Home Mamma and the city ESTATE: GALATEO PER BAMBINI IN SPIAGGIA

ESTATE: GALATEO PER BAMBINI IN SPIAGGIA

995
0

Siamo nel pieno dell’estate e, come cantava la romanissima Gabriella Ferri, si va “tutti ar mare”! Ci siamo: addio sveglia del mattino, addio traffico, addio stancante tam tam quotidiano… arrivederci lavoro, adesso ci si diverte! le tanto attese ferie sono finalmente arrivate e, mentre la città si svuota, le spiagge del litorale romano si affollano come un centro commerciale alla vigilia delle feste. Infatti, ogni estate il mare si conferma la meta preferita per coppie, amici e famiglie ma la spiaggia è un luogo comune da condividere pacificamente con i nostri vicini di ombrellone.

Ecco allora alcuni consigli di galateo per bambini da mettere in valigia per fare di queste vacanze una felice parentesi per tutta la famiglia e non solo.

  1. Moderare il volume della voce.Nei luoghi aperti i rumori si amplificano. A meno che l’argomento della vostra chiamata non sia davvero succoso e i vostri figli non cantino come usignoli, il vostro vicino di ombrellone probabilmente preferirà proseguire indisturbato il suo pisolino. Abbassando la suoneria e usando gli auricolari per ascoltare la musica, i genitori contribuiranno a dare il buon esempio ai più piccoli che potranno dedicarsi al gioco evitando schiamazzi degni di un soprano. Anche alzarsi dalla sdraio per richiamare da vicino i figli può essere una valida alternativa all’urlare come aquile il loro nome per tutto il litorale.
  2. La sabbia non si lancia.Si sa, tutti i bambini adorano giocare con la sabbia ma non a tutti piace averla addosso o ritrovarsela sulla macedonia. Ricordate ai piccoli che non stanno partecipando alla Parigi Dakar! Non correre quando si passa accanto a qualcuno sdraiato e non sbattere i propri giocattoli o il telo da mare quando una persona ci è vicino può prevenire l’odiato effetto cotoletta.
  3. Chiedere il permesso di usare i giocattoli di altri bambini e condividere i propri.Anche se si è in vacanza e si sta giocando in gruppo, le basilari norme della buona educazione non vanno mai in ferie. Metterle in pratica aiuterà il piccolo a creare un ambiente di gioco sereno e ad evitare risse furibonde.
  4. Ricoprire le buche.C’è un intero esercito di bambini armati di paletta e secchiello che ogni giorno si sveglia per erigere castelli o scavare crateri nella sabbia. Che i vostri figli siano promesse dell’ingegneria o minatori mancati, ricordate loro di ricoprire le buche al termine del gioco per evitare che qualcuno, non vedendola, possa farsi male e che tutti insieme si finisca una bella giornata d’ estate nel più vicino pronto soccorso.
  1. Si al divertimento e all’attività fisica negli spazi adibiti.Che i vostri pargoli siano appassionati di calcio, beach volley, racchettoni o pistole ad acqua non fa differenza. Essere presi in pieno da una pallonata o ritrovarsi a fare il bersaglio mobile non è piacevole quindi basterà trovare uno spazio dove giocare liberamente senza rischiare di colpire i passanti o intralciarne il passaggio.
  2. Non si fanno giochi pericolosi in acqua.I bambini non vanno mai lasciati incustoditi: anche pochi centimetri di acqua sono sufficienti per affogare. Spinte e scherzi pericolosi sono da evitare a prescindere. Sebbene loro ne siano dannatamente attratti.
  1. Rispetta l’ambiente: non lasciare rifiuti in spiaggia.La spiaggia è un bene di tutti e va mantenuta pulita e in ordine. Cartacce di gelato, avanzi di cibo, bottiglie vuote e quant’altro devono essere gettati negli appositi cestini.
  2. Il mare non è un bagno pubblico e la popò non è santa.Se siete genitori di un bambino in procinto di togliere il pannolino, l’estate è sicuramente la stagione ideale, ma ricordate di abituare i piccoli all’uso dei bagni. Il mare non è un orinatoio e ricoprire con un po’ di sabbia il misfatto non è la risposta giusta. Se non c’è tempo per la corsa alla toilette cercate di trovare un posto in disparte e, quando possibile, raccogliete con un sacchetto i suoi bisogni. I bagnanti e l’olfatto dei vicini di ombrellone vi ringrazierà.

Rispondi