weekend cinema

Tanti i film da non perdere a dicembre al cinema. Scopriamo i titoli più interessanti in sala questo mese

Bentornati al nostro consueto appuntamento con le uscite del mese. Oggi scopriamo quali sono i film da non perdere a dicembre al cinema. Siamo arrivate a dicembre con le festività natalizie che incombono sono veramente tante le uscite interessanti che ci attendono.

Iniziamo dai film in sala da oggi.

Due grandi attori, Anthony Hopkins e Jonathan Pryce,  sono i protagonisti de “I due papi” di Fernando Meirelles. In sala dal 2 al 4 dicembre e a Natale su Netflix si segue questa vicenda contemporanea attraverso uno sguardo intimo,  un periodo che si può definire di svolta storico per la Chiesa Cattolica. Si parte dall’elezione nel 2005 di Joseph Ratzinger e otto anni dopo del suo abbandono del papato, seguito dall’elezione di Bergoglio che si è dovuto confrontare con le tante difficoltà dell’assumere il ruolo di pontefice.

Sempre nella stessa data uscirà il documentario diretto da Bruce Springsteen e Thom Zimny “Western stars”; si tratta infatti della trasposizione cinematografica dell’omonimo disco del Boss durante la quale vengono eseguiti nel fienile della sua dimora i tredici brani dell’album insieme ad un’intera orchestra. Oltre ad essere una esibizione in piena regola, la pellicola è anche un viaggio nei ricordi dell’artista, grazie al racconto in prima persona e al materiale d’archivio, pubblicato e privato. Non è presente solo la musica quindi, ma anche l’amore, la famiglia, la solitudine, la perdita e il passaggio inesorabile del tempo, che però sembra non aver scalfito il genio creativo di Springsteen.  

Ultima uscita da segnalare per il primo lunedì del mese è il cartone animato “I figli del mare” di Ayumu Watanabe. Il colossal d’animazione dello Studio 4°C, tratto dal manga di Daisuke Igarashi, narra la storia di Ruka, liceale ribelle che viene allontanata dalla squadra di pallamano per tutte le vacanze scolastiche. Ruka decide così di partire per trascorrere una giornata a Tokyo. Ma al calare della notte, la ragazza incontra Umi e Sora, due ragazzi stranieri cresciuti fra strani e straordinari segreti,nel frattempo nel mondo tutti i pesci stanno scomparendo…

Il 5 dicembre ci aspettano ben sei uscite:

dalla Francia arriva“Un sogno per papà” di Julien Rappeneau. Protagonisti sono François Damiens, che certamente ricorderete per La famiglia Bélier  e Dio esiste e vive a Bruxelles e poiil piccolo Maleaume Paquin e Ludivine Sagnier, entrambi visti nel recente film Remi.  La vicenda racconta di Theo, un dodicenne molto maturo per la sua età, che cerca con tutte le sue forze di sostenere il papà Laurent, disoccupato, separato e che esagera un po’ con l’alcol. A legare padre e figlio è l’amore per il calcio, sport che Theo pratica con grande talento nella squadra cittadina. Il bambino quindi, sfruttando questa passione del papà per il pallone, inventa di essere stato selezionato per le giovanili dell’Arsenal. Il bambino sprona così il padre a riacquistare fiducia nella vita, rimettendosi in sesto per poterlo accompagnare a giocare in Inghilterra. Quello che però Theo non può prevedere sono le conseguenze di questa sua innocua bugia…

Sempre dalla Francia e con Gérard Depardieu è in arrivo“Qualcosa di meraviglioso” di Pierre-François Martin-Laval. Anche questa narrazione vede al centro una bugia a fin di bene ed un bambino talentuoso ma si svolge nel maggio del 2011 quando Nura Mohammad lascia il Bangladesh in cerca di stabilità e speranza con suo figlio Fahim, 8 anni ed un grande talento per gli scacchi. Padre premuroso e protettivo, Nura giustifica la loro partenza da casa con la promessa di fargli incontrare un grande maestro di questa disciplina. A semplificare la situazione ci penserà il vecchio Sylvain Charpentier, saggio campione di scacchi. Accolto nella sua aula, Fahim imparerà rapidamente quelle che sono le regole del gioco e della vita.

Ci spostiamo in Italia e troviamo l’ultimo film con Ennio Fantastichini: “Lontano lontano” di Gianni Di Gregorio. Nel cast anche Giorgio Colangeli e Roberto Herlitzka.  Attilio, Giorgetto e il Professore sono tre romani sulla settantina che un giorno decidono di abbandonare la vecchia vita di quartiere per andare a vivere all’estero, anche se non sanno dove. Il Professore in pensione si annoia moltissimo, Giorgetto non riesce ad arrivare a fine mese mentre Attilio, robivecchi e fricchettone, vorrebbe rivivere le emozioni dei tanti viaggi fatti in gioventù. Riusciranno i tre amici a cambiare vita tra una difficoltà e l’altra?

