Home MUSICA MUSICA MAESTRO! GLI IMPERDIBILI CONCERTI DI FEBBRAIO A ROMA

MUSICA MAESTRO! GLI IMPERDIBILI CONCERTI DI FEBBRAIO A ROMA

1246
0
concerti della settimana a roma

Musica maestro! Pop, Blues, Jazz, Rock, e perfino un pizzico di Metal. Nulla manca a questo Febbraio 2018. Mese breve come di consueto, rispetto ai suoi 11 fratelli, ma assai ricco di eventi musicali. Dai più classici concerti, da godersi seduti, abbracciati, accendini in mano, a Festival ricchi di interessanti proposte.

Si inizia venerdì 2 all’Auditorium Parco della Musica (Sala Sinopoli) con Eugenio Bennato. Fratello del più celebre Edoardo – per chi se lo stesse chiedendo – che nulla però ha da invidiare al suo omonimo. Quel che porta in scena difatti non è soltanto musica ma anche teatro. Sul palco insieme a lui un gruppo di sei elementi che alterneranno strumenti acustici ed elettronici con momenti di danza e recitazione. Una commistione di brani vecchi e nuovi che da sempre lo appassionano: da “Brigante se more” a “Che il Mediterraneo sia”. Quel che vedrà lo spettatore sarà un vero e proprio concerto-spettacolo dal titolo “Da che Sud è Sud”, che ripercorrerà tra passione e un pizzico di nostalgia buona parte della sua lunga carriera.

Sabato 3, invece, in tutt’altra cornice, prenderà vita l’ormai amatissimo San Lorenzo Blues Festival. Giunto alla sua 5° edizione, la serata ospiterà il meglio del meglio degli artisti capitolini: il One Man Band Spookyman; il sestetto Red Wagon; i Fleurs Du Mal; ed i Supawai John. Chiuderà la serata una grande Jam Session che, come da miglior tradizione d’ispirazione jazz, vedrà alternarsi sul palco tutti gli artisti in un flusso continuo di ispirazione e improvvisazione. Appuntamento nel cuore pulsante del quartiere: al Nuovo Cinema Palazzo, Piazza dei Sanniti 9.

Tutt’altro genere invece quello che animerà le serate sia di sabato 3 che di domenica 4 al Palalottomatica. A riempire gli spalti infatti ci penserà Silvano Albanese, in arte  Coez. Cresciuto da writer ed evolutosi in rapper, ha già al suo attivo numerosi album. Ma dall’ultimo, uscito lo scorso maggio, ci aspettiamo oltre che dei pezzi da cantare a squarciagola anche che prenda vita la sua promessa, come da titolo: “Faccio un casino”. E che casino sia!

Sempre domenica 4, ma nuovamente ai poli opposti sia della città che del pentagramma musicale, vedrà esibirsi sul palco dell’Auditorium, nella sala Santa Cecilia, Goran Bregović insieme alla sua immancabile Orchestra. A cinque anni da “Champagne for Gypsies”, l’eclettico musicista che da sempre unisce il più classico folk balcanico a sfrenati ritmi di derivazione elettronica, torna con la sua nuova produzione “Three Letters from Sarajevo”.

All’interno di Jazz Love invece – nuova rassegna a cura della Fondazione Musica per Roma che da gennaio a luglio 2018 porterà nella Capitale i più grandi protagonisti del jazz italiano e internazionale – numerose le date degne letteralmente di Nota. Tra di esse, per il mese di febbraio, senz’altro da non perdere sarà quella del 9 in Sala Petrassi. Direttamente “frooom New York City…”, come direbbe un presentatore di tutto rispetto made in U.S.A., il Dave Douglas Quintet. Trombettista pluripremiato, proprietario di una sua label, dopo le mille e una collaborazioni con artisti del calibro di John Zorn, Don Byron, Uri Caine o Bill Frisell, Dave Douglas torna in scena in compagnia del suo quintetto ormai ben rodato. Musica con la M maiuscola per le vostre orecchie!

Mentre sabato 10, all’Atlantico live, si affaccerà niente meno che Steven Wilson, leader dello storico gruppo inglese Porcupine Tree, per presentare il suo nuovo progetto da solista “To The Bone”. Quinto album in studio, uscito appena lo scorso agosto, per il cantautore britannico, che mostra ancora una volta il suo grande amore per quel progressive rock che mai nelle sue pur tante e differenti incursioni musicali ha abbandonato. Un artista insomma da tenere sott’occhio e imparare a (ri)conoscere.

Ma il concerto dei concerti è ancora di là da venire. Sarà infatti solamente il 18 febbraio che salirà sul palco lei, l’unica e inimitabile Regina del Pop all’italiana: Patty Pravo. Ha per caso bisogno di presentazioni? Noi di Tua City Mag crediamo proprio di no! L’unico ad essere presentato dovrà essere soltanto il biglietto. Dove? Nell’unico posto in grado di contenere al meglio la sua splendida musica non che vocalità: in sala Santa Cecilia all’Auditorium.

Per chi invece della nostalgia ne ha fatto un vero e proprio stile di vita, appuntamento da non perdere è senz’altro quello del 24 allOrion Club di Ciampino. Ad esibirsi sul palco a quasi un anno di distanza nella stessa identica location sarà Giovanni Lindo Ferretti. Anche qui forse inutili le presentazioni, ma per i più giovani potremmo fare un’eccezione: ex leader di rottura di gruppi fondamentali – a tratti persino potremmo dire fondamentalisti – come i CCCP e i CSI, padre fondatore di quel punk all’italiana che nessuno meglio lui all’epoca, in quei turbolenti anni ‘80, ha saputo incarnare, chi altri potrebbe far rivivere quella rossa ribellione un po’ perduta e ormai dimenticata tra le note di pezzi iconici come “Amandoti”, “Oh! Battagliero”, “Annarella” o “Emilia Paranoica”?!  Un pezzo di Storia che se ne va, ma che di tanto in tanto è bene ricordare.

E per chiudere con il consueto e famigerato ‘botto’, non poteva mancare un po’ di sano e inossidabile – è proprio il caso di dirlo – Metal. A concludere questo breve ma intenso mese di febbraio ci penseranno infatti il 27 sempre all’Orion i Sepultura, storico gruppo metal brasiliano. Dal 1984 infatti avranno perso sì qualche membro per strada – sempre prontamente sostituito – ma mai un colpo. E dopo l’uscita nel 2017 di “Machine Messiah”, eccoli di nuovo qui più in forma che mai a presentare il loro ultimo album. A tenergli compagnia sul palco saranno, come da miglior tradizione metal, altri gruppi a tema: i tedeschi Obscura e gli americani Goatwhore e Fit For An Autopsy.

E voi, a quale concerto sicuramente non mancherete?

Rispondi