Arriva da oggi su Amazone Prime Video, Ballo Ballo, il musical che rende omaggio alla musica e all’arte di Raffaella Carrà.

Il film, è una produzione spagnola diretta da Nacho Alvarez, il cui titolo originale ne illustra perfettamente l’essenza: Explota Expolota.

Ballo Ballo è in effetti innanzitutto un’esplosione: di colori, di gioia, di allegria, di musica. A fare da detonatore ci sono i brani più amati e universalmente conosciuti di Raffaella Carrà.

La trama alla base di Ballo Ballo, sebbene piacevole e scorrevole, risulta infatti solo il pretesto per riascoltare e godere di una lunga carrellata di canzoni che sono entrate nella nostra storia.

Dal brano che dà il nome al film, che fu nel 1983 la sigla di Fantastico presentato quell’anno dalla Raffa nazionale, agli immancabili Tanti Auguri e Tuca Tuca, solo per fermarci ai più noti.

La protagonista di Ballo Ballo è una giovane appassionata di danza che non esita a inseguire i suoi sogni nonostante tutte le difficoltà. Il film è ambientato negli anni della spagna franchista. Gli stessi anni in cui Raffaella Carrà dopo una brillante carriera italiana, sbarcava nella penisola iberica portando lo stesso entusiasmo e lo stesso gioioso scompiglio di cui era già stata protagonista in patria.

La rivoluzione gentile di Raffaella Carrà e dei suoi brani irriverenti, come ha scritto recentemente l’autorevole Guardian, hanno contribuito a cambiare i costumi degli anni ’70 in un modo tutto peculiare, genuino e parallelo a quello dei movimenti femministi, diventando la colonna sonora più disimpegnata della liberazione sessuale.

Nel film la contrapposizione principale è tra l’esuberanza e la voglia di vita della giovane protagonista,che è un tutt’uno con la colonna sonora, i balletti, i costumi, tutti sgargianti e il grigiore della conservazione e di chi vuole fermare i tempi che cambiano a colpi di censure e regolamenti.

“Mi è piaciuto moltissimo come Nacho Álvarez ha lavorato sulle musiche, sono inserite in un modo davvero sorprendente nel film. Gli attori sono tutti bravissimi, la storia è divertente e riesce a raccontare con leggerezza un periodo storico di grande cambiamento”. Dice Raffaella Carrà del film. “Sentire le mie canzoni cantate da un’altra persona mi ha dato una strana, ma allo stesso tempo piacevole, sensazione. E poi le musiche sono davvero straordinarie. Si percepisce anche una forza incredibile attraverso l’intero film, che ti attraversa e riesce ad arrivarti dritta al cuore!”

Esattamente come le sue canzoni, una vera esplosione di vita e libertà.

Rispondi