Home Cinema Buio in sala: i migliori film di febbraio al cinema

Buio in sala: i migliori film di febbraio al cinema

196
0
MIGLIORI FILM DI FEBBRAIO AL CINEMA

Quali sono i migliori film di febbraio al cinema? Come ogni mese ve li sveliamo nella nostra consueta guida alle nuove uscite del mese.

4 FEBBRAIO

Iniziamo la nostra rassegna sui migliori film di febbraio con un grande classico che torna a rivivere sul grande schermo… Parliamo del capolavoro “Ladri di biciclette” di Vittorio De Sica che ritroverete in sala dal 4 febbraio.   Ricorderete la storia di Antonio Ricci che festeggia con i familiari quel lavoro che ha ottenuto con tanta fatica: attacchino di manifesti del cinema. La famiglia riprende dal banco dei pegni la bicicletta con la quale Antonio va a lavorare fino a quando gliela rubano. 

E sempre nella stessa data uscirà “Tramonto” di László Nemes. Il mistery presentato a Venezia 75 è ambientato a Budapest nel 1913. L’Europa austroungarica è all’apice del progresso e dello sviluppo tecnologico. La giovane Irisz vorrebbe lavorare nella leggendaria cappelleria dei suoi genitori ma il nuovo proprietario, il signor Brill, la respinge. Irisz, però, non se ne va, soprattutto  dopo aver scoperto l’esistenza di un fratello, Kálmán la cui ricerca la condurrà nel cuore di una civiltà sull’orlo della propria rovina.

7 FEBBRAIO

Diverse le uscite previste per il 7 febbraio. partiamo con i tre titoli provenienti dall’Italia:

“10 giorni senza mamma” di Alessandro Genovesi

Carlo e Giulia hanno tre figli: lui (Fabio De Luigi ) è un papà distratto e assorbito dal lavoro, lei (Valentina Lodovini) è una mamma che si è dedicata alla famiglia rinunciando alla sua carriera. Ci sono Camilla, 13 anni, Tito 10 anni e  la piccola Bianca di 2 anni. Giulia, stanca della routine, comunica alla famiglia che sta per partire per dieci giorni di vacanza. Trovandosi da solo, Carlo all’improvviso si ritrova in un vero e proprio incubo! Riuscirà Carlo a sopravvivere a questi dieci giorni?

E da un papà che prova a fare il supereroe ad un figlio un po’ speciale che prova a diventarlo in “Copperman” di Eros Puglielli

“Le cose non sono mai quelle che sembrano e neanche io sono quello che sembro”. Anselmo è un uomo che viaggia nel mondo con l’innocenza di un bambino e il cuore di un leone. Abbandonato dal padre, vive con la madre che gli ripete quanto sia “speciale”; lui nel tempo ha conservato una purezza e un candore di chi non conosce la diffidenza. Il suo grande amore è Titti e poi c’è Silvano, il fabbro del paese e suo padre putativo e mentore. Grazie a lui, Anselmo diventa Copperman.

Ne “I nomi del signor Sulcic” di Elisabetta Sgarbi, la vicenda narrata  è quella di Ivana, giovane ricercatrice dell’università di Ferrara che è al centro di un mistero e raccoglie informazioni su Sara Rojc, morta nel 1992 e depositaria di un segreto di cui ha lasciato testimonianza al vecchio custode del cimitero ebraico.

Tra i migliori film di febbraio, in uscita il 7 vi segnaliamo anche tre titoli francesi. Il primo che vi segnaliamo è “Le nostre battaglie” di Guillaume Senez che racconta di un uomo che deve affrontare l’abbandono della moglie che si allontana da lui lasciandogli la responsabilità dei figli.

Il divertentissimo “Il professore cambia scuola”  di Olivier Ayache – Vidal. François Foucault è professore di lettere al prestigioso liceo Henri IV di Parigi. Una sera l’uomo si lamenta con una funzionaria dell’Educazione nazionale dei problemi delle scuole di periferia dove pensa che bisognerebbe inviare dei professori più competenti. Fino a quando si ritroverà proprio lui a dover accettare, per un anno, il trasferimento in un liceo di periferia  da cui si aspetta il peggio… Il professor Foucault dovrà allora confrontarsi con i limiti del sistema educativo e mettere in discussione i suoi principi e i suoi pregiudizi.

E poi ve lo ricordate il cartone animato anni ’80 più strappalacrime del mondo dei cartoni tratto dal romanzo “Senza famiglia” di Hector Malot. Ora sul grande schermo le più nostalgiche riscopriranno il film d’animazione “Remi” di Antoine Blossier.

