giovanni allevi

Giovanni Allevi presenta il suo nuovo libro, “L’Equilibrio della Lucertola” oggi in streaming, ospite dei canali social dell’università E-Campus

L’Università degli Studi eCampus ospita mercoledì 10 giugno, alle ore 18 – all’interno della propria rassegna editoriale – il webinar in compagnia del compositore di fama internazionale Giovanni Allevi e del suo libro “L’EQUILIBRIO DELLA LUCERTOLA. L’universo è asimmetrico. Anche la felicità lo è.” (Solferino, 2018, pag. 180).

“Un giorno, all’improvviso, Giovanni perde l’equilibrio. Si sente vacillante, smarrito nello spazio e non riesce, nemmeno per pochi secondi, a restare dritto su un piede solo. Tenta di fare esercizi mattutini di equilibrio, sul balcone di casa, ma non basta. Allora si distacca da tutto e da tutti e, su un’isola deserta, comincia il percorso che lo porterà a tornare nel centro di se stesso: attraverso la corsa, ma anche attraverso un incontro strano, quello con le lucertole che popolano l’isola. È vero che gli parlano, o è un trucco della sua mente? Di certo, gli insegneranno la saggezza. E l’equilibrio. Un apologo nella vena di Paulo Coelho, una moderna favola morale come quelle di Luis Sepúlveda: dedicata ai ragazzi che crescono in un mondo squilibrato ma preziosa anche per tutti gli adulti che, di tanto in tanto, si sentono vacillare e hanno paura di cadere. Una storia intensa e leggera, adatta a tutti”. 

Così lo stesso Giovanni Allevi racconta il suo nuovo libro che presenterà

 in compagnia del Prorettore dell’università e-campus Lorenza Lei,   sui canali Facebook e Youtube di Università eCampus. Nel corso dell’incontro vitruale, quello che da molti è considerato l’ enfant terrible della Musica Classica Contemporanea, porterà il pubblico alla scoperta della sua nuova fatica letteraria riflettendo, attraverso domande spunti di riflessione, sulla condizione comune, universale e misteriosa in bilico tra equilibrio disequilibrio; l’incessante e affascinante ricerca della rigenerazione; il valore del silenzio, della natura, della bellezza così come delle nostre paure e della nostra unicità. Sopra tutto la musica, “regina incontrastata”.

Insomma, un viaggio asimmetrico e coraggioso tra  lotta armonia, a testimoniare che “se, attraverso un movimento scomposto, io sto cercando l’equilibrio, forse anche l’universo sta facendo lo stesso”.

Rispondi