Giornata Mondiale della Salute Mentale docufilm

Stasera in tv sarà possibile vedere un’interessante docufilm che in occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale andrà in onda su Rai Due alle 00:25.

Sarà  infatti il docufilm“Il Terrorista nella testa” di Luca Alessandro e Antonio Zannone ad aprire sulle reti RAI la celebrazione della Giornata Mondiale della Salute Mentale. Il docufilm andrà in onda nella notte fra il 9 e il 10 ottobre alle 00:25 su Rai2 e successivamente sarà anche disponibile sulla piattaforma digitale di RaiPlay.

Il Terrorista nella Testa” racconta la storia vera di Cristina, una madre che, tra lotta e speranza, si è trovata costretta ad affrontare il disturbo ossessivo compulsivo del figlio Samuele, una problematica che può generare molta sofferenza in chi ne è affetto e nei suoi familiari.

Luca Alessandro racconta il docufilm “Il Terrorista nella testa, in onda per la Giornata Mondiale della Salute Mentale

Luca Alessandro ha spiegato così la volontà di realizzare il suo docufilm Il Terrorista nella testa: “L’idea del documentario nasce da un bisogno personale, che è quello di sensibilizzare riguardo ad un argomento, quello della salute mentale che, purtroppo, in Italia è ancora un tabù: il disturbo ossessivo compulsivo. Una vera e propria malattia che ho vissuto in prima persona quando ero più giovane, ma in forma molto più leggera rispetto a Samuele e che comunque ebbe anche così un forte impatto sulla mia adolescenza”.

Il regista romano aggiunge: “Scrissi un film in merito, mai prodotto. Quando Cristina mi chiese in lacrime di raccontare la sua storia  vera colsi subito l’occasione utilizzando i più semplici strumenti del cinema: sguardo, telecamera e microfono”.

Il docufilm è prodotto da Firefly Produzioni (qui il sito ufficiale www.alessandroluca.it) con il contributo di Ats progetto Holter EggFondazione ISC Roma Litorale Cristina Polonio. Quest’ultima è autrice della pellicola proprio insieme al regista Luca Alessandro, che a sua volta ha scritto e diretto il tutto con Antonio Zannone.

Rispondi