il suono della bellezza opera galleria borghese

Immaginate le note di melodie immortali suonate dai musicisti del Teatro dell’Opera di Roma, nella cornice sfarzosa della Galleria Borghese. C’è qualcosa che può avvicinarsi di più al concetto di bellezza?

Forse sì, ma di certo l’evento Il suono della bellezza mette insieme due straordinarie risorse artistiche della città di Roma e partimoni mondiali.

Teatro dell’Opera e Galleria Borghese

Sono iniziate infatti proprio in questi giorni le riprese televisive de Il suono della bellezza. Un evento nato dalla collaborazione tra il Teatro dell’Opera di Roma e la Galleria Borghese. Un’iniziativa pensata per celebrare un ideale dialogo tra arte e musica all’insegna della bellezza che tocchi tutti i sensi.

Il maestro Daniele Gatti, direttore musicale del Teatro dell’Opera di Roma, dirige l’Orchestra in un viaggio musicale che parte dal barocco di Händel e Vivaldi. Passando da Paisiello e Mozart, e fino ad arrivare al neoclassicismo di Stravinskij.

Ripreso da Rai Cultura e trasmesso successivamente sulle reti RAI, Il suono della bellezza vede anche la partecipazione straordinaria dell’étoile Eleonora Abbagnato e del soprano Rosa Feola.

La relazione che lega la Galleria Borghese alla musica ha radici profonde che risalgono fino al suo fondatore, il cardinale Scipione Borghese. Committente della Palazzina Pinciana e della sua eccezionale collezione di opere d’arte, il cardinale fu anche protagonista della scena musicale del suo tempo. Come brillante mecenate e compositore. Il ritorno della grande musica in questo luogo simbolo di bellezza rinnova quindi il significato profondo di sintesi delle arti che la Galleria Borghese incarna.

Dopo lo straordinario successo dei concerti alla Nuvola e al MAXXI, con Il suono della bellezza l’Opera di Roma rafforza così il proprio progetto Roma Opera aperta. Un teatro che mantiene sempre vivo il dialogo con la città e le proprie radici culturali, conquistando spazi e palcoscenici inediti.

Il suono della bellezza, un evento unico

“Con Il suono della bellezza si realizza un connubio senza precedenti tra musica, danza e arte. Per la prima volta l’Orchestra del Teatro dell’Opera entra nelle splendide sale di Galleria Borghese. Grazie alla musica e alla danza le opere ospitate in una delle più pregiate istituzioni museali al mondo prenderanno vita. Sarà un dialogo inedito tra pittura, scultura e note che affascinerà il pubblico. Il patrimonio culturale della Capitale ha bisogno di allargare il suo perimetro guardando a nuovi palcoscenici e a nuove formule. È un segnale di ripartenza, per riannodare il filo del rapporto, mai interrotto, tra la ricchezza e la bellezza artistica del nostro Paese con il turismo internazionale e con chi ama l’arte e Roma”. Afferma la Sindaca di Roma e Presidente della Fondazione Teatro dell’Opera Virginia Raggi.

“È un grande onore per il Teatro dell’Opera fare musica con il suo direttore Daniele Gatti nella meravigliosa Galleria Borghese, un luogo di pittura, scultura e architettura che rappresenta un unicum assoluto nella storia dell’arte di tutti i tempi. Entrare con la musica, il canto e la danza in quelle stanze vuol dire assumersi una grande responsabilità, quella di riuscire a confrontarsi con i capolavori di artisti quali Bernini, Caravaggio, Canova e Tiziano. È la sfida ardua e coraggiosa di aggiungere bellezza a bellezza. Per questo voglio ringraziare Francesca Cappelletti e Silvia Calandrelli per aver accettato, con grande entusiasmo, di realizzare, insieme, questo bellissimo sogno”. Dichiara il sovrintendente del Teatro dell’Opera di Roma, Carlo Fuortes.

“I satiri danzanti di marmo, Apollo con la lira, i pastori giorgioneschi con i loro strumenti. Le eroine di Gian Lorenzo Bernini afferrate dagli dei che le inseguono, ma anche il Davide e Golia di Caravaggio, con l’autoritratto in chiave tragica del grande pittore, in quella testa che urla, prima di essere inghiottita dal buio. Le opere della Galleria Borghese, quintessenza del barocco romano e allo stesso tempo spazio del neoclassicismo settecentesco, tutte sembrano domandare la voce, il suono, il movimento.

Questa straordinaria iniziativa, che vede la collaborazione della Galleria con il Teatro dell’Opera di Roma e con la RAI, è per me di grande importanza. Perché in un momento difficile riafferma la vitalità della cultura e il desiderio delle istituzioni di lavorare insieme. Non ci sono barriere fra le arti figurative e le arti performative. E di questo Gian Lorenzo Bernini, nume tutelare della Galleria e forse anche dell’iniziativa, scultore, pittore, architetto, scenografo, commediografo e attore…. sarebbe stato felice”. Ha detto la Direttrice della Galleria Borghese Francesca Cappelletti.

Il programma

Il programma de Il suono della Bellezza si apre con l’Ouverture da La clemenza di Tito di Wolfgang Amadeus Mozart. Rosa Feola interpreterà alcune delle più belle pagine musicali: Casta diva dalla Norma di Vincenzo Bellini, l’aria di Ilia Padre, germani, addio! Dall’Idomeneo di Mozart, Lascia la spina, cogli la rosa da Il trionfo del Tempo e del Disinganno di Georg Friedrich Händel. E, con il basso Roberto Lorenzi, il duetto Rendez-moi donc le bien da Proserpine di Giovanni Paisiello.

Spetterà invece a Eleonora Abbagnato in coppia con Giuseppe Schiavone omaggiare l’Apollo e Dafne di Bernini . Con un passo a due creato appositamente per l’occasione sull’Apothéose tratta da Apollon Musagète di Igor’ Stravinskij. Completano il programma: le Ouverture da Hercules . E poi da Il trionfo del Tempo e del Disinganno di Händel e Le Chaos tratto da Les éléments di Jean-Féry Rebel.

Rispondi