ottobre rosa airc
ph: ufficio stampa/ albertofeltrin.com

Ottobre è tradizionalmente il mese della prevenzione del tumore al seno.

Qualcosa di cui si deve parlare ogni giorno, ogni settimana e ogni mese dell’anno. Ma l’ottobre rosa è comunque una preziosa occasione per accendere luci più accecanti su questo tema. Luci rosa, come quelle che illuminano i palazzi di Milano in nome della lotta contro il cancro al seno.

Anche quest’anno infatti, è la città di Milano a dare il via in Italia alla Breast Cancer Campaign, la campagna globale contro il tumore al seno promossa nel nostro Paese da The Estée Lauder Companies Italia e FondazioneAIRC per la ricerca sul cancro.

L’Italia in rosa

Già giovedì 30 settembre alle 20:45 la Galleria Vittorio Emanuele II si è illuminata di rosa, insieme ai monumenti più noti e rappresentativi di oltre 70 nazioni, per accendere i riflettori sulla neoplasia più diagnosticata fra le donne nel nostro Paese.

Riflettori che devono rimanere bene accesi perché, più se ne parla, più si riesce ad andare avanti in questa battaglia, fino alla vittoria finale.

I progressi della ricerca per la diagnosi e la cura del tumore del seno hanno portato oggi fino all’87% la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi. L’attenzione deve però rimanere alta perché la malattia colpisce circa 55.000 donne ogni anno, una su otto nell’arco della vita.

All’accensione delle luci rosa sulla galleria era presente Cristina Parodi in qualità di Ambassador della Breast Cancer Campaign in Italia. La giornalista ha ribadito l’importanza della sensibilizzazione sul tema.

“Sono orgogliosa di essere la madrina italiana di questa iniziativa, che da 29 anni informa e sensibilizza sull’importanza della prevenzione e raccoglie nuove risorse per il lavoro dei ricercatori. Contro il tumore al seno ognuno di noi può fare la sua parte. Noi donne sottoponendoci agli screening raccomandati e adottando comportamenti salutari. I ricercatori nei laboratori e i sostenitori, confermando la fiducia nel lavoro degli scienziati”.

Alla cerimonia presente anche Andrea Sironi, presidente della fondazione Airc, che ha sottolineato il valore di un’iniziativa che riporta l’attenzione su una battaglia ancora lunga.

“Con questa illuminazione di grande valore simbolico vogliamo testimoniare l’impegno dei ricercatori al fianco delle donne colpite dal tumore del seno. Grazie ai progressi della ricerca oggi abbiamo diagnosi sempre più precoci e accurate e trattamenti più mirati, efficaci e tollerabili. È però urgente trovare nuove cure per chi deve affrontare le forme più aggressive. Una sfida difficilissima a cui Fondazione AIRC nel 2021 ha destinato 14,3 milioni di euro, sostenendo 156 progetti di ricerca e borse di studio”.

“La Breast Cancer Campaign è un impegno che vede Estée Lauder Companies coinvolta insieme ai suoi partner nella lotta contro il tumore al seno da ben 29 anni. “dice invece Edoardo Bernardi, Amministratore Delegato e Direttore Generale di The Estée Lauder Companies Italia . “Sono fiero e orgoglioso di farmi portavoce di un messaggio tanto importante anche quest’anno al fianco di AIRC, che è una eccellenza italiana nella ricerca sul cancro ”.

Non solo Milano però, perchè a ottobre, tutta Italia si colora di rosa. Da nord a sud, grazie alla collaborazione tra Airc e ANCI, alcuni dei più importanti palazzi e monumenti delle città italiane si coloreranno per sensibilizzare sulla cruciale battagli contro il tumore al seno.

Dal Palazzo Senatorio sul Campidoglio a Roma, alla Mole Antonelliana di Torino. Da Palazzo Balbi a Venezia all’Arena di Verona. Dalla fontana di Piazza de Ferrari di Genova al Palazzo del Podestà di Bologna, dal Palazzo degli Elefanti di Catania alla Torre degli Sciri di Perugia, fino al Palazzo della Regione a Trieste e molti altri.

Tante iniziative per informare, fare prevenzione e combattere il tumore al seno

Non solo, la campagna dell’ottobre del nastro rosa dell’Airc, come di consueto si articolerà in un vasto numero di eventi e iniziative, con il focus sull’informazione e la prevenzione.

Dal 4 al 10 ottobre, La7 è media partner della campagna Nastro Rosa AIRC. Giornaliste e conduttrici, insieme ai loro colleghi, si fanno portavoce dei messaggi di AIRC. E racconteranno le storie di medici, ricercatori e donne che hanno avuto un’esperienza di tumore al seno. Inviteranno il pubblico a donare attraverso il numero solidale 45521 e il sito nastrorosa.it.

In occasione dell’ottobre rosa AIRC torna anche “TITS UP! Storie di donne in lotta contro il cancro al seno”, serie podcast nata dalla collaborazione fra Fondazione AIRC e Storielibere.fm, che racconta di donne che hanno affrontato o stanno affrontando sulla propria pelle un tumore al seno e hanno deciso di raccontarsi anche nei momenti più bui, tutte con il “petto in fuori”, come recita il titolo del podcast, un incoraggiamento e un augurio di buona fortuna, come nella celebre serie “The Marvelous Mrs Maisel”. Tits Up! è ideata e narrata da Samanta Chiodini con il contributo della ricercatrice AIRC Lucia Del Mastro, Coordinatrice della Breast Unit del Policlinico San Martino di Genova. È disponibile al link storielibere.fm/tits-up-airc/ e su tutte le principali piattaforme di ascolto.

Cosa puoi fare tu

  • le spillette Nastro Rosa AIRC disponibili a fronte di una donazione minima di 2 euro nelle farmacie e nei punti di distribuzione indicati su nastrorosa.it
  • con carta di credito su nastrorosa.it o chiamando il numero verde 800 350 350 (attivo dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 19.30)
  • chiamando il 4 5 5 2 1 da telefono fisso per donare 5 o 10 euro. O inviando al 4 5 5 2 1 uno o più SMS del valore di 2 euro*
  • con Bonifico Bancario IBAN IT 18 N 05034 01633 000000005226
  • aprendo una pagina di raccolta fondi sul portale Rete del Dono, adesioni attraverso questo link
  • per gli artigiani e le piccole imprese che vogliono sostenere la campagna con le loro attività è stato creato un percorso dedicato, attraverso questo link


Rispondi