Site icon Tua City Mag

Conte firma il nuovo Dpcm anti Covid, ecco le nuove regole

Nuovi colori regioni 11 gennaio

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato nella notte il nuovo Dpcm con le misure anti covid, che sarà valido dal 5 novembre fino al 3 dicembre.

La principale novità del dpcm anti Covid firmato stanotte è la prevsioni di lockdown diversi, a seconda della gravità della situazione in ogni territorio. Questo vuol dire che molte misure saranno decise con le Regioni.

Nuovo Dpcm anti Covid: le regole valide per tutta Italia

Le regole che saranno applicate a tutta Italia (e le uniche applicate alle Regioni in fascia ‘gialla’) sono sono le seguenti.

Coprifuoco alle 22. Da quell’ora la circolazione sarà consentita solo per questioni lavorative, o urgenze di salute. Questo comporta il ritorno all’autocertificazione per giustificare gli spostamenti.

Per tutto il resto della giornata gli spostamenti su mezzi pubblici o privati rimangono sconsigliati.

Sui mezzi pubblici il coefficiente di riempimento massimo dovrà essere il 50%.

Si torna alla Didattica a Distanza per le scuole superiori. Il 100% delle lezioni, secondo il nuovo Dpcm anti covid si terrà in modalità telematiche. Uso obbligatorio delle mascherine per le elementari (sopra i 6 anni) e le medie.

Chiuse mostre e musei.

Confermata la chiusura dalle 18 di bar e ristoranti che hanno la possibilità di rimanere aperti per il pranzo della domenica.

Sospensione di esami e concorsi.

Regioni in ‘zona arancione’

Più stringenti le misure previste per le regioni della ‘fascia arancione’, considerate a rischio medio alto. Le restrizioni saranno le seguenti.

Vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dalla regione, salvo quelli legati alle necessità di studio, lavorative o di salute.

Vietati anche gli spostamenti dal comune di domicilio o residenza, salvo esigenze lavorative, di studio o di salute.

Sospese tutte le attività di ristorazione e bar, ad esclusione della consegna a domicilio.

Il lockdown nelle zone rosse

Cosa succede in zona rossa invece?

Qui ci sarà il lockdown più severo.

Alle restrinzioni previste per le zone arancioni si aggiunge la chiusura di tutti i negozi (tranne alimentari e farmacie).

Questo a grandi linee. Ora bisognerà capire come verranno suddivise le regioni. Le regioni a rischio zona rossa ad oggi sarebbero Lombardia, Piemonte, Val d’Aosta, Calabria e Alto Adige.

Exit mobile version