joe biden donne esecutivo

E’ arrivato il giorno dell’insediamento di Joe Biden, nuovo presidente degli Stati Uniti. Il presidente eletto entrerà oggi nei suoi pieni poteri. Una data che è stata attesa con ansia negli Usa e nel mondo, dopo le turbolente vicissitudini che sono seguite alla vittoria elettorale del candidato democratico contro Donald Trump, culminate nei gravi fatti di Washington.

“Sarò il presidente di tutti, è ora di voltare pagina, di riconciliarsi e unire l’America per affrontare le crisi e rilanciare l’alleanza con i nostri partner.”

Sarà questo, secondo le anticipazioni, il concetto centrale del discorso di insediamento di Joe Biden in programma per oggi alle 18 ora italiana.

La nuova amministrazione vuole distinguersi per un programma di rottura rispetto alla precedente stagione repubblicana. E per fare questo Joe Biden si affida a uno staff che conta un nutrito manipolo di donne.

Jill Biden, la first lady che continuerà a fare l’insegnante

Parlando della donne del presidente non si può che iniziare dalla first lady. Jill Biden, è la nuova first lady e sarà anche la prima a continuare la sua attività lavorativa nonostante il nuovo impegno alla Casa Bianca

Sebbene non codificato infatti, il ruolo della first lady negli Stati Uniti è riconosciuto di importanza sostanziale. Per questo la moglie del presidente in carica ha un suo ufficio. I suoi doveri sono quelli relativi al cerimoniale e agli eventi sociali.

Jill Biden ha già annunciato che non rinuncerà al suo lavoro di insegnante. E’ la prima a fare questa scelta. Nata Jill Jacobs nel 1951 ad Hammonton, in New Jersey, figlia di un impiegato di banca di origini italiane che inglesizzò il cognome Giacoppa dei genitori nativi di Gesso in Sicilia. Orgogliosa delle sue origini, solo qualche ora fa la nuova first lady le ha usate in un discorso pubblico per chiarire i valori a cui fa riferimento.

“I valori che i miei bisnonni avevano portato dall’Italia daranno forma alla nostra amministrazione, perché sono la chiave per riunificare l’America”.

Jill ha sposato Joe Biden nel 1977 quando entrambi avevano alle spalle un primo matrimonio. Fallito quello di Jill, finito tragicamente quello del futuro presidente che nel 1972 perse in un incidente stradale la moglie e la figlia. Rimase solo con due figli e nel 1981 ebbe un’altra figlia, Ashley, con Jill.

Appassionata insegnante, orgogliosa di lavorare sopratutto nella scuola pubblica, Jill Biden si è sempre spesa per aiutare i suoi giovani studenti ‘a sbocciare’ al di là del contesto in cui si trovavano. “Mi sento come se potessi fare la differenza nelle loro vite, mi sento davvero a mio agio.” ha dichiarato.

Jill Biden è anche la presidente della Biden Breast Health Initiative con cui combatte la battaglia della prevenzione e dell’informazione sul tumore al seno.

Joe Biden, le donne dell’esecutivo

Passando alle donne dell’esecutivo, la vicepresidente dell’anziano Joe biden è Kamala Harris. Classe 1964, nata a Oakland da genitori immigrati. La madre oncologa arrivata dall’India e il padre jamaicano professore di economia a Stanford. Nel 2010 è stata la prima donna a ricoprire il ruolo di Procuratore Generale della California. Nel 2016 è stata la prima donna asioafroamericana eletta in Senato. Oggi, con l’insediamento di Joe Biden, entra in carica come prima vicepresidente donna degli Stati Uniti.

Nella squadra di Joe Biden c’è anche Deb Haaland, prima nativa americana ad entrare nell’esecutivo degli Stati Uniti. A lei sarà affidato il dipartimento delle risorse naturali.

Classe 1960, figlia di una nativa americana della tribù Pluebo Haaland è stata amministratrice tribale di San Filipe Pueblo. Nel 2015 è stata eletta presidente del Partito Democratico del Nuovo Messico e nel 2018 è entrata nella Camera del Rappresentanti. Ha un figlio che ha cresciuto da sola. A lei sarà affidata la gestione delle risorse naturali degli Stati Uniti.

Janet Jallen è il segretario del tesoro dell’amministrazione Biden. Classe 1946, economista di fama, già presidente della Federal Reserve dal 2014 al 2018. Janet Jallen si è presentata dicendo “Bisogna agire in grande sul fronte degli stimoli fiscali, per far sì che la crisi economica innescata dalla pandemia duri il meno possibile”. E spiegando il pacchetto di interventi per far fronte alla crisi economica innescata dall’emergenza pandemica. Le borse sono in rialzo.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi