marco vannini

Per l’omicidio di Marco Vannini, la Corte di Cassazione, con la sua sentenza, conferma oggi le condanne a carico dei componenti della famiglia Ciontoli.

Sono quindi confermate le condanne di 14 anni per Antonio Ciontoli, e quelle di 9 anni e 4 mesi ai suoi famigliari: la moglie Maria Perzillo, la figlia, al momento dell’omicidio di Marco Vannini sua fidanzata, Martina Ciontoli e il figlio, Federico Ciontoli. Le condanne sono perciò da oggi definitive.

Mamma Marina,la madre di Marco, la più coraggiosa guerriera in questa guerra per ottenere la verità ha accolto la sentenza della Corte di Cassazione in lacrime.

“La paura c’è sempre, ma giustizia e fatta. La nostra speranza e la nostra fiducia era riposta in questo. Marco adesso riposa in pace. Domani andrò sulla tomba di Marco a dirlo”. Ha detto in un veloce commento a caldo raccolto da RaiNews.

“Sono contento che finalmente è stata fatta giustizia per Marco. Gli avevamo promesso un mazzo di fiori se fosse stata fatta giustizia e domani è la prima cosa che farò”. Così ha commentato invece il papà del ragazzo assassinato a Civitavecchia il 18 maggio del 2015 in casa della famiglia della sua fidanzata. Quattro persone, padre, madre, fratello e sorella che hanno assistito alla sua morte, provocata da un colpo di pistola sparato dal capofamiglia, senza alzare un dito per tentare di salvare quella giovane vita. Per i giudici sono tutti responsabili dell’omicidio di Marco Vannini.

Rispondi