smart working

#Facciolamiaparte è l’hashtag usato da cittadini e professionisti per mettersi a disposizione degli altri, come gli psicologi del progetto Solidarietà Psicologica Digitale

In questi giorni di grande incertezza e precarietà in cui tutti siamo caduti nell’incubo della diffusione del Coronavirus, sui social e non solo, spopola l’hashtag #Iorestoacasa, per diffondere la necessità di limitare al massimo gli spostamenti di ognuno di noi, nella speranza di far calare i numeri del contagio. Un atro hashtag che si sta diffondendo molto velocemente però è quello di #facciolamiaparte. Lo stanno usando professionisti e semplici cittadini per raccontare iniziative solidali, e per mettersi a disposizione per sostenere in questo difficile momento le persone che più di tutti sono in difficoltà. Ecco allora i giovani come quelli di Sparsswasser al Pigneto o di altre realtà in altre zone della città, che si offrono di portare spesa e farmaci agli anziani vicini per evitare loro di uscire di casa, ma anche ecco tanti professionisti di tutti i campi che con l’hasthag #facciolamiaparte mettono a disposizione, online, le loro competenze con consulenze grautite che possono rivelarsi davvero un aiuto prezioso in questo particolare momento che tutti stiamo vivendo.

A tendere una mano, tra gli altri, ci sono in prima fila i professionisti del benessere e della salute che, in tanti, si stanno mettendo a disposizione gratuitamente di chi ne ha bisogno. Tra di loro ci sono un gruppo di psicologi che hanno lanciato la loro Solidarietà Psicologica Digitale, un’iniziativa partita dalla dottoressa Lucilla Croce, psicologa e psicoterapeuta, che ha voluto fare qualcosa per gli altri in questo momento difficile per tutti, e che così spiega le sue intenzioni:

“In questo momento di grande disagio per tutti, mi sono chiesta se e come, in qualità di psicologa specialista nella promozione della Salute e del Benessere, potessi essere d’aiuto alle persone e alla comunità, non solo stando a casa, ma facendo qualcosa di più attivo. Senza pensarci troppo, ho deciso di mettere a disposizione gratuitamente un aiuto psicologico online”. 

Accogliendo l’appello della dottoressa Croce si sono poi uniti al progetto Solidarietà Psicologica Digitale diversi colleghi, che offrono la loro consulenza psicologica gratuita. Il servizio, ovviamente, sarà disponibile senza che nessuno si muova da casa: la consulenza verrà messa a disposizione di chi ne ha bisogno attraverso incontri via skype o telefono.

Chi volesse saperne di più può scrivere all’indirizzo email: psicologia@ascoltareilcuore.com

Rispondi