liguria

Nei nostri giri in questa Estate Italiana oggi facciamo tappa in Liguria, dove ci facciamo guidare, come sempre, da una local ambassador d’eccellenza. Lei è Selene Scinicariello ideatrice di Viaggi che mangi: (http://viaggichemangi.com/) e oggi ci accompagna alla scoperta delle tante bellezze della sua terra.

Raccontaci qualcosa del territorio in cui vivi, la Liguria cosa lo rende speciale? Perché dovremmo venire a scoprirlo quest’estate?

La Liguria è una meraviglia. Potrà sembrare una frase fatta, ma è così.

Spesso quando si parla della mia Regione sento citare solo il mare e gli stessi 4 o 5 posti: Cinque Terre e Portofino in primis. Credetemi, però, se vi dico che c’è altro.

Sì, c’è il mare: un bellissimo e pulitissimo mare. Coste frastagliate, calette, qualche spiaggia di sabbia, una serie di scogliere un po’ impervie e una serie di borghi che si susseguono uno dopo l’altro dove i pescatori tirano ancora a secco le barche e preparano le reti.

Ma poi c’è anche l’entroterra, con i suoi boschi fitti, i suoi sentieri da trekking e i suoi villaggi fuori dal tempo dove la pietra scura prende il posto delle classiche facciate colorate.

La Liguria è capace di accontentare chiunque e regala la possibilità di una vacanza diversa e variegata percorrendo solo pochi chilometri tra un posto e l’altro.

Purtroppo è vero, quest’anno la situazione autostrade ci sta mettendo in ginocchio, ancor più del post emergenza sanitaria, ma esistono strade alternative, quelle meno battute, quelle che passano all’interno della nostra regione, quelle che potranno regalarvi scenari assolutamente impensati e che io vi suggerisco di percorrere.

Quali sono le cose da vedere assolutamente?

Lascio da parte i soliti cliché: certo, andate alle Cinque Terre e nella esclusiva Portofino, ma non dimenticatevi di passare anche dalla piccola Camogli e di imbarcarvi per la deliziosa Abbazia di San Fruttuoso.

Poi fermatevi per un paio di giorni a Genova, visitate l’Acquario se lo desiderate, ma ricordatevi di andare alla scoperta dei Palazzi de Rolli e dei Musei di Strada Nuova: è qui che rimarrete estasiati dalle opere di Van Dyck, Rubens, Caravaggio e dalla meravigliosa Maddalena Penitente di Antonio Canova.

Dopo esservi persi tra i caruggi genovesi, dirigetevi a ponente per scoprire i borghi in provincia di Imperia: Dolceacqua, a suo tempo, fece innamorare anche il celebre pittore Claude Monet.

I piatti o i prodotti tipici da assaggiare se veniamo in vacanza da quelle parti?

Se vi dico il pesto è scontato, ma è sicuramente il prodotto per eccellenza della nostra regione. Una volta assaggiato il Pesto preparato con il basilico di Pra, non comprerete più quello delle grandi marche al supermercato!

Oltre al pesto, però, c’è di più.

La farinata e la focaccia al formaggio, ad esempio, saranno un’ottima cena dopo una giornata al mare. Così come la buridda di seppie e le acciughe ripiene. Se vorrete rimanere leggeri, invece, scegliete la capponadda, un’insalata fresca a base di tonno, capperi e acciughe, o il brandacujun a base di patate stoccafisso.

“Annaffiate” il tutto con il buon vino ligure: un bianco dei Colli di Luni a Levante o un Rossese di Dolceacqua a Ponente, ad esempio.

Le esperienze più belle da fare?

Se vi piace il trekking avrete sicuramente pane per i vostri denti: i percorsi sono tantissimi e tutti vi permetteranno di vivere un’esperienza indimenticabile, quella di passeggiare tra i boschi osservando il mare! Tra i luoghi migliori per il trekking ci sono il Parco Naturale Regionale di Portofino e il Parco del Beigua.

Un’altra esperienza da non perdere è un giro in barca per scoprire la costa da un punto di vista privilegiato: potrete scoprire le Cinque Terre dal mare con i traghetti che partono ogni giorno da Portovenere o imbarcarvi dal Porto Antico di Genova per andare verso il Paradiso dei Cetacei e provare ad adocchiare delfini e balene.

Qual è in assoluto il tuo posto del cuore e perché è il tuo luogo preferito?

Da genovese sono di parte e non posso che consigliare la mia bellissima città.

Vi consiglio due luoghi da non perdere assolutamente.

Il primo è il percorso museale dei Musei di Strada Nuova, un luogo che, secondo me, non ha la fama che meriterebbe di avere. Durante la visita avrete modo di ammirare la Maddalena Penitente di Antonio Canova, una delle opere più belle ed emozionante dello scultore veneto.

Il secondo luogo è Spianata Castelletto, uno dei punti panorami più belli della città: un tramonto visto da qui non lo scorderete tanto facilmente. Da qui vi sembrerà di poter abbracciare l’intera città. Ci vengo ogni volta che ne ho l’occasione, per un gelato o semplicemente per fermarmi a pensare.

Un posto davvero poco conosciuto delle tue parti che merita una visita, e perché?

Di luoghi poco conosciuti in Liguria ce ne sono davvero tantissimi. Spesso ci si ferma alle solite località sul mare, tralasciando l’entroterra e i suoi piccoli borghi.

Un luogo che ho riscoperto da poco e che mi sento di consigliare è la zona di Santo Stefano d’Aveto. A pochi chilometri dal mare vi sembrerà di essere in alta montagna: le casette di pietra e legno, i percorsi nei boschi e i laghi sembrano lontani anni luce dall’immagine stereotipa della Liguria. Un posto che merita di essere assolutamente scoperto!

Rispondi