Il piccolo Remi vive in campagna insieme alla madre, la signora Barberin, mentre il padre Gerolamo lavora lontano come tagliapietre. Quando Gerolamo si ferisce in un incidente, la madre si trova costretta a vendere il loro unico bene, una mucca, la migliore amica di Remi. È allora che il papà rivela a Remi di non essere il suo vero padre ma di averlo trovato a Parigi, dove era stato abbandonato, e gli comunica, dato che non può più provvedere a lui, che intende portarlo all’orfanotrofio.

E poi per l’ultimo appuntamento del 7 febbraio ci spostiamo in America: parliamo ovviamente del grande ritorno di Clint Eastwood con “Il corriere – the mule”. Earl Stone è un reduce della guerra di Corea e, ormai novantenne, continua a lavorare nell’orticultura. Separato dalla moglie e distante dalla figlia, ha un rapporto discreto solo con la nipote. Prossimo alla bancarotta, coglie al volo l’occasione di un ingaggio da parte di loschi figuri messicani.

13 FEBBRAIO

Mentre il 13 febbraio troveremo in sala l’unico titolo italiano a Berlino. Dal terzo romanzo di Roberto Saviano è tratto il film di Claudio Giovannesi “La paranza dei bambini”.  E’ la storia di un gruppo di ragazzi pronti a sparare, spacciare, derubare, uccidere, tutto pur di prendere il potere e a compiere i crimini peggiori in nome del dio denaro.

14 FEBBRAIO

Anche il 14 febbraio, giorno di San Valentino, è ricco di uscite.

Partiamo dall’Italia con il regista de “ La ragazza del mondo” Marco Danieli, il quale ci offre un omaggio a Battisti e Mogol con il film “Un’avventura” e che vede protagonisti Michele Riondino e Laura Chiatti. Matteo e Francesca sono cresciuti insieme in un piccolo paese, sono l’uno il primo amore dell’altra. Ma un giorno lei parte per Londra e lascia Matteo che passa il tempo scrivendo canzoni. Quando lei deve trasferirsi a Roma per lavoro, Matteo decide di seguirla per iniziare una nuova vita insieme. Inizia così la loro avventura.

E poi tra i migliori film di febbraio, c’è un’altra avventura,  raccontata da Karole Di Tommaso nel suo “Mamma + mamma”. E’ la storia del desiderio di maternità di Karole e Ali, due ragazze che si amano. Loro vivono in una piccola casa arrangiata a B&B che condividono con imprevedibili turisti e con l’ingombrante ex fidanzato di Ali, Andrea. Le ragazze dovranno affrontare tante peripezie. Ma quando il desiderio si fa più grande del dolore e della fatica, i miracoli possono accadere.

E poi a 500 anni dalla sua scomparsa, uscirà “Leonardo – Cinquecento”,  uno dei personaggi più conosciuti ed ammirati nella storia, il più grande scienziato di tutti i tempi fu prima di tutto un osservatore alla ricerca costante di nuove scoperte. La pellicola prodotta da Magnitudo film e Chili, proietta una luce inedita sulle osservazioni e sugli studi del Genio che da secoli affascina intere generazioni e ricompone, in esclusiva e per la prima volta al mondo, le migliaia di pagine dei Codici lasciatici da Leonardo Da Vinci in una prospettiva del tutto nuova.

Negli Usa dopo il recente “Ben is back” di cui abbiamo parlato qualche tempo fa segnaliamo in uscita (sempre nella stessa data del 14 febbraio) un film  con protagonisti Steve Carrell e il giovane protagonista del recente “Chiamami col tuo nome” di Luca Guadagnino, Timothée Chalamet. “Beautiful boy” di Felix Van Groeningen narra la vicenda  di Nick Shelf. Cresciuto con amore dal padre giornalista e dalla sua seconda moglie, Karen, comincia da adolescente a sperimentare qualche droga. Nick vorrebbe venirne fuori, ma non ci riesce: si pente, chiede aiuto, si disintossica e ci ricade. La storia di un calvario che investe tutta la famiglia e in particolar modo quel padre che farebbe qualsiasi cosa per poterlo aiutare.

E sempre dagli Usa, tra i migliori film di febbraio, c’è quello firmato da Ethan Coen che ci riporta, dopo tante versioni cinematografiche, a fianco di “Holmes and Watson”. Interpretati da Will Ferrell e John C. Reilly, riscoprirete la famosa coppia in una versione comica alla quale si aggiunge anche la dottoressa Grace Hart, la prima donna a Londra ad esercitare la professione.

