    de li Shardana nata bianca giovane regina
    tu asi catolica dopo de Cesare l’impero
    l’acqua der’ Tevere te lavava la matina
    te vestiveno de verde è de azuro cielo
    tui inamorati se faceveno er nido cor velo
    Ha note te coprive d’ azura ghirlandina
    e stele d’oro luna è favole Amori der cielo
    è fontane te canteveno de musica in sordina
    pe tornà i turiste geteno n’ha monetina
    i amori se diseteveno co acqua der cielo
    emozioni tu ofri de storia e de mistero
    Lavate Roma sta facia spaza camina
    con mile cantì te hano eleto Divina
    con queslo canto deve tornà ha sognà
    li monumenti bianchi tornà a sbiancà
    meteme en bracio a n’ha trasteverina
    de li poeti fate fa e serenate ha smanià
    e fame morì de pasione de me spacca
    che de musica e d’Amore voìo campà
    Ora e tui figli te hano così trasformato
    cor nero fumo de auto te hano trucato
    e come n’ha africana te hano aghindato
    cor truco li conotati te hano cambiato
    i storneli de l’Abisina te hano ritornato
    che na romana dell’Abisina ne avevi fato
    Non canteno più e storneli ha trasteverina
    erano li grandi amori der cinema ha te fa cantà
    li strumenti de conserva li baratoli ha ricordà
    li musicisti hano perso e note come a farina
    ha frote”venghino stonati ha cantà a la burina
    fingendose i stornellatori de amore e santità
    Fame senti la note er sono e mandolina
    de caroze d’oro alcove fame trovà
    cento chitare pe me haì de fa suonà
    de chitare e campane fame anegà
    e fame rinasce eterno na matina
    de Acqua Tera Luce musica crìstalina
    voio vìvere de Amore è co te campà
    dime che si eterna e me farai ha tornà
    Ner seno tu conservi er documenti, er più antichi che en te se p’ossino trovà, a confermà quanto qui è stato deto, e che nesuno ar Mono può svelà el primo è l’Ara Pacis Augustea er documento che pure de te
    rapresenta a nativita: Terra, Cielo e Mare, de Uomo Romolo è Dona Remola, è la natura che intorno
    che ce sta è che di de der secono, ha Pecora, envece de a Lupa che li sta alatà, che fusa en bronzo in
    Sardegna, ha sono andà a trova .Tellus è a Dea Madre, che è ha Sardegna, dove ha Vita ner Mono sta
    comincia, e ha storia sta a chiarì, fu Iside e dopo a Marona ne Ottociento che l’ omini veri de sempre stano adorà!!!
    Cagliari, 21 – Aprile -2014, Ettore De Gasparin De Sain Pietre De Orange(1400)

Rispondi