bonus centri estivi 2021
Foto: Pexels

L’estate è arrivata, le restrizioni anti covid sono diventate meno restrittive ed è il momento per i più piccoli di recuperare un po’ del tantissimo tempo passato in casa negli ultimi mesi.

In attesa di andare in vacanza, un ottimo modo per far tornare all’aria aperta ce alla socialità bambini e ragazzi sono i Centri Estivi.

Fino al 30 giugno c’è la possibilità di fare domanda per il nuovo bonus centri estivi 2021 e baby sitter e servizi integrativi per l’infanzia. Vediamo come.

Bonus Centri Estivi 2021: a chi spetta

La platea degli aventi diritto al bonus è ristretta ad alcune categorie Inps.

Possono infatti fare richiesta del Bonus Centri Estivi 2021 che va a coprire anche attività di baby sitting e altri servizi per l’infanzia, gli iscritti alla Gestione Separata, i lavoratori autonomi iscritti all’Inps.

Il bonus potrà essere erogato anche ai lavoratori autonomi iscritti ad altre casse previdenziali, previa comunicazione all’Inps.

Possono richiedere la misura che è una forma di rimborso, gli appartenenti alle categorie del reparto sicurezza e difesa e pubblico soccorso.

E anche il personale medico sanitario, ovvero medici, infermieri ma anche biologi, tecnici di laboratorio e altre categorie del comparto socio sanitario.

Come funziona il rimborso

Ma cosa è esattamente e come funziona il Bonus Centri Estivi 2021?

Il nuovo bonus baby sitting e altri servizi integrativi per l’infanzia, è erogato per i figli entro i 14 anni di età. Non può essere cumulato con il bonus asili nido.

L’importo massimo erogato, tramite il libretto di famiglia può arrivare fino a 100€ a settimana.

Il bonus sarà erogato, a titolo di rimborso entro il prossimo 31 dicembre. Verrà corrisposto direttamente al richiedente, che dovrà presentare il documento che attesti l’iscrizione del minore di 14 anni al centro estivo.

La domanda può essere inoltrata entro il prossimo 30 giugno direttamente online sul sito dell’Inps o attraverso patronato.

Altre informazioni sulla pagina dedicata del sito dell’Inps.

Rispondi