Home Cultura e Spettacolo I GRANDI NOMI DELLA RADIO ITALIANA INSIEME PER LA MARATONA “CARA RADIO”

I GRANDI NOMI DELLA RADIO ITALIANA INSIEME PER LA MARATONA “CARA RADIO”

878
0
cara radio

Una maratona per riflettere e discutere su presente e sul futuro di uno dei mezzi di comunicazione più amati e seguiti da tutte le generazioni, ma soprattutto una grande dichiarazione d’amore per la radio. E’ questo il senso di “Cara Radio”, il pomeriggio di domani al Palazzo Mattei di Giove, in via Caetani, sede dell’ Istituto per i Beni Sonori e Audiovisivi, dove una cinquantina tra i più importanti  professionisti della radio italiana ed internazionale, insieme ad autorevoli studiosi di comunicazione si riuniranno, dalle 15 in poi, per condividere con il pubblico, pensieri, idee, sentimenti, relativi a quell’oggetto unico e famigliare che accompagna le nostre giornate. Tanti i nomi di richiamo che parteciperanno all’iniziativa, provenienti da tante, diverse realtà della radiofonia mondiale: per citarne solo alcuni Laura De Luca, Enrica Bonaccorti, Federica gentile, Renzo Arbore, Gianluca Teodori, Gerardo Greco e tantissimi altri. Voci che accompagnano le nostre giornate, informando, intrattenendo, e facendoci anche riflettere. In quale casa infatti, durante una normale giornata non echeggia, una voce, un suono, una melodia che esce da una radio? Che siate tra quelli che la accendono al mattino per svegliarsi e capire cosa è successo nel mondo, o tra quelli che lasciano che voci e suoni costituiscano il sottofondo delle loro giornate, o che siate affezionati e fedelissimi ascoltatori di un particolare programma o di una particolare voce, che la ascoltiate in casa, in auto, al lavoro, di sicuro la amate e non fareste mai a meno di lei: la radio. Così come non farebbero mai a meno di lei i relatori di “Cara Radio”, stimati professionisti ma innanzitutto amanti e appassionati di questo mezzo, che potrete ascoltare sviscerare i temi più tecnici e professionali, ma anche raccontare le loro esperienze di lunghi anni di lavoro davanti a un microfono o nelle redazioni o dietro a un mixer, aprirci agli scenari futuri di un mezzo che non viene scalzato dalle nuove forme di comunicazione e anzi pare avere in sé un gene che la porta a utilizzarle e a rinnovarsi di conseguenza. Ma soprattutto li ascolterete fare dichiarazioni d’amore incondizionato, e sentire dalla loro voce le possibilità, le meraviglie, le potenzialità  della radio ieri, oggi e domani. Un appuntamento da non mancare. ingresso libero. Tutte le info le trovate qui

 

Rispondi