laura pausini

 

30 anni di carriera sfolgorante celebrati con un’idea all’altezza. Laura Pausini ha voluto fare le cose in grande e, per festeggiare i tre decenni dal brano che le ha cambiato la vita, ha fatto un’impresa per la gioia dei milioni di fan che la cantante romagnola ha in tutto il mondo.

Il 27 febbraio 1993 Laura Pausini portava al Festival di Sanremo La Solitudine, e cantando di Marco che se ne è andato e non torna più, l’appena diciottenne cantante di Solarolo conquistava la più importante competizione della canzone italiana e dava avvio a una carriera di trionfi e record, in quel momento inimmaginabile.

Una data che ha stravolto quindi la vita di Laura Pausini, e ha regalato arte e canzoni al pubblico di ogni angolo della terra, visto che oggi la cantante si esibisce in tante lingue e ha conquistato ogni continente.

 Laura Pausini e la follia per i fan: tre concerti in tre città in 24 ore

 Per questa sua internazionalità, l’artista ha voluto festeggiare i 30 anni di carriera con una performance straordinaria che si è dipanata in 24 ore in tre città diverse: New York, Madrid e Milano.

Il pubblico italiano, che non ha assistito al concerto di qualche sera fa al Teatro Carcano potrà comunque scoprire questa incredibile iniziativa stasera in tv, martedì 4 aprile, in prima serata su Rai 1 dove andrà in onda LAURA 30, lo speciale sulla maratona live per la celebrazione dei 30 anni di carriera di Laura Pausini.

Lo speciale LAURA 30 mostrerà infatti la genesi di questo progetto ambizioso, di questa vera e propria follia che Laura Pausini ha voluto realizzare per amore dei suoi fan, che l’hanno seguita con costanza e passione in tutti questi anni.

Laura 30, stasera in tv lo speciale di Rai Uno

Contenuti inediti, dietro le quinte, aneddoti di viaggio e i momenti più belli delle tre performance costituiscono lo speciale e un piatto ricchissimo per i fan della cantante che spiega:

“La musica in tutte le sue sfaccettature è una cosa seria, che richiede molto sacrificio. Ho voluto realizzare questo speciale per mostrare ai miei fan (e non solo) quanto lavoro richieda ogni singolo progetto e quante soddisfazioni porti. Dopo trent’anni di carriera, mi sono messa alla prova sotto tutti i punti di vista, alzando notevolmente l’asticella, e ho voluto condividere l’intero percorso che mi ha permesso di arrivare al risultato finale.”

RispondiAnnulla risposta