Sempre dal nostro Paese arriva “L’immortale”. La pellicola diretta e interpretata da Marco D’Amore, è ispirata al personaggio di Ciro di Marzio di Gomorra – La serie e che segna così il punto di incontro tra cinema e TV e un collegamento tra la quarta e la quinta stagione. Si racconta la storia di Ciro e della sua educazione criminale, emblema sia del male che dell’eroe. Dopo aver ricevuto il colpo di pistola da Genny, il corpo di Ciro viene buttato in mare. Così mentre si inabissa, i ricordi salgono sempre più a galla. Tutto inizia nel 1980, la terra sta tremando e da sotto le macerie di un palazzo proviene il pianto di neonato, miracolosamente ancora vivo. Dieci anni dopo, Napoli continua a essere la casa di questo fanciullo, l’unico luogo familiare che ha e che sembra proteggerlo sin dal triste evento della sua infanzia… Quel bambino figlio di nessuno, continua a sopravvivere, conducendo una vita fatta di espedienti.

Gli ultimi due titoli in uscita il 5 dicembre provengono invece dagli Stati Uniti:

L’inganno perfetto” di Bill Condon che vede protagonisti Helen Mirren e Ian McKellen. Due ottuagenari, Roy e Betty, si incontrano grazie ad un sito di appuntamenti per la terza età. Tra i due scatta subito un’intesa, che li porta a confessare l’uno all’altra di aver fatto ricorso a qualche bugia. Ma ad essere svelata è solo la punta di un iceberg: Roy vive infatti di truffe ai danni di facoltosi e sprovveduti investitori e continua a mentire a Betty per potersi avvicinare ulteriormente a lei.

E poi abbiamo “Cena con delitto – knives out” di Rian Johnson con un cast stellare: Daniel Craig, Chris Evans, Ana de Armas, Jamie Lee Curtis, Don Johnson, Toni Collette e Christopher Plummer. Harlan Thrombey, romanziere, editore e carismatico patriarca di una strampalata famiglia allargata, è deceduto. La giovane cameriera Marta trova il cadavere del sig. Thrombey con la gola tagliata come si trattasse di un suicidio la mattina dopo una grandiosa festa di compleanno per i suoi 85 anni. La lussuosa villa di campagna della vittima vede l’arrivo di due ispettori di polizia, dell’investigatore privato Benoit Blanc, e dei familiari del ricco imprenditore, guidati dai figli Linda e Walter e dalla nuora Joni. Con un’eredità che fa gola a tutti, e con un’indagine in corso, chi sarà stato il colpevole?

E cambiamo data e argomento con “I Goonies” di Richard Donner che saranno in sala solo il 9, 10 e 11 dicembre.  Il classico del genere avventura per ragazzi prodotto da Steven Spielberg del 1985 arriva in sala in 4K. Se vi ricordate, si raccontava la storia dei Goonies, uno scatenato gruppo di ragazzini abitanti nel quartiere di Goon Docks, che si trovano a dover dare l’addio alle case dove sono nati e cresciuti perché al posto delle loro abitazioni si vogliono costruire nuovi, esclusivi, campi da gioco. Fino a quando uno dei Goonies scopre in soffitta una vecchia mappa del tesoro, scritta da un pirata spagnolo del ‘600.

E il 12 dicembre ci aspettano tre diverse uscite:

Come primo vi parliamo di un film che vede protagonista Cate Blanchett  e poi nel cast tra gli altri Billy Crudup, Kristen Wiig, Laurence Fishburne, Judy Greer e Jóhannes Haukur Jóhannesson. “Che fine ha fatto  Bernadette? ” di Richard Linklater, regista de Prima del tramonto e School of Rock segue la vicenda di Bernadette, un brillante architetto in un ambiente di lavoro perloppiù maschile e mamma amorevole della quindicenne Bee. La sua vita apparentemente perfetta viene sconvolta da un evento inaspettato e pur di non deludere sua figlia e suo marito, la donna, completamente dedita alla sua famiglia, decide di sparire misteriosamente, avventurandosi da sola in Antartide. Bee e suo padre si mettono così sulle sue tracce.

Sempre dagli Stati Uniti, per le amanti dell’horror, arriva il remake di“Black christmas” di Sophia Takal.  Anche in questa nuova versione la storia si svolge in una confraternita femminile da college presa di mira da un serial killer. Ed è così che le giovani donne decidono di organizzarsi per contrastare quell’ assassino che sta facendo strage nel campus dell’Hawthorne College.

E poi ci spostiamo in Italia e cambiamo atmosfera con Ficarra e Picone che firmano la regia de “Il primo Natale”. I due comici palermitani hanno raccontato che l’idea che sta alla base di questa pellicola è venuta loro prima di girare L’ora legale. Nel cast tra gli altritroviamoanche Massimo Populizio. Salvo è un ladro e Valentino un sacerdote e insieme vengono catapultati indietro nel tempo di circa 2000 anni in Palestina, al tempo della nascita di Gesù durante l’epoca del re Erode e della dominazione romana sui territori del popolo ebraico. Da qui equivoci, incomprensioni e guai saranno sempre dietro l’angolo.

L’unica uscita del 16 dicembre che segnaliamo, soprattutto alle amanti dell’arte, è il documentario dal titolo“Escher – viaggio nell’infinito” di Robin Lutz.  Con questo film si esplora la vita e l’arte dell’incisore e grafico olandese Maurits Cornelis Escher. Un uomo geniale che ha reso la definizione di universo infinito nella sua opera, riuscendo a rappresentarlo in una costruzione che cattura l’occhio umano e lo trasporta in un viaggio onirico. Un artista quindi (dell’) infinito, che ha provato a coglierne le diverse dimensioni  tra costruzioni geometricamente impossibili, squilibri del piano, mutazioni dello spazio e composizioni dai motivi ripetitivi.

E poi che dire per tutti i fan della serie di Star Wars, si avvicina la fine della saga. Diretto da J.J. Abrams il 18 dicembre uscirà “Star Wars – L’ascesa di Skywalker”.  Nel cast ritroviamo tante star come la scomparsa Carrie Fisher, Mark Hamill, Adam Driver, Daisy Ridley e John Boyega. Al IX capitolo si vivrà il culmine di un racconto che appassiona da 42 anni. Della resistenza ormai rimane uno piccolo gruppo di uomini e donne tra cui Leia Organa, Dameron Poe, Finn, Rose Tico e Rey, in cui la Forza scorre potente. Il sacrificio di Luke Skywalker, che aveva sfidato a duello Kylo Ren, ha  permesso agli altri di mettersi al sicuro e di continuare a combattere ancora un anno dopo essere scampati all’eccidio. Ma Rey ha portato con sé il testo sacro degli Jedi.

E poi ci sono 5 attesissime uscite previste per il 19 dicembre:

Partiamo con l’Italia e con “Pinocchio” di Matteo Garrone. Questa nuova versione cinematografica della celebre fiaba di Collodi vede i personaggi e le creature fantastiche del film realizzati all’insegna di uno straordinario realismo grazie al mix di un trucco prostetico ed effetti digitali ed alla partecipazione di un cast pazzesco: Roberto Benigni nei panni di Geppetto,  Gigi Proietti come Mangiafuoco, Rocco Papaleo e Massimo Ceccherini interpretano il Gatto e la Volpe e il giovane Federico Ielapi nei panni di Pinocchio. 

Rimanendo in Italia, altra grande attesa è quella per Ferzan Ozpetek che dopo Napoli velata dirige“La Dea Fortuna” con Stefano Accorsi, Edoardo Leo, Jasmine Trinca, Serra Yilmaz e Filippo Nigro.  La pellicola racconta di Arturo e Alessandro, una coppia che sta insieme da più di 15 anni ma che ora sta attraversando un momento di stanchezza della loro storia. A rafforzare il senso di quella unione è l’arrivo nella loro vita di due bambini di nove e dodici anni che sono stati affidati loro per qualche giorno da una carissima amica, Annamaria, che deve affrontare alcuni problemi di salute. L’ingresso dei due ragazzi spezza quella che era diventata una stanca routine: un pizzico di magia, qualcosa di folle e irrazionale, come è l’amore. E non è il primo film di questi anni in cui l’arrivo inaspettato di bambini (di qualcun altro e che vengono affidati per un certo periodo di tempo) porta ad un cambiamento radicale negli adulti.

Ci spostiamo poi in Francia per parlare di un film che è stato premiato a Cannes, che ha ottenuto 3 candidature agli European Film Awards e che vi consigliamo per l’angolo al femminile. “Ritratto della giovane in fiamme” di Céline Sciamma è ambientato in Francia nel 1770.  La storia è quella di Marianne, una pittrice che riceve l’incarico di realizzare il ritratto di nozze di una giovane donna appena uscita dal convento. Héloise, questo il suo nome, non vuole sposarsi e non vuole il ritratto. Marianne cerca allora di osservarla per poter comunque portare a compimento il suo lavoro e così facendo scoprirà molte cose anche su di sé.