Dal manga di Yukito Kishiro arriverà l’adattamento cinematografico fortemente voluto da James Cameron e che vede l’utilizzo di diverse tecniche digitali. “Alita –angelo della battaglia” di Robert Rodriguez è ambientato nel 26° secolo e  segue la storia di Alita (Rosa Salazar), un cyborg che viene scoperto in un deposito di rottami dal dottor Daisuke Ido (Christoph Waltz). Senza alcun ricordo della sua vita precedente, fatta eccezione per l’incredibile addestramento nelle arti marziali memorizzato dal suo corpo, Alita diventa una spietata cacciatrice di taglie.

Ha vinto l’Orso d’oro nella sezione principale del 68º Festival Internazionale del Cinema di Berlino, “Touch me not” di cui, se ricordate, avevamo parlato a settembre e di cui è stata rimandata l’uscita. La pellicola di Adina Pintilie racconta la storia di Laura, una donna che non può sopportare di essere toccata. Prova con varie esperienze, ma non riesce a superare il suo problema fino a quando parteciperà ad un workshop e si svelerà agli altri dopo aver scoperto di non essere sola.

20 FEBBRAIO

Tra i film migliori di febbraio c’è un altro ritratto al femminile, molto diverso ma altrettanto interessante:“Westwood PUNK. ICON. ACTIVIST.” di Lorna Tucker è uno sguardo acuto nel processo creativo della Westwood dalle proteste punk degli anni ’70 al suo successo internazionale. Conosciuta per la sua sovversiva e originale interpretazione della moda britannica, oggi combatte per mantenere l’integrità e l’eredità del suo marchio.

21 FEBBRAIO

E continuiamo con le uscite del 21 febbraio e partiamo da una produzione tra Spagna, Usa e Canada, quella della pellicola “Quello che veramente importa” di Paco Arango.  Alec è un ingegnere incapace di mettere ordine nella sua vita. Quando il suo negozio di riparazioni arriva sull’orlo del fallimento, un parente lontano gli offre un breve soggiorno in Canada, il luogo di origine dei loro antenati. Arrivato nel paese straniero, il giovane si troverà faccia a faccia con se stesso, il suo passato, la sua vita e, soprattutto, un dono che non sapeva di avere: ispirare quelli intorno a lui a credere in qualcosa al di là di quello che può essere spiegato.

E poi la commedia “Instant family” di Sean Anders che narra la vicenda di Pete e Ellie Wagner, marito e moglie sposati da diversi anni che sente fortemente la mancanza di un figlio. Per questo decidono di rivolgersi a un istituto che ospita bambini e adolescenti senza accogliendo in casa per un periodo l’adolescente Lizzie. La ragazza ha però due fratelli minori, Juan e Lita, e Pete e Ellie si ritrovano così genitori improvvisati di tre figli di età diversa. Ma quando la madre naturale dei ragazzi richiede al  giudice la custodia dei figli, Pete ed Ellie rischiano di perdere la loro nuova famiglia così faticosamente costruita.

E di coppia e figli in arrivo parla anche il film di Dan Fogelman “La vita in un attimo”. Due giovani innamorati di New York passano dalla spensieratezza universitaria al matrimonio e alla nascita del primo figlio.  Il regista e scrittore Dan Fogelman (This Is Us) racconta i colpi di scena inaspettati del loro viaggio,  esamina i pericoli e i benefici della vita quotidiana celebrando la condizione umana e tutte le sue complicazioni con umorismo, intensità e amore.

E poi troviamo il remake americano dell’opera norvegese del 2014 “In order of Disappearance”, che vedeva protagonista Stellan Skarsgård e diretto sempre da Hans Petter Moland. Oggi ad interpretare “Un uomo tranquillo” è Liam Neeson che dopo “Taken” torna a vestire i panni di chi cerca giustizia fai da te per difendere la propria famiglia.  Il protagonista, Nels, è un uomo semplice, un diligente cittadino della sua città nel Colorado dove ha vinto il premio dell’anno per il suo impegno come spazzaneve. Improvvisamente, la sua vita viene sconvolta quando il figlio viene ucciso da un potente boss della droga locale.

E sempre dall’America viene un’altra storia ambientata nel Colorado e  di un uomo esemplare il cui equilibrio di vita viene improvvisamente turbato. Protagonista di “The front runner – il vizio del potere” e diretto da Jason Reitman è Hugh Jackman. Il senatore Gary Hart è in piena corsa presidenziale. Egli conduce una vita al riparo dai media. Marito e padre, niente sembra contare per lui più del suo lavoro e della sua famiglia fino a quando viene accusato di avere una relazione extraconiugale con Donna Rice.

E anche al centro del nuovo film di Fausto Brizzi vi è un imprenditore di successo. “Modalità aereo” racconta di Diego (Paolo Ruffini), un impresario bello, ricco, famoso e di Ivano (Lillo) addetto alle pulizie dei bagni dell’aeroporto che è tutto il contrario. Un giorno, poco prima di imbarcarsi su un volo per Sidney (24 ore di volo), Diego dimentica il suo telefonino nella toilette dell’aeroporto. Ivano lo trova… non lo restituisce e avrà un giorno di tempo per cambiare in meglio la sua vita.

