cammino dei briganti

Nella nostra Estate Italiana scopriamo i territori anche attraverso i Cammini. In Abruzzo si avventuriamo sul Cammino dei Briganti

Il Cammino dei Briganti è un bellissimo percorso che si snoda tra Lazio e Abruzzo che ha fatto da sfondo alle scorribande dei banditi nell’800. Veronica Iovino di Sogna Viaggia Ama, ci guida su un sentiero di grande bellezza e suggestione

Tra Lazio e Abruzzo c’è uno dei Cammini più affascinanti d’Italia Stiamo parlando del Cammino dei Briganti un sentiero ad anello di 100 km che si snoda tra la Marsica e il Cicolano.

Il punto di partenza e l’arrivo è a Sante Marie nei pressi di Tagliacozzo (AQ).

Il percorso, fattibile in sette giorni, si sviluppa su quote tra gli 800 e i 1300 .

Il Cammino dei Briganti  è un percorso affascinante che vi immergerà in una natura selvaggia e vi porterà l’ebrezza di ripercorre le orme della famigerata Banda di Cartore tra la Val de Varri, la Valle del Salto e le pendici del Monte Velino.

I territori che attraversa il sentiero sono dominati da boschi, borghi medievali e montagne che hanno fatto da sfondo a 150 anni di scorribande al confine tra il Regno Borbonico e lo Stato Pontificio.

Il Cammino dei Briganti:le tappe

Il Cammino dei Briganti è costituito da 7 tappe, vediamole nel dettaglio

La prima  tappa collega Sante Marie e Santo Stefano. Tappa breve, di 5,6km è praticamente una sgambata per prepararsi ad entrare nello spirito del viaggio.

La seconda tappa unisce Santo Stefano a Val de Varri. Si cammina per 13,9 km. Si entra in Val de Varri, la valle meno turistica per poi entrare nella Valle del Salto, passando sopra una piccola montagna, raggiungendo il paese di Poggiovalle, il paese dei briganti.

La terza tappa unisce Nesce e Cartore. E’ una camminata di 16,6 km.

Si scende il fiume Salto fiancheggiandolo per un  tratto. Si passa poi sotto il monte Rose fino a Spedino percorrendo la strada sterrata fino al bellissimo villaggio di Cartore, sede di una famosa banda di briganti.

La quarta tappa, facoltativa, è quella Anello di Cartore – Lago della Duchessa

Si può scegliere tra due possibilità, una più semplice di 12,3 km e una di 15 km molto più lunga come dislivelli e solo per escursionisti esperti. I paesaggi sono comunque strepitosi e vale la pena, se ve la sentite di aggiungere questa tappa in più al vostro Cammino dei Briganti.

Da Cartore si risale al Passo Le Forche, sotto il Monte Velino e si scende a Santa Maria in Valle Porclaneta. Infine, dopo 8 km dalla partenza, si raggiunge il borgo medioevale di Rosciolo.

La tappa successiva è lunga 14,5 km. Superato il paese di Magliano, si sale il versante del monte San Nicola e si scende al Casale Le Crete. Si può passare da Sorbo o da Scurvola Marsicana.

Nell’ ultimo giorno di cammino si affronta una camminata di 21 km che vi riporterà al punto di partenza.

Dal Casale si cammina su panoramici stradelli sterrati fino a San Donato, si sale ai ruderi di un antico castello, scendendo a Scanzano e a Tubione per raggiungere infine Sante Marie.

Per gli amanti della bicicletta, è bene dire che il Cammino dei Briganti è percorribile anche in mountain bike.

Il Cammino dei Briganti è molto curato e per l’accoglienza si incontrano diverse piccole strutture familiari. Il sentiero è percorribile tutto l’anno.

Per raggiungere Sante Marie (AQ), punto di partenza e di arrivo del Cammino dei Briganti, si può arrivare in auto o in bus da Tagliacozzo.

Per tutte le informazioni utili potete consultare il sito del Cammino dei Briganti:qui

Rispondi