inquiete festival

Questa settimana entra nel vivo InQuiete, festival di scrittrici a cura dell’Associazione Mia.

Si parte con l’edizione EXTRA trasmessa online sul sito e su YouTube e sui canali social del festival, che recupera gli appuntamenti sospesi ad ottobre per la pandemia.

InQuiete, festival delle scrittrici: il programma

Ricchissimo, come sempre, il programma della rassegna, da seguire rimanendo comodamente a casa.

Si parte venerdì 22 alle ore 18 l’incontro Dialogo sulla paura. Protagoniste del live le scrittrici Alessandra Sarchi e Simona Vinci che si confrontano sul tema dell’incertezza e la paura, sull’importanza delle fiabe e delle narrazioni. A seguire, alle 18.30, Maternità creativa ai tempi di Covid con la scrittrice e giornalista Annalena Benini in dialogo con la scrittrice Gaia Manzini.

InQuiete festival delle scrittrici prosegue poi sabato 23 alle 16 appuntamento con Missioni letterarie. E’ il laboratorio per bambini e bambine con Fiona Sansone in collaborazione con Tuba libreria delle donne. Alle 17 in programma la Tavola rotonda Donne nell’editoria, quanto spazio c’è? con Lidia Ravera, Isabella Ferretti, Beatrice Masini, Sandra Ozzola, Tiziana Triana e Sabina Minardi. Alle 19 appuntamento con Piccolo manuale di sopravvivenza domestica monologo comico di Michela Giraud. A seguire,alle 19.30 Serena Dandini racconta la fotografa Lee Miller in Ritratto di Signora.

Domenica 24 dalle 15 alle 19 l’edizione del festival realizzata a ottobre si potrà rivivere e rivedere interamente in streaming nella maratona InQuiete. Alle 19 inizia l’incontro Il ruolo della letteratura con le scrittrici Francesca Melandrie Helena Janeczek (Premio Strega 2018). Un dialogo a due voci sul ruolo degli scrittori e delle scrittrici. A seguire, alle 19.30, Black lives matter con la scrittrice Igiaba Scego in dialogo con Francesca Moretti di Afroitalian Soul e le letture di Ester Elisha, attrice. Infine alle 20 Strategie di resistenza con la filosofa statunitense Judith Butler in dialogo con la ricercatrice Marta Capesciotti sulle alleanze necessarie per un mondo senza disuguaglianze.

Rispondi