Sempre il 21 febbraio uscirà “The lego movie 2” di Mike Mitchell e Trisha Gum, il sequel di “The Lego Movie”, dove ritroverete Emmet, Lucy, Batman e i loro amici a Bricksburg in una nuova avventura per salvare la loro amata città. I cittadini devono affrontare una nuova minaccia: i LEGO DUPLO, invasori dallo spazio esterno, che distruggono tutto più velocemente di quanto si possa ricostruire. Ci sarà una battaglia per riportare l’armonia nell’universo LEGO.

28 FEBBRAIO

Il 28 febbraio uscirà un altro film d’animazione molto atteso, soprattutto nel mondo manga. In “Dragon Ball Super: Broly – il film” di Tatsuya Nagamine. Dopo la devastazione del pianeta Vegeta, tre Saiyan erano stati dispersi nello spazio costretti a diversi destini. Mentre due di loro si sono stabiliti sulla Terra, il terzo è stato cresciuto con un ardente desiderio di vendetta, sviluppando così un potere incredibile. I tre destini si incroceranno in una battaglia che scuoterà l’intero universo.  Goku è tornato ad allenarsi duramente per poter affrontare i nemici più potenti che le galassie hanno da offrire, e Vegeta non è da meno. Ma quando improvvisamente i due si troveranno di fronte un ignoto Saiyan, scopriranno una forza atroce e devastante.

Per le amiche di Tua City Mag amanti della pittura ecco un altro appuntamento con l’arte. In occasione del cinquecentesimo anniversario dalla nascita dell’artista, “Tintoretto un ribelle a Venezia” di Giuseppe Domingo Romano e Pepsy Romanoff sarà in sala dal 25 febbraio. Produzione cinematografica firmata Sky Arte, ideata e scritta dal premio Strega Melania Mazzucco e che vede la partecipazione straordinaria di Peter Greenaway, il film ripercorre i luoghi iconici della Venezia di Tintoretto, uno dei giganti della pittura europea del XVI secolo, esplorando anche le rivalità tra i più grandi artisti del tempo..

28 FEBBRAIO

E arriviamo così a fine mese con quattro uscite del 28 febbraio

Dall’Italia due storie diversissime di famiglia: la prima è “I villeggianti” di Valeria Bruni Tedeschi . La vicenda si svolge in una villa sulla riviera francese. Un luogo che sembra fuori dal tempo e isolato dal resto del mondo. Per alcuni giorni di vacanza Anna la raggiunge e deve gestire la recente fine del suo matrimonio e la preparazione del suo prossimo film tra familiari, amici e personale di servizio. Emergeranno paure, desideri e rapporti di potere.

E poi “Croce e delizia” di Simone Godano: i Castelvecchio sono una famiglia di eccentrici, narcisisti e disuniti e hanno una mentalità aperta. I Petagna sono tutto l’opposto. Queste due famiglie si ritroveranno a trascorrere le vacanze estive insieme quando i capifamiglia Tony e Carlo annunceranno il loro amore inaspettato.

E di storie viste da un’altra prospettiva parla in fondo anche il cartone animato “C’era una volta il principe azzurro” di Ross Venokur. Si va a scoprire uno dei personaggi più celebri delle favole: il Principe Azzurro. Vittima da piccolo di un incantesimo che lo rende irresistibile e capace di far innamorare di sé tutte le donne, il Principe Azzurro dovrà trovare il suo “vero amore” prima del suo ventunesimo compleanno o perderà il suo regno.

Ed infine dagli USA con 3 nomination agli Oscar (attrice, attore non protagonista e sceneggiatura non originale) troviamo “Copia originale” di Marielle Heller. New York, 1991. Lee Israel ha un grande talento e un pessimo carattere. Licenziata per un bicchiere e un insulto di troppo, deve trovare un modo per sbarcare il lunario e curare il suo adorato gatto. Due lettere di Fanny Brice, rinvenute per caso in un libro della biblioteca e vendute a 75 dollari, le forniscono l’idea che cercava.

Esce il 28 febbraio anche il nuovo film di Simone Spada “Domani è un altro giorno” con protagonisti Valerio Mastandrea e Marco Giallini. Remake dell’argentino “Truman – Un vero amico è per sempre”e girato tra Roma, Barcellona e il Canada la storia è quella di due grandi amici che si ritrovano per quattro giorni: uno dei due è malato, l’altro lo raggiunge dal Canada, dove vive e lavora. Sono tante le cose da dirsi e da sistemare, tra cui un cane.

Rispondi