Rimaniamo in Francia e mantenendo questa atmosfera un po’ enigmatica parliamo de “Il mistero Henri Pick” di Rémi Bezançon. Tratto dal romanzo omonimo di David Foenkinos, questa pellicola ha al centro Fabrice Luchini. Tutto inizia quando un editore ritrova in una biblioteca della Bretagna un libro che raccoglie opere rifiutate da qualsiasi casa editrice e ne rimane entusiasta. Lo scrittore è un certo Henri Pick, morto qualche anno prima e noto a tutti più come pizzaiolo che come romanziere. Si apre così un mistero sulla figura di questo scrittore, mentre il suo romanzo spopola. Deciso a scoprire la verità, il critico letterario Jean Michel Rouche decide di indagare sulla vera identità dell’autore.

L’ultima uscita del 19 dicembre ci porta negli Stati Uniti e in un’atmosfera romantica. “Last christmas” di Paul Feig è ambientato a Londra durante le feste di Natale e racconta la vicenda di una giovane donna, Kate, particolarmente goffa, molto sfortunata e con piccoli vizi come l’alcol. Il suo sogno nel cassetto sin da quando è piccola è diventare una cantante famosa, ma le avversità della vita non glielo hanno ancora permesso. Nel frattempo Kate lavora come elfo in un negozio di decorazioni natalizie, gestito da una donna nota come “Santa” che ha molta stima di lei. È proprio fuori dal posto di lavoro che Kate incontra un giorno Tom, aitante giovane troppo perfetto per essere vero. Dal quel momento la vita della giovane prende una svolta improvvisa.

Per una vigilia di Natale scoppiettante e all’insegna del divertimento dalla Cina arriva “The Farewell – una bugia buona” di Lulu Wang.  In questa commedia si racconta di Billi Wang, nata a Pechino ma che vive a New York da quando aveva sei anni. Il suo contatto sentimentale con il paese d’origine è Nai Nai, la sua praticamente indistruttibile vecchia nonna, ancorata alle tradizioni e alla famiglia e alla quale viene diagnosticato un cancro. La famiglia decide di nasconderle la verità e di trascorrere con lei gli ultimi mesi. Così figli e nipoti rientrano in Cina per riabbracciarla e per ‘improvvisare’ un matrimonio che allontani qualsiasi sospetto della sua malattia.  Sono tutti risoluti e uniti nella bugia tranne Billi, che vorrebbe liberarsi dell’angoscia e rivelare alla nonna la prognosi infausta… come andrà a finire?

Il giorno di Natale invece ci aspettano un sequel e un simpatico cartone animato:

“Jumanji – the next level” di Jake Kasdan e “Spie sotto copertura” di Nick Bruno e Troy Quane.

Il primo, a distanza di due anni dal precedente episodio,  vede nel cast tra gli altri Karen Gillan, Dwayne Johnson (The Rock), Jack Black e Danny DeVito. La vicenda riparte da quando Spencer ripara il gioco di Jumanji e finisce ancora una volta risucchiato nel mondo del videogame. Bethany, Fridge e Martha per salvare il loro amico, si rituffano dentro Jumanji ma  non sanno che “all’interno” ci sono anche Eddie, il nonno di Spencer, e il suo amico Milo. Così il mal assortito gruppo di salvataggio dovrà fare i conti pure con la sparizione di Bethany e con l’ambientamento dei due pensionati all’interno del movimentato videogioco.

Spie sotto copertura è il nuovo lungometraggio animato di Blue Sky Studios, Chernin Entertainment e Twentieth Century Fox Animation. Questo lungometraggio animato ci mostra quello che succederebbe se l’agente segreto più abile del mondo, capace di lanciarsi dai grattacieli e dotato di gadget incredibili, venisse trasformato, per il bene pubblico, in un piccione.

E per chiudere restiamo in tema di film d’animazione perché il 31 dicembre troviamo “Playmobil the movie” di Lino Disalvo con la voce italiana di Cristina D’Avena. La vicenda narra di Marla, la quale da ragazzina passava le giornate a giocare col fratellino Charlie e sognava di girare il mondo. La scomparsa prematura dei genitori l’ha però trasformata prima del tempo in una donna. Charlie ne soffre e, una sera, uscito di casa senza avvisare, viene attirato da una distesa di Playmobil. Quando la sorella lo ritrova, entrambi vengono risucchiati dal mondo dei giochi e portati in un’altra dimensione, dove diventano due Playmobil, iniziando a vivere così una grande avventura.

Carissime amiche, tanti auguri di un sereno Natale ed un felice anno nuovo. Noi ci diamo appuntamento nel 2020 con la nostra consueta rubrica!

Rispondi