Home #STASERAROMA Mi merito un amore! Serata evento contro le molestie a donne con...

Mi merito un amore! Serata evento contro le molestie a donne con disabilità

228
0
mi merito un amore!

MI MERITO UN AMORE! è serata-evento in programma stasera dalle 18 nello Spazio WEGIL di Roma per combattere le molestie e le violenze subite da donne con disabilità.

Una serata-evento di dibattiti, confronti, espressione artistica su un tema delicato e troppo spesso trascurato. La violenza e le molestie subite da donne con disabilità sono al centro dell’evento Mi merito un amore! che si terrà questa sera alle 18 negli spazi del WeGil a largo Ascianghi a Trastevere. La serata sarà strutturata in due dibattiti, uno istituzionale e uno scientifico, a cui seguirà una performance d’arte e videoarte sul tema “Il dono, la potenza, il genio dell’imperfezione”, frutto di una campagna di art fundraising – con una ventina di artisti che hanno donato il proprio talento creativo per la realizzazione di t-shirt  che finanzieranno la campagna di sensibilizzazione sull’argomento – e il lancio di un concorso per la generazione Z, improntato alla realizzazione con vari mezzi e linguaggi del concetto di “Amore” nella società contemporanea. 

Ideata dall’associazione di promozione sociale Abili Oltre, nata nel 2016 e che ha già all’attivo significative operazioni con finalità di job opportunities nel mondo delle Persone con disabilità e con la mission di networking su sviluppo di lavoro e territorio, l’iniziativa presenterà, con dati alla mano, un panorama europeo non ancora esplorato a dovere che stima attorno all’80% la percentuale di donne con disabilità vittime di violenze o molestie, perlopiù all’interno di famiglie.

L’incontro vedrà la presenza di Vincenzo Zoccano, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio con delega Famiglia e Disabilità, di Sabrina Alfonsi, Presidente 1° Municipio Roma Capitale e di esperti e testimoni del settore quali Roberto Romeo, Presidente Anglat, Francesca Danese, Portavoce Forum Terzo Settore LazioRiccardo Colombani, Segretario Generale First CislRosalba Taddeini, di Differenza Donna, Pietro Zocconali, Presidente ANS Associazione Nazionale SociologiLaura Coccia, Atleta paralimpica, scrittrice, già deputata e Giuseppe Roma, Presidente RUR Rete Urbane delle Rappresentanze
A lanciare il concorso giovanile sulla relazione amorosa del terzo millennio, saranno invece Marino D’Angelo, Presidente Associazione Abili Oltre, Pietro Folena, Presidente SAI – Società Autori d’Italia e Lidia Gattini – Edizioni Mandragola – Zai.net.
Tra gli artisti che hanno aderito all’iniziativa di art fundraising coordinata da Teresa Coratella si segnalano: Mark Kostabi e Toni Esposito, Teresa Coratella, Claudio Bianchi, Salvatore Dominelli, Giancarlino Benedetti Corcos, Pupillo, Virginia Carbonelli, Nina Maroccolo, Adelaide Innocenti, Paul Kostabi, Paki Palmieri, Tancredi Fornasetti, Achille Pace, Nora Lux, Giovanni di Carpegna, Simona Peroso edEnzo Barchi
A conclusione della serata, avrà luogo una degustazione  con piatti della tradizione italiana realizzati con prodotti provenienti da realtà produttive solidali e servizi a cura di un food team di lavoro di ragazze e ragazzi abili e con disabilità.

“A seguito delle riuscite esperienze di “Abili Oltre… in viaggio”, in collaborazione con le Ferrovie Italiane, che ha visto l’allestimento di mostre ed eventi collaterali in 5 stazioni italiane e “Scampia si gira“, riscrittura dei percorsi culturali, occupazionali e imprenditoriali sul territorio all’interno del quale è stato anche inaugurato un ristorante solidale – spiega Marino D’Angelo, presidente di Abili Oltre – la nostra attività di aggregazione sociale finalizzata, insieme alle Imprese, ad un modello lavorativo solidale attraverso politiche di avviamento al lavoro ed organizzazioni inglobanti la “diversita’” in ogni sua espressione, continua con questo indispensabile progetto per far conoscere il senso dell’Amore e l’Amore violato anche ai giovani, perché è da lì che devono ripartire i codici di una sana educazione sentimentale quale pilastro irrinunciabile di una Società  a misura di tutti”.

Rispondi