emanuela orlandi
Emanuela Orlandi, scomparsa nel giugno 1983 a Roma e mai più ritrovata

E’ arrivato un altro 22 giugno, il trentottesimo. Anche oggi,come già avviene da qualche anno, tante persone si riuniranno in un sit in all’ombra della cupola di San Pietro per chiedere che si arrivi alla verità sulla scomparsa di Emanuela .


Emanuela Orlandi, cittadina vaticana, inghiottita nel nulla alle sette di un pomeriggio di inizio estate del 1983 in pieno centro a Roma, quando aveva solo quindici anni. La misteriosa vicenda di questa ragazzina è diventata negli anni, uno dei più’ intricati gialli italiani. Ma è soprattutto un dolore lungo quasi quattro decenni per una famiglia che non accetta di non sapere, nemmeno dopo tutto questo tempo.

Dov’è finita Emanuela? In Sudamerica, dove è diventata madre dei due figli del sacerdote che l’ ha rapita? In Turchia, dove è compagna di un Lupo Grigio? A Londra, dove è in un istituto sorvegliata da quattro infermiere? O è morta e il suo corpo è stato gettato in una betoniera a Torvajanica, sul litorale sud di Roma? O durante una messa satanica? Solo alcune delle tante ipotesi avanzate, di volta in volta, sulla scomparsa di Emanuela Orlandi.

Che fine ha fatto Emanuela Orlandi?

Decenni di indagini, giorni di interrogatori, fiumi di inchiostro sono stati dedicati alla ricerca della verità in fondo a questo intricato mistero. Un giallo che ha visto coinvolti o chiamati in causa, di volta in volta, come attori protagonisti o comparse delle più disparate ipotesi, i servizi segreti italiani, il Vaticano, eminenti monsignori, rappresentanti delle istituzioni, terroristi turchi dei Lupi Grigi, la Cia, l’ attentatore di papa Wojtyla Ali Agca, la Banda della Magliana, la mafia in un susseguirsi di scenari complessi che sono stati scandagliati ma che, ad oggi, ancora non hanno portato gli inquirenti a poter rispondere alla domanda: “Che fine ha fatto Emanuela?”

La ragazzina sorridente, con la fascetta giallorossa tra i capelli nei manifesti che tappezzavano Roma nei giorni seguenti la sua scomparsa, è ancora viva? Se sì, dove si trova? Se no, che cosa le è successo? Come e perché è stata portata via dall’ affetto della sua famiglia? Papa’ Ercole, messo della Prefettura della Casa Pontificia, è morto nel 2004 senza sapere che fine abbia fatto sua figlia come mamma Maria, casalinga. Mentre i suoi fratelli Natalina, Pietro e Federica continuano a cercarla senza arrendersi.

“Gli anni passano”, hanno detto più’ volte sia Pietro che Natalina.“Ma per noi, è come se Emanuela fosse scomparsa ieri, il nostro tempo si è fermato.”

Il loro tempo si è fermato nell’ attesa di lei, che oggi avrebbe 53 anni. Il loro tempo, ancora oggi, è dedicato alla ricerca di lei. Quello di Natalina, per anni impegnata con l’ Associazione Penelope che riunisce molte famiglie di persone scomparse. E quello di Pietro che, tra le altre iniziative, organizza ogni anno quella di un sit in San Pietro il giorno della scomparsa di Emanuela. L’appuntamento è in piazza Giovani XXIII alle 18.

Sopratutto grazie a loro, l’attenzione su un caso così misterioso non si è affievolita, e dopo quasi quarant’anni l’opinione pubblica ancora chiede verità.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi