Home Teatro Alice si perde nel Paese delle Meraviglie al Brancaccio

Alice si perde nel Paese delle Meraviglie al Brancaccio

2640
0
alice paese delle meraviglie

Alice nel Paese delle Meraviglie rivisitata tra circo e teatro, è in scena fino al 3 febbraio al Teatro Brancaccio di Roma.

Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie si prestano decisamente bene per un adattamento circense come quello di Alice in Wonderland, in scena fino al 3 febbraio al Teatro Brancaccio.

Il progetto della compagnia Circus-Theatre Elysium, è ambizioso.

Il problema di Alice è la noia. È a causa di quella che, la protagonista della fiaba scritta da Lewis Carrol, segue il Bianconiglio nel fantastico mondo delle meraviglie. Esattamente come lo spettatore che vuole evadere dalla realtà e vivere un’avventura.

Quando le luci del teatro si spengono ha inizio la magia. Il Bianconiglio e il Cappellaio matto, dalla platea ci conducono nel paese delle meraviglie, dove attraverso gli occhi di Alice, conosciamo altri personaggi come la regina rossa e la regina bianca.

L’onirico è raccontato attraverso un miscuglio di molteplici discipline: teatro danza, ginnastica acrobatica, recitazione, video arte, a cui Carrol presta la scusa per esibirsi.

alice nel paese delle meraviglie

Gli episodi, incollati fra loro esattamente come i discorsi di Pinco Panco e Panco Pinco (ossia, senza capo ne coda – per chi non conoscesse i romanzi), narrano, appunto, una NON storia, restituendo al pubblico un’idea, se possibile, ancora più confusa delle avventure di Alice. Con troppa semplicità si passa da Alice nel paese delle meraviglie e il suo seguito, Attraverso lo specchio.

Nella sua parte coreografica, la “storia”, se così si può dire, non segue con esattezza nessuno dei due filoni: ora ci guidano le carte da gioco; ora la furia della regina nera (qui rossa, vista l’influenza del capolavoro di Tim Burton) nei confronti della regina bianca; ora Alice si perde nel giardino fiorito; ora volteggia in un passo a due col Gatto del Cheshire, creando, in chi conosce bene la storia, la falsa attesa che qualcosa di strabiliante debba prima o poi succedere.

Ma, forse, la bellezza della storia di Alice è proprio questa: creare disordine in un mondo ordinato e ordinario. Insomma, uno spettacolo con due pesi e due misure. Se da un lato c’è la NON storia, dall’altro c’è l’indiscussa bravura degli artisti circensi che regalano esercizi mozzafiato. Sfidando le leggi spazio temporali, gli acrobati si muovono in aria fra la lentezza disarmante dell’attesa e la velocità di un brivido, catturando l’attenzione di grandi e piccini, lasciandoli spesso col fiato sospeso.

alice nel paese delle meraviglie

Teatro Brancaccio

v. Merulana 244, Roma

Spettacoli:venerdì 1 febbraio ore 20:50;sabato 2 febbraio ore 17:00, sabato 2 febbraio ore 20:50, domenica 3 febbraio ore 17:00

Prezzi da 39,00 a 28 euro

Altre info: qui

Rispondi