milano fashion film festival

Il Milano Fashion Film Festival anche quest’anno, in una versione tutta digitale è riuscito a presentare una selezione ricca ed eterogenea di Fashion Films. Quasi duecento opere quelle in concorso pervenute da quasi 60 Paesi in tutto il mondo. Linguaggi diversi per narrazioni che hanno spaziato dal documentario al fictional, dalla denuncia sociale alla sperimentazione artistica.

Su tutti ha trionfato la lettura di “Le Mythe Dior” di Matteo Garrone. La collezione della leggendaria maison francese si qui fa espediente per un racconto pervaso da un’estetica di rara suggestione. Nell’opera di Matteo Garrone c’è il sogno, la sperimentazione surrealista, la fiaba, per un risultato ipnotico e di grande valore artistico.

“Voglio ringraziare la giuria del Milano Fashion Film Festival per aver dato al film questo premio così importante. Premio che condivido con tutte le persone che hanno collaborato alla realizzazione del film. E ovviamente con Dior e Maria Grazia Chiuri che mi ha lasciato una grande libertà espressiva e mi ha consentito di poter fare un racconto cinematografico seppur al servizio di una collezione di alta moda”, ha commentato Matteo Garrone

Milano Fashion Film Festival

Vediamo tutti gli altri premi di questa edizione del Festival. I premi sono stati assegnati da una giuria internazionale composta da illustri personaggi. A presiederla è stato Tim Yip, Regista,Art director e costumista, vincitore di un premio Oscar per le scenografie de “La Tigre e il Dragone“. Insieme a lui la giuria è composta da Lachlan Watson, giovane attore americano non-binary, attivista LGBTQI+, tra i protagonisti della serie TV Sabrina. Marcelo Burlon, stilista, creatore del brand “County of Milan”. E poi Anna Dello Russo, fashion icon, giornalista, influencer. Ancora, Milovan Farronato, artista, curatore ed editore. Javier Goyeneche, fondatore del marchio sostenibile Ecoalf. Tra i giurati anche Margherita Missoni, fashion designer; Paolo Roversi, fotografo. Elizabeth Von Guttman, fondatrice di System Magazine; Tamu McPherson, fotografa, influencer.

Tutti i premiati

MIGLIOR FASHION FILM:Le Mythe Dior di Matteo Garrone per Christian Dior Couture.

MIGLIOR MONTAGGIO:Silent Madness di Jordan Hemingway per Mowalola

MIGLIOR DOCUMENTARIO:Pelo Lacio di Diane Russo per Love Want Magazine

MIGLIORE COLONNA SONORA:Wata di Ronan Mckenzie e Joy Yamusangie per Gucci x Garage Magazine

MIGLIOR STYLING:Gucci X SSENSE di Matt Lambert per Gucci

MIGLIOR FOTOGRAFIA: Comfort Zone di Jordan Blady

MIGLIOR FASHION FILM SPERIMENTALE: Stories from a Twelfth-Floor Hotel Room di Zheqiang ZHANG per PSEUDONYM

MIGLIORE REGIA ESORDIENTE: Wata di Ronan Mckenzie e Joy Yamusangie per Gucci x Garage Magazine

MIGLIORE FASHION DESIGNER/BRAND:M92 19 con BRAINWASH di Paolo Forchetti

MIGLIOR FASHION FILM ESORDIENTE ITALIANO:Embodiment di Ced Pakusevskiy per Barbara Bologna

MIGLIOR FASHION FILM ESORDIENTE:Wata di Ronan Mckenzie e Joy Yamusangie per Gucci x Garage Magazine

MIGLIORE REGIA: Jess Kohl con Drag Syndrome per British Vogue

MIGLIOR FASHION FILM ITALIANO:The life and times of Mannequeen town di Vincenzo Schioppa per Aspesi

MIGLIOR “GREEN” FASHION FILM: Preservation of Hezhen Fish Skin Tradition Through Fashion Higher Education di Zhongjin Zhang per FISHSKINLAB

MIGLIOR DESIGNER/BRAND ITALIANO: Barbara Bologna con Embodiment di Ced Pakusevskiy

Rispondi