barbra streisand 80 anni mostra roma

La Casa del Cinema di Roma, celebra un’artista piena di talento in occasione dei suoi 80 anni, con una mostra, Barbra Streisand Movies che sarà visitabile dal 20 aprile al 14 maggio.

Due Oscar, sei Emmy Award, undici Golden Globe, dieci Grammy Award, un Tony Award, due David di Donatello e trenta album diventati dischi di platino negli Usa. Un’ infinità di premi prestigiosi che descrivono la carriera di Barbra Streisand.

 L’esposizione punta a ripercorrere i 60 anni di carriera della diva americana attraverso un percorso ricco di foto, articoli e colonne sonore dei suoi film.

 

Barbra Streisand, dai locali di New York agli Oscar

 

Nata e cresciuta a Brooklyn, la giovane Barbra Streisand perde il padre dopo poco più di un anno di vita. La tragedia la segna profondamente tanto da non farle accettare la presenza del patrigno, con il quale avrà sempre un rapporto difficile. Il suo debutto nel mondo della musica è in un bar di Manhattan nel 1960, dove ottiene subito un incredibile successo.

Un primo successo che la porterà a diventare in breve tempo un mito della musica internazionale.

 Nel 1962 esce con il suo primo disco “The Barbra Streisand Album”, che conquista subito due Grammy Award.

Mentre le sue canzoni dominano le classifiche, a Broadway il nome di Barbra Streisand conquista la scena grazie al successo di “Funny Girl”. E’ il musical basato sulla vita dell’attrice comica Fanny Brice a consacrarla anche attrice, con il favore della critica. Non passa molto tempo e anche la televisione la vuole, portandole in dote l’ambito Emmy Award per i duetti con Judy Garland, andati in onda nella seconda metà degli anni Sessanta sulla CBS.

E poi arriva, ormai inevitabile, il grande schermo. L’artista newyorkese esordisce sul set nella versione cinematografica del musical Funny Girl (1968), per il quale vince l’Oscar come migliore attrice. Ogni prodotto artistico toccato dalla Streisand diventa un gioiello prezioso.

Seguono film drammatici, musical e commedie di varia importanza (da segnalare la collaborazione con Herbert Ross in Il gufo e la gattina e il monumentale Hello, Dolly al fianco di Walter Matthau). Dopo l’intensa interpretazione di Ma papà ti manda sola?  al fianco di Ryan O’Neal, diventa un mito anche in campo cinematografico quando recita a fianco di Robert Redford in Come eravamo di Sydney Pollack.

Dopo È nata una stella (1976), che ottenne un immediato riscontro e che la fa vincere il secondo premio Oscar per la miglior canzone dell’anno (“Evergreen”), passa anche dietro la macchina da presa e dirige da regista Yentl (1983), film dalle implicazioni autobiografiche che parla di una donna ebrea costretta a travestirsi da uomo per accedere ad una scuola di studi religiosi.

Anche la carriera musicale prosegue con la pubblicazione di numerosi album di successo che contengono canzoni passate alla storia come “No More Tears”, “Woman in Love”, “The Way We Are”. Con “The Broadway Album” ritorna alle origini e rimane in classifica nella prima posizione per tre settimane. 

Il 1993 è l’anno di uscita de Il principe delle maree, film prodotto, diretto e interpretato per il quale ottiene numerose nomination all’Oscar; mentre nel 1996, dopo aver ricevuto il Grammy Award per la carriera e l’album “Higher Ground”, firma la regia de L’amore ha due facce che segna il suo debutto come commediografa. Prosegue poi la carriera con discrete conferme sia nella musica che nel cinema, dove la rivediamo nei panni di un’estrosa madre di famiglia nella commedia campione d’incassi Mi presenti i tuoi? , seguito da Vi presento i nostriParto con mamma, una divertente commedia di Anne Fletcher e ultima interpretazione (per ora) della Streisand.

  • barbra streisand 80 anni mostra roma
  • barbra streisand 80 anni mostra roma
  • barbra streisand 80 anni mostra roma

Rispondi