Buongiorno mamma raoul bova

Buongiorno mamma, la nuova serie con Raoul Bova, prodotta da Lux Video e trasmessa da Canale 5 ha esordito facendo ascolti straordinari. E tutto lascia pensare che il pubblico continuerà a seguire tutte le puntate. Un po’ perché il protagonista, Raoul Bova, ha un grande zoccolo duro di affezionati, ma molto anche perché la storia sembra già aver appassionato molti. Il dramma del super papà della moglie e dei suoi figli sembra aver già colpito molto il pubblico, ma in pochi sanno che a ispirare gli sceneggiatori di Buongiorno Mamma è stata una storia vera, quella di Angela e Nazareno Moroni e della loro famiglia.

Proprio alla forza e al coraggio di Nazareno si ispira infatti il personaggio di Raoul Bova. Come nella serie, molto più che nella serie, la storia di Angela Calise e Nazareno Moroni è la storia di un amore che non si arrende al destino e che resiste anche di fronte a un enorme tragedia. Angela Calise Moroni ha 64 anni, è sposata con Nazareno e hanno cinque figli. La famiglia vive la sua quotidianità tranquilla ad Avezzano, in Abruzzo, finchè non succede qualcosa che cambia, per sempre, la vita di tutti in quella casa, ma non mina certo le basi del loro amore reciproco.

E’ il 25 gennaio del 1988 quando Angela ha un malore e finisce in coma profondo. I dottori, sin da subito, non danno alcuna speranza a Nazareno. Sua moglie non si sveglierà più. Eppure sua moglie non è morta e Nazareno ha fede, molta fede. Per questo decide di riportarla a casa. Nella sua casa e da allora,si occupa lui di vegliarla ed accudirla, mentre le giornate passano, mentre i figli crescono, mentre la vita continua. Proprio come succede in Buongiorno Mamma, la fiction con Raoul Bova, la mamma in coma rimane al centro della vita famigliare. Per Nazareno questa vita così particolare, che ha scelto convintamente è durata ben 29 anni. E nemmeno per un minuto ha pesato di lasciare andare la moglie prima che fosse il momento.

Una storia complessa, che ha molti aspetti e che nella fiction viene raccontata nel suo aspetto più luminoso, quello di un amore che non si rassegna mai.

Rispondi