Quando si inizia a progettare l’arredamento di una casa, le domande su cosa fare e come fare sono molteplici. Ci si chiede da quale stanza partire, quali elementi considerare come prioritari e soprattutto quale tipologia di arredo è più in linea con le nostre esigenze.
Il mercato offre numerose idee di stili e diverse tipologie di arredi che possono creare maggiore confusione.
Per dissipare i dubbi e aiutare a fare chiarezza, abbiamo realizzato una guida alle scelte d’arredo con alcuni consigli su come creare un arredamento esteticamente piacevole ma anche funzionale.

Dove partire per le scelte d’arredo
Prima di iniziare ad acquistare mobili e complementi d’arredo,  la domanda fondamentale a cui rispondere riguarda lo stile che risulta più coerente con il tipo di abitazione e i propri gusti personali. Il consiglio è di effettuare ricerche in modo da vedere diverse possibili soluzioni, per poter così valutare, cosa piace e cosa no.
Ad esempio per arredare una casa piccola è preferibile optare per un arredamento moderno evitando l’utilizzo di mobili troppo ingombranti e dai colori scuri che potrebbero togliere luminosità e condizionare la spaziosità agli ambienti.
Dopo aver scelto il proprio stile, si procede con la selezione degli arredi.

L’ingresso: fondamentale per l’accoglienza
L’ingresso viene spesso considerato marginale nella realizzazione dell’arredamento di casa. In realtà è lo spazio che permette di dare la giusta atmosfera alla casa. Ha infatti la funzione di accogliere gli ospiti e rappresenta un’anticipazione di quello che troveremo negli altri ambienti della casa. A seconda dello spazio disponibile, si può arredare con piccoli elementi a parete, come attaccapanni, svuotatasche, specchi e quadri, o con mobili appendiabiti o consolle con ripiani per appoggiare le cose.

Come arredare il soggiorno


Nelle case moderne, il soggiorno è l’ambiente più eclettico di tutti. Viene infatti utilizzato per diverse attività e deve quindi essere organizzato per rispondere a molteplici utilizzi. Si può optare per un open space oppure è possibile creare le diverse zone separandole con il cartongesso o con l’utilizzo dei mobili che fungono da divisori. Non può mancare la parete attrezzata in cui collocare una tv, ed eventuale un impianto audio e le console giochi.

Altro elemento caratterizzante nella zona living è il divano, che può rappresentare anche un arredo divisorio tra la zona in cui è posizionato il tavolo da pranzo e quella destinata al relax. Un altro consiglio è quello di creare un angolo smart working, con postazione pc, libreria e cassettiera, per dare un tocco di contemporaneità all’ambiente. Se l’abitazione è il risultato di una ristrutturazione, l’acquisto di nuovi mobili può essere effettuato anche usufruendo di agevolazioni fiscali. Meglio informarsi, dunque, su come funziona nel 2023 il bonus mobili ed elettrodomestici, che permette di avere uno sconto del 50% sull’acquisto di mobili e di elettrodomestici classe A.

Arredare la cucina: bellezza e funzionalità


La cucina è un ambiente dove si trascorre molto tempo e in cui si svolgono diverse attività. Deve dunque essere il più funzionale possibile per permettere di preparare diversi tipi di pranzi e cene, dalle più veloci a quelle  più complesse. Il consiglio è di disporre i mobili seguendo le proprie abitudini personali e secondo il ritmo di lavoro delle attività alle quali si è abituati. E’ importante aggiungere elettrodomestici smart per velocizzare le diverse operazioni. Il tavolo può essere sia un’isola che si può anche allargare, sia un tavolo che si può ingrandire a seconda delle esigenze.

RispondiAnnulla risposta