come si diventa geometra
Geometra al lavoro Foto: Pexels

Una professione ambita e interessante, che molti giovani vogliono intraprendere è quella del geometra.

Ma come si diventa geometra? Quali sono i passi da fare per arrivare al sogno di tanti giovani ovvero esercitare da geometra libero professionista?

Vediamo insieme il percorso formativo e le varie possibilità previste dalla legge per accedere all’esame di stato e, superato questo, iscriversi all’albo dei geometri.

Come si diventa geometra: formazione e abilitazione

Per quanto riguarda la formazione, i giovani che si stanno chiedendo come si diventa geometra, per la loro istruzione devono puntare sulla scuola più adatta ad accompagnarli nella realizzazione della loro ambizione.

Istruzione tecnica

La scuola in questione è l’ex Istituto Tecnico per Geometri (ITG), che da qualche anno ha assunto la denominazione di  Istituto Tecnico con indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio.

Il percorso formativo al CAT è diviso in due bienni e un quinto anno.

Nel primo biennio gli studenti acquisiscono competenze generali e insegnamenti di base.

Nei successivi tre anni invece, il percorso di studi si fa più professionalizzante e i giovani vengono in contatto con materie come estimo, topografia e scienze della costruzioni e svolgeranno diverse ore in stage formativi.

Come si diventa geometri: l’abilitazione professionale

Conseguito il diploma di Istruzione Tecnica in CAT arriva il momento di intraprendere il successivo percorso, volto al raggiungimento dell’abilitazione professionale.

Per l’abilitazione professionale non è necessario il titolo di laurea, ma gli studenti che volessero arricchire la loro preparazione su base teorica dopo il CAT possono scegliere fra vari corsi di laurea attinenti la loro futura professione, nelle aree dell’ingegneria civile e dell’architettura.

Ma alla domanda come si diventa geometra, la vera risposta è: ottenendo l’abilitazione professionale.

Quindi vediamo quali sono i requisiti dell’aspirante geometra che voglia accedere all’esame di abilitazione.

Il candidato deve aver svolto un tirocinio della durata massima di 18 mesi presso studi professionali di geometra, architetto o ingegnere civile ed essendo per quel periodo iscritto nel registro dei praticanti.

Oppure aver svolto l’attività tecnica subordinata per almeno 18 mesi.

Ancora, il candidato può ottenere l’accesso all’esame di abilitazione alla professione di geometra, attraverso la frequenza, con profitto, di corsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) della durata di 4 semestri. Comprensivi di tirocinio della durata di almeno 6 mesi.

Avendo questi requisiti l’aspirante geometra potrà sostenere l’esame di abilitazione professionale e, superato questo, ottenere l’iscrizione all’albo professionale e, finalmente, iniziare ad esercitare da professionista.

Rispondi