Site icon Tua City Mag

City of lies, la storia vera raccontata dal film con Johnny Depp

city of lies storia vera

Quando, nel 2019, uscì nelle sale, si parlò molto di City of lies. La storia vera di un uomo e della sua ossessione, riportò infatti a galla quelle, ancora coperte dal mistero, di due morti eccellenti. Due veri e propri monumenti della subcultura americana contemporanea.

Tupac Shakur e Notorius B.I.G., gli omicidi dei re dei rapper

L’uomo al centro del film si chiama Russel Poole ed è morto nel 2015 a Los Angeles. Di mestiere faceva l’investigatore e l’ultima parte della sua carriera, ma anche gli anni successivi della sua esistenza, furono immolati alla ricerca della verità su due omicidi che, a metà degli anni ’90, sconvolsero il mondo dell’hip hop.

La morte violenta del più grande rapper della costa ovest, Tupac Shakur è datata settembre 1996. Quella del suo più agguerrito rivale e anzi, diciamo pure nemico, in un ambiente in cui non ci si trattava in punta di fioretto, il re dei rapper della East Coast, Notorius B.I.G., data invece marzo 1997.

Russel Poole, che nel film City of Lies è interpretato da Johnny Depp, è un investigatore della polizia di Los Angeles e decide di vederci chiaro in quella che, fin da subito, appare un’intricata matassa di collegamenti e reticenze.

Partendo dalla morte di Notorius B.I.G. e di Tupac, il detective scava fino ad arrivare a gettare luce su legami tra alcuni agenti della polizia e personaggi pericolosi che gravitano nel mondo dorato e feroce del gangsta rap.

Un’ indagine scottante

Insieme a Russel Poole, protagonista del film City of lies e della storia vera che la pellicola racconta, è un giornalista, Randall Sullivan.

Fu infatti lui, il primo a scrivere, in un articolo per Rolling Stone, della ricerca della verità sugli omicidi dei due big del rap da parte di un agente del dipartimento di polizia di Los Angeles.

Dopo il primo incontro per quell’articolo, Sullivan continuò a seguire l’inchiesta di Poole che nel frattempo toccò qualche nervo scoperto per i vertici della polizia e si giocò anche la carriera.

Ma la storia di quelle due morti parallele e soprattutto di tutto quello che nascondevano, non abbandonò mai il detective che, anche una volta messo a riposo, andò avanti privatamente a scavare. E trovò anche l’appoggio e l’aiuto della madre di Notorius.

City of lies, la storia vera di una vicenda di morte, violenza e corruzione

Da questa lunga ossessione nacque un libro, poi candidato al Premio Pulitzer, intitolato Labyrinth. Sulla cui copertina americana si legge: “Un detective indaga sugli omicidi di Tupac Shakur e Notorious B.I.G., l’implicazione di Suge Knight di Death Row Records e le origini dello scandalo della polizia di Los Angeles”.

Da questo libro è tratto il film City of Lies che racconta sopratutto di un uomo ossessionato da una vicenda di morte, violenza e corruzione, sullo sfondo di uno dei movimenti più potenti degli anni ’90.

Exit mobile version